Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet
Autocad 2008: 3° panoramica sulle nuove funzionalità - news originale

Autocad 2008: 3° panoramica sulle nuove funzionalità

Condividi:         ale 25 Aprile 07 @ 05:00 am

Autocad 2008: 3° panoramica sulle nuove funzionalità

Come promesso la scorsa settimana, continuamo il nostro viaggio esplorativo all'interno di Autocad 2008 grazie ad un Workshop sulle nuove funzioni contenuto nel pacchetto.

È la volta di due interessanti argomenti: "Layer" e "Visualizzazione".

Layer.

Miglioramenti nei layer.

Modifica delle proprietà layer in base alla finestra: gli oggetti possono ora essere visualizzati in modo differente in singole finestre nello spazio carta mantenendo le proprietà layer originali nello spazio modello.
Quando viene visualizzata una finestra di layout, le modifiche locali delle proprietà possono essere assegnate a uno o più layer in modo che le nuove impostazioni vengano applicate solo a tale finestra.
La finestra sulla destra visualizza i cavi in un colore differente rispetto alla finestra di sinistra. Questo perché è stata impostata la modifica locale di un colore nel layer Cavi della finestra.
Quando viene aperto il Gestore proprietà layer da una scheda layout, vengono visualizzate quattro nuove colonne.
Tali colonne vengono utilizzate per impostare le modifiche locali delle proprietà layer per la finestra corrente: colore finestra, tipo linea finestra, spessore linea finestra e stile stampa finestra.
Analisi delle colonne delle modifiche locali della finestra in Gestore proprietà layer: quando Gestore proprietà layer è aperto e la finestra destra è attiva, viene visualizzato un colore di sfondo dietro il nome layer, l'impostazione colore e l'impostazione colore finestra.
Se la finestra sinistra è attiva quando Gestore proprietà layer è aperto, il colore di sfondo non verrà visualizzato perché non vi sono modifiche locali di proprietà layer per tale finestra.
Uso del filtro delle modifiche locali della finestra: un altro modo per visualizzare i layer a cui sono state apportate modifiche locali delle proprietà è attraverso il filtro Modifiche locali finestra in Gestore proprietà layer.
Quando per la finestra corrente vi sono modifiche locali delle proprietà, viene creato automaticamente un filtro Modifiche locali finestra nell'elenco strutture.
Selezionando il filtro, è possibile visualizzare rapidamente tutti i layer della finestra che hanno modifiche locali delle proprietà.
In questo esempio, la finestra destra è attiva e il filtro Modifiche locali finestra visualizza il layer Illuminazione come unico layer contenente modifiche locali delle proprietà.

Visualizzazione.

Illuminazione.

Introduzione alla luci fotometriche: le funzionalità relative all'illuminazione sono state migliorate in modo da includere una gamma di fonti luminose fotometriche. Con le luci fotometriche, è possibile illuminare le scene per ottenere immagini di rendering più realistiche.
L'illuminazione fotometrica può essere specificata in unità di misura internazionali (SI) o in unità di misura americane. L'impostazione delle unità internazionali (SI) è il valore di default.
Le luci fotometriche utilizzano valori del mondo reale per la regolazione dell'illuminazione. Se ad esempio la scena ha bisogno che vengano utilizzati impianti contenenti una lampadina da 75 W, è possibile selezionare una lampadina da 75 W dalla tavolozza degli strumenti. È possibile regolare l'intensità lampada della lampadina su unità Candela, Lumen o Lux.
I dati relativi alle luci fotometriche possono essere forniti in file IES che stabiliscono dati fotometrici che mostrano in che modo la luce derivante da un impianto illumina una stanza o una parete.

Illuminazione con impianti: per creare un'illuminazione realistica in un disegno è possibile incorporare luci fotometriche in blocchi che contengono anche geometria.
Le tavolozze degli strumenti di luci fotometriche consentono un facile accesso a lampadine, lampade e luci fotometriche da Web. È possibile scegliere tra tipi di illuminazione HID, incandescente, sodio a bassa pressione, fluorescente.
Un impianto combina un gruppo di oggetti luce in un dispositivo di illuminazione. È possibile ad esempio creare un gruppo di luci per illuminare un'area pranzo. È possibile selezionare le luci fotometriche dalle tavolozze degli strumenti, posizionarle all'interno di una rappresentazione tridimensionale della luce e creare un blocco di oggetti luce e della rappresentazione tridimensionale della luce per creare un dispositivo di illuminazione con proprietà fotometriche.

Sfondo sole e cielo: è ora possibile replicare gli effetti della luce del sole nei disegni applicando il nuovo sfondo Sole e cielo a una vista del disegno.
L'atmosfera fornisce una considerevole quantità di luce alle scene esterne. L'intensità e il colore di questa luce variano considerevolmente a seconda delle condizioni del cielo. Queste condizioni possono ora essere replicate attraverso le impostazioni delle proprietà.

Materiali.

Miglioramenti nei materiali: i miglioramenti nei materiali consistono nell'aggiunta di nuove mappe procedurali. A differenza di una bitmap, vale a dire un'immagine prodotta da una matrice fissa di pixel colorati come un mosaico, una mappa procedurale viene generata da un algoritmo matematico. Una mappa procedurale può essere generata in due o tre quote.
Le nuove mappe procedurali includono: Controllo, Disturbo, Picchiettatura, Affiancamento e Onde. È possibile creare materiali più realistici e organici nei disegni che possono derivare da mappe di composizione.
È possibile nidificare una mappa procedurale all'interno di un'altra mappa procedurale. Ciò fornire una maggiore variazione di colore e profondità al materiale.
Le nuove mappe procedurali sono state aggiunte alla tavolozza degli strumenti Materiali per fornire materiali da cui cominciare. È possibile selezionare tali materiali e apportare modifiche alle impostazioni relative alle proprietà.
Modifica locale illuminazione avanzata: con la modifica locale illuminazione avanzata a livello di materiale è possibile regolare aspetti dell'emissione di luce, riflessione e diffusione del colore per produrre immagini di rendering ancor più realistiche di quelle basate sulle fonti luminose che illuminano la scena.

Anteprima materiali realisitici: qualsiasi modifica apportata a un materiale determinerà l'aggiornamento del campione di anteprima. È possibile visualizzare l'aspetto reale del materiale prima di effettuare il rendering finale.
Le impostazioni di un materiale realistico sono proprietà fisiche, di conseguenza quando si utilizzano materiali realistici in combinazione con luci fotometriche, i rendering risultanti saranno realistici in termini fisici.
Anche se la maggior parte dei materiali reagisce in modo realistico quando illuminati da luci fotometriche, sono spesso necessari alcuni aggiustamenti a livello di materiale per migliorare l'illuminazione indiretta o ampliare l'espressione artistica. È possibile selezionare un materiale dalla tavolozza dei materiali e regolare le proprietà fisiche del materiale stesso, nonché visualizzare i risultati nel campione di anteprima.

Regolazione di mappe procedurali: dopo aver creato e applicato mappe al materiale è possibile regolare le impostazioni di scala e affiancamento. Un pannello per Scala e affiancamento materiale e Offset e anteprima materiale è stato aggiunto alla finestra Materiale per apportare modifiche a queste impostazioni.
È inoltre possibile specificare un fattore di scala e sincronizzare le impostazioni da condividere tra tutte le mappe oppure è possibile specificare le impostazioni a livello di mappa procedurale.
I materiali possono essere regolati per adattarsi alla forma dell'oggetto. Applicando le impostazioni appropriate a un oggetto si migliora l'adattamento per tale oggetto. La modifica verrà visualizzata nel campione di anteprima del materiale.


Nella prossima conlusiva news, in uscita mercoledì prossimo, vedremo le funzioni "Interfaccia utente", "Personalizzazione" e "Produttività di disegno".

Alla prossima!


Nota Bene:
Il Workshop by Autodesk è proprietario delle definizioni inserite in questa news che, nella versione originaria proposta all'utente, sono corredate da mini presentazioni e disegni.


News correlate a "Autocad 2008: 3° panoramica sulle nuove funzionalità":


Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: