Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Guerra di software: RealNetworks si comporta come un hacker

Condividi:         ale 03 Agosto 04 @ 12:00 pm

E’ guerra aperta tra i due colossi americani del software, dopo che RealNetworks ha sviluppato e lanciato sul mercato un programma, Harmony, che permette di bypassare le codifiche specifiche dei file audio digitali venduti on-line rendendoli compatibili uno con l’altro e liberamente riproducibili su qualunque tipo di riproduttore portatile (vedi News). Come leader di mercato, la Apple è l’azienda più coinvolta dall’iniziativa: grazie al nuovo sistema, non solo i brani acquistati sull’iTunes Music Store possono essere ascoltati su player diversi dall’iPod, ma lo stesso lettore può essere impiegato per riprodurre canzoni scaricate da altri siti (compreso, ovviamente, il Rhapsody di RealNetworks) e in formato diverso (Windows Media o Helix con protezione DRM).
“RealNetworks usa le tattiche e l’etica di un hacker”, ha ribattuto stizzita (dopo giorni di silenzio) la Apple con un comunicato stampa in cui preannuncia valutazioni più approfondite sulla liceità del comportamento dell’azienda di Rob Glaser secondo le leggi che tutelano il copyright. La società californiana ha anche voluto lanciare un avvertimento agli utenti di RealNetworks: gli aggiornamenti periodici apportati all’iPod, avvertono gli uomini di Steve Jobs, impediranno probabilmente alla tecnologia Harmony di funzionare con le future configurazioni del prodotto.

La risposta di Glaser non si è fatta attendere: “Il Digital Millennium Copyright Act (la legge che negli Stati Uniti tutela il diritto d’autore nell’era delle comunicazioni digitali) consente esplicitamente la creazione di software interoperabili”, ha sostenuto l’azienda per mezzo di un successivo comunicato, aggiungendo che la sua tecnologia non rimuove né disattiva alcun sistema di protezione dei diritti digitali. “Harmony”, secondo RealNetworks, “segue una tradizione consolidata di sistemi pienamente legali e indipendenti per raggiungere la compatibilità. Esistono precedenti numerosi ed evidenti di quest’attività, per esempio i primi pc compatibili IBM fabbricati dalla Compaq”, ribatte ancora l’azienda di Seattle, prima di scoccare la frecciata finale: “Dovrebbero essere i consumatori, e non la Apple, a scegliere quale musica ascoltare sull’iPod”.

News tratta da Rockol.it


News correlate a "Guerra di software: RealNetworks si comporta come un hacker":


Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: