Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Guide: passo per passo

Condividi:        

Generale
PREMESSA: se non conoscete il significato di qualche parola consultate il nostro Glossario.
5. La normativa in Francia

Se in Italia sembra, quindi, esserci una certa incertezza normativa, guardando alla situazione europea la confusione aumenta, in quanto il problema è affrontato in maniera molto differente da paese a paese.
In Francia, ad esempio, si cerca di proteggere al massimo la privacy dei dipendenti. La Corte di Cassazione francese, con la sentenza 2 ottobre 2001 , è intervenuta radicalmente in merito alla questione del recente moltiplicarsi dei conflitti tra datori di lavoro e dipendenti sull'uso di Internet durante l'orario di lavoro.

La decisone della Suprema Corte francese riguarda un episodio accaduto nel 1995: la direzione della società Nikon France si era procurata le prove del comportamento poco professionale di un dipendente investigando tra i file del suo computer. L'impiegato in questione aveva creato un file personale, in cui archiviava tutta la sua corrispondenza non attinente allo svolgimento delle proprie mansioni; sul posto e in orario di lavoro egli si occupava, infatti, anche degli affari del padre. I superiori avevano utilizzato questo file per motivare il licenziamento del dipendente.
I giudici hanno, però, annullato il licenziamento, stabilendo che un file personale non può in nessun caso essere visionato senza il consenso del suo creatore, senza violare le norme a tutela della vita privata (convenzione europea dei diritti dell'uomo, codice civile e codice del lavoro).

La decisone del 2 ottobre scorso, pertanto, fornisce alcune importanti indicazioni ai datori di lavoro francesi, che saranno costretti ad adattare le regole interne delle loro aziende al principio del rispetto del diritto alla riservatezza dei dipendenti. L'invio e la ricezione di messaggi via e-mail sul luogo di lavoro non dovranno essere vietati in linea di principio, ma dovranno essere regolamentati mediante norme chiare e trasparenti, dal momento che il lavoratore non perde i suoi fondamentali diritti di cittadino quando entra in azienda.


Generale: Dylan666 [55 visite dal 20 Dicembre 04 @ 00:01 am]