Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Software per la deframmentazione del disco rigido

Condividi:         ale 23 Ottobre 04 @ 17:00 pm

Come noto, la ragione prima del calo delle prestazioni di un personal computer è la frammentazione del disco, che cresce con il passare del tempo. L'installazione di programmi, la creazione e la copia di file, tendono con l'andare del tempo a produrre un degrado del sistema. Questo poiché frammenti di file saranno sparsi per tutto il disco e quindi per poter leggere nella sua interezza un singolo file, il file system dovrà operare numerosi accessi all'hard disk, determinando così un considerevole aumento dei tempi di risposta.
In un ipotetico scenario ideale tutti quanti i file sono memorizzati in cluster contigui, magari secondo uno specifico criterio, quale ad esempio, la frequenza d'accesso.

Windows 9x, ME, sistemi della famiglia basata ancora sul DOS 7, sono equipaggiati con il programma defrag, mentre su Windows XPvi è dfrg.msc che richiama a seconda del file system drfgfat.exe o dfrgntfs.exe, quest'ultimo nel caso di NTFS. Tuttavia in generale, altri programmi specifici sono preferibili al defragger standard di Windows, poiché sono più veloci, lavorano in background, anche su partizioni di oltre 1 TB e soprattutto sono in grado di operare con il disco quasi pieno.

Uno dei più noti è Diskeeper, ma ne esistono altri, tra cui O&O Defrag. Uno dei suoi punti di forza è il cosiddetto STEALTH-Method, una modalità di funzionamento indicata quando lo spazio libero sulla partizione è intorno all'8%. Nelle situazioni normali si può invece usare il metodo SPACE. O&O Software sta lavorando su O&O Defrag Linux, di cui è possibile scaricare una versione beta. Costa poco e funziona molto bene (NDF).

Un altro softwarre è PerfectDisk, certificato da Microsoft, presenta una tecnologia di ottimizzazione brevettata che permette di deframmentare l'intera partizione con una singola passata. Come il concorrente O&O Defrag può lavorare anche con il disco quasi pieno.

Vi è poi mst Defrag, che deframmenta in modo "proattivo", monitorando continuamente il disco rigido e deframmentando quando il computer è in stato di idle. Questa funzione è presente anche in O&O Defrag.

Ne esistono diversi altri ma concludo citando VoptXP, un interessando programma di cui tra l'altro è presente una recensione a questo link.

Fabrizio Pani - Programmazione.it



Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: