Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Guide: passo per passo

Condividi:        

Generale
PREMESSA: se non conoscete il significato di qualche parola consultate il nostro Glossario.
2. I primi operatori

Scelta delle keyword
La scelta delle keyword è fondamentale. Tenete a mente questi piccoli consigli quando fate una ricerca:

Come prima cosa provate con le keyword ovvie. Se cercate informazioni su Picasso usate [Picasso], non [pittori].
Pensate a quali parole potrebbero essere sulla pagina che cercate. [Hotel Firenze] darà risultati più rilevanti di [un bel posto dove trascorrere il fine settimana]. Non strutturate le vostre query sotto forma di domanda: è più probabile che troviate una pagina che contenga la domanda piuttosto che la risposta che cercate. Ad esempio, la seguente query [dove posso fare domanda per ottenere un visto per l'egitto], non vi sarà utile quanto questa query [domanda richiesta visto egitto].
Cercate di essere il più specifici possibile. [automobili modellino ferrari] vi sarà di più aiuto di [vecchi giocattoli].
Se la ricerca non da i risultati sperati provate a cercare dei sinonimi delle keyword che state usando.
Cercate di pensare a una frase che potrebbe comparire sulla pagina e inseritela proprio come la potreste trovare. Ad esempio per cercare il titolo di una canzone che ho sentito in radio dico a Google di cercare tutte le parole che ho sentito in radio e aggiungo la keyword "lyrics" (che in inglese significa "testo" riferito a una canzone).
Se siete bloccati con le keyword, potete utilizzare questo Google Sets, un servizio che vi aiuta a costruire gruppi di oggetti con proprietà comuni. Ad esempio per dare aria ad una ricerca sulle arti marziali potete inserire keyword come karate, judo, jiu-jitsu, kung fu e kendo e Google vi restituirà una lista di arti marziali con cui potrete sviluppare il vostro lavoro.
http://labs.google.com/sets/


AND
La prima cosa da imparare è che l'operatore AND è automatico in Google. In altre parole lui cercherà tutte le parole che voi inserite. In effetti Google farà di più: cercherà tutte le parole da voi inserite dando maggiore importanza a quelle pagine che contengono tutte le parole nell'ordine in cui voi le avete inserite.

La query [iraq] da dei risultati ben inferiori (in termini qualitativi, non in termini numero di risultati) alla query [iraq guerra golfo].

Invece la query [iraq guerra golfo] darà gli stessi risultati di [guerra golfo iraq], ma questi ultimi saranno ordinati in modo diverso.

Quando effettuate una ricerca è importante cercate di pensare a una frase che potrebbe essere contenuta nella pagina che cercate e inserire le parole che compongono quella frase.

Per cercare, ad esempio, il significato di una parola molto specifica a un determinato settore che non conosco e che non trovo sui dizionari specializzati, uso una query come segue: [definizione xxx] oppure [glossario xxx]. Dove xxx è il termine che mi interessa.
Il mio ragionamento è che una pagina che mi spiega il significato di una parola includerà anche la parola "definizione" o "glossario" . Se avessi inserito solo il termine è molto probabile che avrei ottenuto solo pagine in cui viene utilizzato il termine nel corpo del discorso.


Parole comuni
Google ignora le parole ed i caratteri comuni, denominati anche "stop words" , scartando automaticamente termini come "http" e ".com" nonché alcune singole cifre e lettere, dal momento che questi termini non aiutano a restringere il campo di ricerca ma anzi contribuiscono a rallentare i tempi di ricerca. È quindi inutile inserire queste parole all'interno di una query.
Per Google query come [iraq guerra golfo] e [iraq la guerra golfo] sono equivalenti.

Vedremo dopo come fare in modo che queste parole vengano cercate lo stesso quando è importante che lo siano.


Massimo 10 parole
Una query può avere una lunghezza massima di 10 parole. Parole inserite oltre il limite non verranno considerate da Google.


Lettere maiuscole/minuscole o accenti
Google non fa distinzione tra lettere minuscole e maiuscole poiché considera tutte le lettere come minuscole. Ad esempio, digitando [google], [GOOGLE] e [GoOgLE] si ottengono sempre gli stessi risultati.

Stando alla documentazione ufficiale di Google, "per impostazione predefinita, Google non riconosce accenti o altri segni diacritici. In altre parole, se si digita [Munchen] e [München] si otterranno gli stessi risultati."
In realtà provando a fare ricerche per queste due parole si otterranno risultati molto diversi tra di loro. Ancora più strano, è però il fatto che la stessa ricerca, limitando i risultati a specifiche lingue, da risultati ancora diversi. In caso di ricerche importanti è consigliabile provare più modi di scrivere la stessa parola.


Ortografia
Il correttore ortografico di Google verificherà automaticamente la vostra query per vedere se state utilizzando la versione più comunemente utilizzata per scrivere una parola. Se calcola che la probabilità di ottenere più risultati con un altro modo di scriverla sia alta vi chiederà se modificare la query.

Siccome il correttore ortografico di Google si basa sul numero di ricorrenze di tutte le parole su Internet, Google è in grado di suggerire modi di scrivere la parola che non sono presenti sui dizionari comuni.

Alcune persone usano questo sistema per verificare l'ortografia di parole di cui hanno dei dubbi. Se Google suggerirà un altro modo di scrivere la parola inserita, allora ci sono buone probabilità che questa parola sia sbagliata.


OR
L'operatore OR dice a Google di cercare una keyword oppure l'altra: è indifferente. La query [Hotel Firenze OR Roma] troverà quindi tutti gli hotel di Firenze e Roma anche se le due città non appaiono nella stessa pagina.


Apostrofo
Cercare [dell'orto] e [dell orto] comporta risultati diversi.


Generale: webmaster [36 visite dal 01 Marzo 05 @ 00:01 am]