Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet
Privacy nelle app per smart phone. Caos totale - news originale

Privacy nelle app per smart phone. Caos totale

Condividi:         ezechiel2517 01 Marzo 12 @ 09:00 am

Se siete in possesso di uno smart phone e scaricate delle app, come fa circa la metà delle persone negli Stati Uniti e in Europa, probabilmente siete gia incappati in una di quelle app che vi mostrano un pop up con la domanda "Vuoi cercare i tuoi amici?" e si offrono di cercare per voi i vostri amici, o più in generale le persone che gia conoscete, sui più popolari social network.

E' facile e veloce, basta fare un semplice click sul bottone "OK". Ma cosa accade dietro le quinte subito dopo il click? Beh, qui è ufficialmente dove tutte le vostre certezze sulla privacy online se ne va a signorine a pagamento. A metà febbraio un ricercatore indiano, Arun Thampi, ha descritto al mondo intero cosa succede quando Path, una app per l'iPhone, vi fa quella domanda. Fa una sorta di dump della vostra agenda dei contatti (nomi, mail, numeri di telefono...) sui server di Path. Il fragore di questa notizia si è propagato per l'etere e la rete creando un caos senza precedenti. Il CEO di Path si è affrettato a prendersi la colpa e scusarsi con gli utenti. I suoi dipendenti si sono dati da fare per far uscire in tempi brevissimi l'update che blocca l'upload dei dati dal vostro smart phone. E tutto sembrava tornato alla calma.

Tempesta, calma e, ancora tempesta. Qualche tempo dopo Dustin Curtis, mette in giro la voce che sono molte le app che fanno lo stesso giochetto. Nel suo blog scrive i risultati di una sua personale ricerca "13 sviluppatori di apps per iOS su 15 mi hanno confermato che nei loro server ci sono milioni di contatti." pur aggiungendo subito dopo che "Questi dati non sono stati salvati per essere resi pubblici".

A questo punto si è scatenata una specia di caccia alle streghe e sono saltate fuori come funghi altre apps come Facebook, Instagram, Yelp e Gowalla. E, se ancora non bastasse, solo pochi giorni dopo il post sul blog di Curtis, Twitter ha ammesso che anche loro lo fanno.

Per onore di cronaca, non è solo Apple. E' di qualche giorno fa la notizia bomba che Google usa i coockies su Safari per traciare i vostri movimenti, senza che gli utenti lo sappiano.

Qualcuno ha parlato di privacy??



Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: