Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Licenziata per un'email

Condividi:         webmaster 6 18 Aprile 05 @ 07:00 am

Spedisce una email ad un'amica e il suo datore di lavoro la licenzia. Dagli Stati Uniti un esempio orwelliano di videosorveglianza globale. In Italia non si potrebbe fare

Segretaria manda una email ad un'amica. La missiva viene letta dal suo superiore che la caccia su due piedi - così si legge in un articolo di Alessandra Farkas apparso ieri sul sito corriere.it!

"Il mio capo è un idiota. Si è comportato in modo arrogante tutta la settimana": bastano queste parole negli Stati Uniti per giustificare un licenziamento, dopo la normale lettura delle email personali di una lavoratrice da parte del suo datore di lavoro; lettura autorizzata da una legislazione molto permissiva in tema di trattamento dati personali (e giustificata dalle più importanti e pressanti esigenze di lotta al terrorismo). Negli Stati Uniti il controllo globale esiste... ma in Italia un datore di lavoro può licenziare un suo dipendente perché ha inviato una email "poco corretta" ad un amico? Un licenziamento potrebbe trovare una sua possibile giustificazione nella violazione dell'obbligo di fedeltà contenuto dell'art. 2105 cod. civ., ma ciò che dovrebbe fare più discutere è certamente la possibilità del datore di lavoro di leggere il contenuto della corrispondenza telematica privata di un proprio dipendente.

Nel nostro ordinamento la violazione della riservatezza di una e-mail corrisponde sostanzialmente alla violazione della corrispondenza, in generale, come contenuta nella Carta costituzionale all'art. 15 (la libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili).

...continua su punto-informatico.it



6 commenti a "Licenziata per un'email":
pjfry pjfry il 18 Aprile 05 @ 09:16 am

privacy o no, io un'email del genere non la manderei con l'account dell'azienda, per sicurezza :)

dany dany il 18 Aprile 05 @ 12:10 pm

A parte l'eccesso del provvedimento che non mi trova d'accordo, anch'io penso che non sia intelligente mandare un'email con quel contenuto, ma a mio parere è improprio l'uso dell'email dell'azienda per scopi personali.

iucaa iucaa il 19 Aprile 05 @ 12:26 pm

Infatti, per non sapere leggere o scrivere, meglio evitare e basta, resta il fatto che ormai la privacy è un qualcosa di veramente eutopico oggi giorno

magilvia magilvia il 25 Aprile 05 @ 12:43 pm

Per fortuna che qua in Italia abbiamo una legge sulla privicy veramente magnifica. E tanti che se ne lamentano...

Il datore di lavore deve avere tutte le possibilità di controllare se e quanto un dipendente usa gli strumenti di lavoro per motivi personali come email private ma non deve avere alcun diritto di leggerle però.

Palla Palla il 26 Aprile 05 @ 12:54 pm

x Magilvia: fatico a vedere la differenza in quello che dici. Come fa il datore di lavoro a sapere se la mail era di lavoro ... non la può leggere ... :))

pjfry pjfry il 26 Aprile 05 @ 17:09 pm

per esempio dal destinatario :)
e cmq un conto è leggerla o no, un conto è avere il diritto di usarne il contenuto dal punto di vista legale

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: