Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Scacchi: rivale in 3D per Kasparov

Condividi:         ale 5 11 Novembre 03 @ 16:00 pm

"La sfida tra il più forte giocatore di scacchi al mondo e il computer continua in un ambiente virtuale. Dopo aver affrontato i più sofisticati cervelli elettronici, infatti, Garry Kasparov torna a scontrarsi con una macchina immerso in uno spazio esclusivamente digitale. Re, regine e pedoni saranno solo creature virtuali nelle quattro partite della sfida tra Kasparov e "X3D Fritz", il suo nuovo rivale fatto di microchip."

Fonte: http://www.tgcom.it/
Articolo: link



5 commenti a "Scacchi: rivale in 3D per Kasparov":
Mikizo Mikizo il 12 Novembre 03 @ 01:23 am

la prima è andata patta...
per chi volesse seguire il match:
http://www.x3dchess.com/

PS forza Garry!

Mikizo Mikizo il 14 Novembre 03 @ 15:24 pm

La seconda l'ha vinta Fritz alla 39a mossa per un tragico errore di Kasparov...
Mi chiedo se sia il programma a stare diventando molto forte o se Garry non sia vittima di uno stress psicologico causato dal particolare tipo di sfida, infatti l'errore commesso in partita è davvero non da lui.
Ricordiamoci che si tratta di un grandissimo campione che però ha espresso il suo meglio negli anni ottanta.

Mikizo Mikizo il 18 Novembre 03 @ 00:05 am

Continuo nella mia mini-cronaca, per chi fosse interessato...
Grande riscatto di Kasparov che vince la terza partita del match portando il punteggio a 1.5-1.5
Ora l'ultima partita è decisiva.
Quello che è rimarcabile è che in questa partita Garry ha utilizzato brillantemente delle deficienze tipiche dello stile "da computer" di Fritz per vincere la partita.

Frengo78 Frengo78 il 18 Novembre 03 @ 12:04 pm

che genere di deficenze tipiche?

Mikizo Mikizo il 19 Novembre 03 @ 01:21 am

In primis rispondo a Frengo:
Un programma non è ancora in grado di giocare una partita seguendo una strategia posizionale (ossia cercando anche di migliorare costantemente la propria posizione), ma al contrario gioca quasi esclusivamente in modo tattico, ossia cercando soprattutto di guadagnare materiale. Questo tipo di gioco, nonostante l'incredibile profondità di analisi delle mosse del computer (fino a 20 mosse circa dopo quella in corso) può portare ad una sconfitta del computer contro un giocatore che conosce le caratteristiche del proprio avversario (questo d'altronde è il punto di forza dei grandi campioni anche contro avversari umani).
per contro, un essere umano che compie un errore tattico (come Kasparov nella 2a partita, pressato dallo zeitnot) è spacciato conto il programma, il quale sul suo terreno non lascia scampo.

In ogni caso ieri (martedi 18) il match si è concluso con una patta sul punteggio di 2-2, quindi l'ultima parola sullo scontro scacchistico man/machine deve ancora essere scritta... anche se pare evidente a tutti che prima o poi i software per scacchi diverranno imbattibili. Il fatto è che questo lo si pensa dagli anni '70 e il sorpasso deve ancora arrivare.

PS: non vi sembrano poche 4 partite?
Un match "regolare" ne prevede almeno 8.
Chissà che non sia stato fatto per impedire punteggi "tennistici" a sfavore dell'uno o dell'altro...
Mah! ;-)

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: