Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet
Intervista a Hubert Mantel, co-fondatore di SuSe - news originale

Intervista a Hubert Mantel, co-fondatore di SuSe

Condividi:         dade 18 Dicembre 06 @ 08:00 am

1. Intervista in italiano

Intervista a Hubert Mantel, co-fondatore di SuSe

Cominciamo una rassegna di interviste realizzate in collaborazione con il portale Data Manager Online nella persona di Loris Bellè, direttore, che ringraziamo per l'opportunità.

1. Quando hai cominciato a lavorare con i computer?
Il mio primo contatto con i computer è stato a scuola nel 1979 con un Tektronix a 8KB di RAM. Ho cominciato a essere pagato per lavorare con i computer nel 1987 in una piccola società vicino Erlangen dove ho studiato.

2. Sappiamo che i computer non sono tutto nelle nostre vite, cosa fai per divertirti?
Beh, ho tre bambini piccoli, questo dovrebbe rispondere alla domanda :)

3. Perchè hai deciso di creare una distribuzione Linux con i tuoi amici (Roland, Burchard e Thomas)?
È stato più o meno per caso. Abbiamo fondato una società per lo sviluppo software, visto che abbiamo lavorato tutti nell'IT mentre studiavamo. Solo nelle settimane seguenti abbiamo sentito per la prima volta di Linux, l'abbiamo provato e ci è subito piaciuto. All'epoca (era il 1992), quasi nessuno aveva l'accesso a internet, e molte persone chiedevano dove trovare questo nuovo sistema operativo open-source. Così abbiamo cominciato fornendo SLS (la prima distribuzione Linux di Peter Mc Donald) e dopo Slackware (di Patrick Volkerding). Molto presto ci siamo resi conto che per offrire supporto al sistema, sarebbe stato molto meglio creare una nostra distribuzione. Abbiamo cominciato lo sviluppo di YaST e abbiamo creato la nostra distribuzione basata si Jurix di Florian La Roche.

4. Che tipo di aiuto avete ricevuto?
Abbiamo ricevuto ogni tipo di aiuto da molte delle più conosciute persone che lavorano nell'ambito dell'open-source inclusi sviluppatori di kernel che successivamente abbiamo assunto. Non abbiamo ricevuto soldi dal investitori o quant'altro. Questo è cominciato qualche anno dopo quando la grande “bolla high tech” è iniziata.

5. Io non credo nel GNU, come proveresti a convincermi ad adottare questa strana, per me, filosofia?
È per la libertà. Se devi scegliere tra una macchina che può percorrere solamente alcune strade (imposte dal produttore) e una che ti permette di andare dove vuoi, quale delle due sceglieresti?
Quando ho lavorato per una grande società qualche anno fa, avevamo bisogno di fare una piccola modifica al kernel di SunOS su cui girava un'applicazione. C'è voluto un bel po' di lavoro per riuscirci, con Linux il problema si sarebbe risolto in un'ora, perché hai il codice sorgente e puoi modificarlo in qualunque modo tu voglia.
Inoltre mi sento meglio a connettermi ad internet con un software che è stato rivisto da molte persone; non mi piace usare una scatola nera in cui non so cosa accade nei retroscena.
Sono contento che hai chiamato il movimento GNU/Linux una filosofia, e non una religione :)

6. Cosa pensi dell'accordo tra Microsoft e Novell?
Credo che sia una buona cosa sopra tutto per gli utenti. Se pensi a qualche anno fa, Linux non era preso seriamente. Adesso anche Microsoft ha riconosciuto che esiste e non se ne andrà. Capisco che a molte persone non piaccia che Novell collabori con il “l'impero del male”. Ma non mi piace questo modo di pensare; non stiamo lavorando contro qualcuno, ma stiamo lavorando PER Linux. Il fondamentalismo conduce sempre al dolore. Quello che importa è che Linux è gratis e rimarrà gratis. Il codice è aperto a tutti, è questo che conta per me. Alcune persone sembrano pensarla in una maniera interessante: da una parte vogliono conquistare il mondo e dall'altra non vogliono che Linux sia cresciuto e debba confrontarsi con il vero business. Abbiamo un detto qui in Germania che dice “lavami, ma non bagnarmi”. Se vuoi che Linux abbia successo, non puoi vivere nel tuo universo.

7. Sappiamo che hai abbandonato Suse/Novell. Perché?
Ero esausto. Dopo molti anni di niente altro oltre al lavoro e alcune spiacevoli esperienze con i nostri investitori, non mi sentivo più di continuare. Mi serviva un periodo di pausa.

8. Quali sono i tuoi prossimi impegni? Qualche anticipazione sul futuro?
Bene, nel caso non lo sapessi di gia: Sono tornato a Novell/Suse da inizio dicembre. Sono stato più di un anno a pensare al mio futuro giungendo alla conclusione che la cosa che più mi interessa è stare con Linux. In oltre ho molti buoni amici in SuSe e mi piace lavorare con e per Linux. Così sono tornato :)

9. Secondo te, quale sarà il futuro dell'Open source?
Linux e l'open-source sono cresciuti. Penso che l'open-source e il software proprietario coesisteranno. Mentre io preferisco l'open-source, posso capire che c'è anche del software il cui codice sorgente non è disponibile liberamente. E questo tipo di software esisterà sempre. Per me è importante avere una scelta. La competizione è sempre buona. Nessuno sa come sarebbe il mondo se Linux e l'open-source non esistessero. Penso che abbiamo già cambiato molto il mondo dell'IT.

10. Qual'è il tuo rapporto con la tecnologia?
In principio, la tecnologia è qui per risolvere problemi. Se me lo stai chiedendo dal punto di vista business, abbiamo bisogno di realizzare nuove tecnologie che siano in grado di aiutare i clienti nel loro lavoro. Se me lo chiedi da un punto di vista personale, posso dirti che mi piace la tecnologia, ma col passare degli anni il mio interesse per i nuovi gadget diminuisce. Per esempio, ho un vecchio telefono che non fa altro che telefonare. Nessuna fotocamera, browser o player MP3 :)

11. Il nuovo sistema operativo Microsoft è considerato come un sistema molto costoso, non tanto per il software impiegato ma per la quantità di hardware che necessita per funzionare. Secondo te, le aziende potranno valutare l'opportunità di convertire i propri sistemi al mondo open-source?
Ti riferisci a Microsoft Vista? Vista richiede CPU e schede grafiche molto performanti per lavorare correttamente; gli effetti grafici sembrano essere molto golosi in fatto di hardware compreso il sottosistema di accelerazione grafica (Xgl/compiz) incluso in SUSE Linux Enterprise Desktop. Queste richieste possono guidare le persone da Windows a Linux.

Intervista condotta in collaborazione con Data Manager Online.


Le interviste curate da pc-facile


News correlate a "Intervista a Hubert Mantel, co-fondatore di SuSe":

Indice
1. Intervista in italiano
2. Intervista in inglese

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: