Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Privacy Italiana.. Qualcuno mi aiuta?

Come rimuovere virus e spyware? Le carte di credito sono davvero sicure in rete? È possibile navigare anonimi? Con quali programmi tutelare la propria privacy? Come proteggere i file importanti? Se volete una risposta a queste e altre domande questo è il luogo giusto!

Moderatori: kadosh, Luke57

Privacy Italiana.. Qualcuno mi aiuta?

Postdi BaaakSAL » 03/10/03 16:03

Salve!
Il mio nome è Antonio e vi scrivo da Salerno.
Innanzitutto mi preme complimentarmi con tutti voi moderatori e non per la moltitudine di conoscenze che mettete a disposizione di noi comuni mortali!!
Questo Topic lo troverete anche nel forum di Attivissimo proprio perchè mi preme ricevere più consigli possibili al riguardo e soprattutto perchè, se c'è stata violazione di privacy, e se c'è un modo per combatterla (magari colpendo al portafoglio di questi signori) credo sia giusto mettere a conoscenza quante più persone possibili!
Vengo al dunque..
So che la legge sulla privacy è abbastanza complicata.. e forse nemmeno troppo chiara..
Riassumo ciò che mi è successo:
Ho una società di servizi ed animazione.. la mia mail (miocognome@miasocietà.it) può leggere il mio cognome e il nome della società!
Qualche giorno fa ho fatto richiesta ad un'azienda in franchising la "eco smart shop" che fa capo per la divisone franchising alla "rconsultingnet", di maggiori informazioni riguardo il loro franchising.. non mi dilungo su quante cose sospette ho intravisto dietro (ma questa è solo una mia strettissima opinione personale!!), ma la cosa strana è la seguente: mi rispondono il giorno 2 ottobre dicendo che la città di Salerno è libera e mi descrivono cosa devo fare per ottenerla.. In pratica versare (a conti fatti..) circa 15.000 euro per bloccarla.. ho i miei dubbi e soprattutto proprio non mi è piaciuto che la mail che mi hanno inviato conteneva altri 20 nominativi di mail alla quale era stata inviata.. insomma.. mail prestampata ed inviata ad altre 20 persone le quali hanno potuto leggere che il sig. ****** della ******, ha fatto richiesta di informazioni per aprire un negozio che vende droghe "per il momento legali" ed io lo stesso ho potuto fare di loro!
Mando loro una mail il pomeriggio del 2 ottobre esponendo le mie perplessità sulle informazioni date (in primis si parlava di alcune cifre come cita anche panorama nel seguente articolo http://www.panorama.it/italia/cronaca/a ... 0001020219 , nella mail del 2 ottobre le cifre son state stravolte e raddoppiate ad oltre 30.000,oo euro!!) ma ciò che più mi aveva dato fastidio era stata quella non curanza nella gestione dei miei dati personali divulgati con una semplicità unica!
e sa cosa mi è stato risposto stanotte in una mail delle 3.54!?
Gentile Cliente (ma cliente di chi?!?!)
Le confermo che la citta’ di Salerno e provincia e’ stata gia’ acquisita dal nostro 92 affiliato.
Distinti saluti
Dott. Danilo Russo

Strano vero?
alle 11.53 di ieri mattina la città di Salerno e la sua provincia (faccio presente che la provincia di Salerno è la più grande d'Italia) era libera.. ma appena questi signorotti hanno fiutato che qualcuno non si lasciava prendere in giro in maniera così lampante e soprattutto che qualcuno avrebbe potuto creare casini per la diffusione dei propri dati personali non autorizzata hanno risposto in meno di 15 ore per giunta scomodandosi di scrivermi alle 3.54 di notte per dirmi che l'intera Salerno e provincia era occupata dal 92esimo affiliato!

Inutile dirlvi quanto sia rammaricato per la poca serietà dimostrata, anche se, in verità, l'avevo già fiutata..

ma ora mi chiedo: so che qualcosa contro questi signori per la divulgazione dei miei dati personali (per giunta riferito ad un negozio che vende droghe "al momento legali") si può fare...
ma non riesco a districarmi tra le tante leggi e cavilli!!
qualcuno è a conoscenza di fatti analoghi andati poi a buon fine?
o sarò il pioniere della guerra contro i divulgatori di dati personali?
e soprattutto.. qualcuno ha qualche suggerimento in propositò a come devo muovermi?!

ringrazio vivamente tutti per il tempo concessomi..

Antonio
Credo mi piaccia essere.. di certo non mi piace apparire!
BaaakSAL
Newbie
 
Post: 6
Iscritto il: 03/10/03 15:55
Località: Salerno

Sponsor
 

Postdi Mikizo » 03/10/03 20:54

Personalmente trovo la questione estremamente interessante.

Purtroppo non conosco la risposta al tuo quesito ma sto setacciando la rete (per ora con scarsi risultati).

Nel frattempo riassumo la questione in un quesito solo, anzi due: è punibile per mancato rispetto della legge sulla privacy chi invia email (attenzione, non spammatorie) includendoi un elenco di indirizzi in cc anzichè in ccn? E se la risposta è affermativa, come bisogna muoversi contro chi viola questo principio?
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi Mikizo » 03/10/03 21:44

Che il comportamento di cui sopra sia in contrasto con la legge sulla privacy mi sembra evidente dopo la lettura del testo della legge.
In quanto a casi precedenti... non so, forse la rete non è utilissima in questo caso o forse io non riesco a trovare le parole chiave giuste (la parola "privacy" in rete è veramente abusata).
Comunque potresti provare a chiedere consulenza ad un avvocato presso un'associazione consumatori (non c'entra niente con i consumatori, ma in genere le associazioni sono disponibili su casi del genere).
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi pjfry » 03/10/03 22:40

scrivi anche a striscia la notizia e alle iene, magari indagano e ci facciamo 4 risate :diavolo:

p.s. ma si può sapere di che negozio stiamo parlando? droghe??? :eeh:
Avatar utente
pjfry
Moderatore
 
Post: 8240
Iscritto il: 19/11/02 17:52
Località: terni

Innanzitutto Grazie!

Postdi BaaakSAL » 04/10/03 17:59

Ma il problema principale credo sia proprio questo!
Associazione consumatori: quanti di voi ci hanno mai avuto a che fare?! Beh.. io si.. e credetemi.. di internet e suoi applicati non ne capiscono un tubo!
Allorchè sarebbe cosa buona e giusta rivolgersi ad un avvocato, che in tal caso sarebbe l'unico a sapersi districare tra leggi cavilli e cavilletti... ma qui c'è l'intoppo: è un caso, credo, mai affrontato prima.. e per questo bisogna dedicare tempo, studio, ricerche, etc.. etc...
UN BUON AVVOCATO---> rifiuta a prescindere perchè non ha tempo..
UN OTTIMO AVVOCATO---> si fa pagare solo per rivolgergli la parola..
UN APPENA ARRIVATO AVVOCATO---> ne sa quanto me..
Ora.. sarà mia personalissima opinione.. ma credo che ne possa sapere e ricavare molto di più chi come me (ma soprattutto come tanti di voi che leggono!!) frequenta e prova a districarsi tra la rete piuttosto che chi di internet ne fa un uso propriamente di e-mail, ed anche in quel caso ha bisogno di farsi aiutare..
salvo un unico caso: un avvocato rampante che, oltre ad aver dedicato i propri anni allo studio abbia dedicato il proprio tempo libero alla rete..
e in tutta sincerità?!
IO NON NE CONOSCO!!
Ma queste sono solo mie personalissime opinioni... alle quali spero voi saprete ribattere con fermezza.. e mi perdonino gli avvocati che mi leggeranno.. ma purtroppo di loro (e spesso nella legge stessa..) non ho mai avuto molta fiducia!!
Ad ogni modo continuo a ringraziare quanti di voi stanno contribuendo alle mie ricerche.. e anche a quanti si limitano solo a leggere...
Se non altro potrà servire ad aprire bene gli occhi prima di mettere qualsivoglia firma su qualsivoglia pezzo di carta!
Credo mi piaccia essere.. di certo non mi piace apparire!
BaaakSAL
Newbie
 
Post: 6
Iscritto il: 03/10/03 15:55
Località: Salerno

Postdi piercing » 04/10/03 23:29

pjfry ha scritto:scrivi anche a striscia la notizia e alle iene, magari indagano e ci facciamo 4 risate :diavolo:

p.s. ma si può sapere di che negozio stiamo parlando? droghe??? :eeh:


pj.... leggi il link di panorama... è tutto ben spiegato...

io non ravviso alcun problema per quanto riguarda la privacy... ma qualche problema di ordine diverso e molto meno informatico...

cmq mi riservo un'analisi più attenta al mio rientro "in patria"....
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Postdi pjfry » 05/10/03 12:21

piercing ha scritto:pj.... leggi il link di panorama... è tutto ben spiegato...

io non ravviso alcun problema per quanto riguarda la privacy... ma qualche problema di ordine diverso e molto meno informatico...

ops... mi era scappato il link :D
neanche i destinatari in cc sono un problema?
Avatar utente
pjfry
Moderatore
 
Post: 8240
Iscritto il: 19/11/02 17:52
Località: terni

Postdi Mikizo » 05/10/03 19:19

Io credo che i destinatari in cc siano sempre un problema, e infatti per questo era scattata la mia curiosità.
Dopo ore di ricerche infruttrose, ho notato che molti siti con consigli "per addetti ai lavori" sull'invio di e-mail di massa (newsletter o vero e proprio spam che sia) consigliano di non inserire i destinatari in cc "per evitare problemi con la legge sulla privacy", ma non ho trovato da nessuna parte un caso citato di causa intentata contro qualcuno che avesse inserito senza autorizzazione l'indirizzo e-mail di un terzo in cc.
Per quanto riguarda i problemi "di ordine diverso" che ravvisa piercing, ovviamente ne vedo tanti anch'io, ma mi sembrano più evidenti e più ovvi di quello del cc.
Per ora interrompo le ricerche (non ne posso più) ma se dovessi scoprire qualcosa di utile nel merito lo posterò subito qui.
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi brunok » 06/10/03 00:04

parte un caso citato di causa intentata contro qualcuno che avesse inserito senza autorizzazione l'indirizzo e-mail di un terzo in cc. ...


Per ovviare a quell'inconveniente dovrebbe essere sufficiente usare la funzione ccn.
Fun World ;) :) :D
brunok
Utente Senior
 
Post: 666
Iscritto il: 10/12/02 22:05
Località: Fun Valley

Postdi Mikizo » 06/10/03 08:02

brunok ha scritto: Per ovviare a quell'inconveniente dovrebbe essere sufficiente usare la funzione ccn.

Ah, Lapalisse!.....

(Brunok l'hai letto il thread? :lol: )
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi Frengo78 » 06/10/03 08:48

uhm, a mio parere sembra l'ennesimo caso trucker o come cavolo si chiamava quella ditta smascherata da striscia la notizia.
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Postdi piercing » 07/10/03 22:27

<IMHO>
naaaaa Frè non spariamo subito sulla croce rossa...

Credo solo che abbiano detto... visto l'enorme mole di curiosi che credo gli scriva... che non avendo ben chiara l'intenzione della richiesta... di pararsi il cosiddetto.... (e poi la Tucker non sarebbe incappata in errori di "inesperienza" del genere)

Per quanto riguarda il campo CC...
Io non credo che sia ravvisabile assolutamente nulla di anomalo in funzione della legge sulla privacy...
Ma questa è solo la mia opinione...
A mio avviso infatti - cosa che sostengo da sempre - nomi, cognomi, indirizzi di casa o di posta (e quindi email), ecc... non sono dati riservati bensi semplici recapiti....

Diverso è abusarne nell'utilizzo... e non mi pare questo il caso...

Sicuramente sarebbe stato più accorto l'uso del campo CCN... ma alla fine qual'è il problema?? Qual'è il dato riservato che altri non avrebbero dovuto sapere??

Sinceramente nel caso in esame non ravviso proprio nulla di strano... e credo che anche un giudice difficilmente potrebbe vedercelo...

Non mi piace l'adozione di questa prassi comune di spingere all'eccesso l'accezione di privacy... altrimenti tra un pò a scuola non saranno neanche più permesse le interrogazioni dei bambini di fronte agli altri...

Il mondo è una comunità... non è una chat a due... o nò??
</IMHO>
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Postdi piercing » 07/10/03 22:58

Mikizo ha scritto:Che il comportamento di cui sopra sia in contrasto con la legge sulla privacy mi sembra evidente dopo la lettura del testo della legge.


Mik... come appena detto non mi trovi granchè d'accordo...
per capire il punto di vista: a quale punto della legge fai riferimento??

Ti ricordo che non sono considerati dati personali tutti quei dati che " riguardano dati provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque"...

Anche mandare una barzelletta a più persone allora è violazione??? o forse viene vista violazione in quanto il contenuto della richiesta viene vista ai limiti della legalità? e se così fosse allora sarebbe strano l'interesse nella richiesta...

Ragiono solo per sillogismi... in maniera provocatoria, lo sò... ma a me pare maggiore il problema del tipo di attività (che di per sè non convince neanche il nostro BaaakSAL) piuttosto che il fatto di una ipotetica violazione di privacy.

Resto comunque pienamente d'accordo sul fatto che sarebbe stato opportuno - ed è opportuno in generale - utilizzare il campo CCN per email ad indirizzi multipli che non si conoscono...

Aggiungo un'ultima cosa...

ammettiamo che a BaaakSAL fosse interessato davvero il businness... e che il business fosse davvero chiaro e cristallino... quante utili informazioni avrebbe potuto ricavare da una mail del genere??? molte... per esempio quanti interessati ci sono al giorno (o cmq in un periodo di tempo limitato) per la sua provincia... (e visto il numero non mi stupisco affatto che il 92esimo affiliato abbia versato la quota!), oppure trovare soci per dividere le eventuali spese... o qualcuno a cui chiedere consigli...

qual'è il danno che invece è stato causato?? .... :eeh: non riesco a rispondere...


PS: BaaakSAL, ovviamente nulla di personale... ma trovo il tuo caso emblematico di un modo di pensare che davvero non condivido... e quindi l'ho utilizzato come esempio... e piuttosto ti ringrazio di avermi fornito un ottimo spunto di studio, oltre a quello di avermi portato a conoscenza di un "businness" che non conoscevo ;)
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Postdi Mikizo » 08/10/03 01:23

@ piercing: l'unico motivo per cui mi pare che nel caso particolare di cui stiamo parlando può essere in violazione della legge sulla privacy l'inserimento degli indirizzi in cc sta nel fatto che, come faceva notare BaaakSAL nel suo primo post, la mail veniva
"inviata ad altre 20 persone le quali hanno potuto leggere che il sig. ****** della ******, ha fatto richiesta di informazioni per aprire un negozio".
Veniva insomma diramata una informazione (contenente nome, cognome e nome della ditta, oltre al fatto che questa era interessata all'"affare") in modo esplicito.
Il fatto che l'indirizzo e-mail fosse composto di questi dati (nome+nome della ditta) forse non è "colpa" della ditta che ha spedito l'e-mail "incriminata", ma l'effetto è pur sempre quello di dare l'informazione.

Pensandoci e ripensandoci, per quanto dia credito all'idea di piercing che "nomi, cognomi, indirizzi di casa o di posta (e quindi email), ecc... non sono dati riservati bensi semplici recapiti.... " rimango nel dubbio.

La legge sulla privacy dice all'Art.11 sul Consenso che
"1. Il trattamento di dati personali da parte di privati o di enti pubblici economici e' ammesso solo con il consenso espresso dell'interessato"
laddove la legge specifica nell'Art. 1. (Finalita' e definizioni) che si intende
"b) per "trattamento", qualunque operazione o complesso di operazioni, svolti con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati"
e
"c) per "dato personale", qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale"


Quello che mi interesserebbe davvero, comunque, è l'opinione di un giudice sul caso in questione, e infatti è ciò che ho cercato, senza risultati ;)
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi brunok » 08/10/03 01:55

Mikizo ha scritto:
brunok ha scritto: Per ovviare a quell'inconveniente dovrebbe essere sufficiente usare la funzione ccn.

Ah, Lapalisse!.....

(Brunok l'hai letto il thread? :lol: )


Certo che l'ho letto. Ho detto ccn e non cc, come poi riportato anche da Piercing:

Piercing ha scritto:Resto comunque pienamente d'accordo sul fatto che sarebbe stato opportuno - ed è opportuno in generale - utilizzare il campo CCN per email ad indirizzi multipli che non si conoscono...


:)
Fun World ;) :) :D
brunok
Utente Senior
 
Post: 666
Iscritto il: 10/12/02 22:05
Località: Fun Valley

Postdi Mikizo » 08/10/03 09:02

brunok ha scritto:Certo che l'ho letto.

:D pardon :D
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi piercing » 08/10/03 12:45

altro spunto interessante è proprio il fatto che l'indirizzo email è una stringa libera, quindi chi lo riceve non può presumere a priori che essendoci scritto nome e cognome sia un dato personale... (sempre ammesso che lo sia).

Io quando uso la mia mail con nome e cognome sono conscio di farlo, e del fatto che io voglio che chi riceve sappia chi sono... con tutte le conseguenze del caso...

Altrimenti esistono mille forme anonime di indirizzi email... d'altronde se l'indirizzo email fosse identificativo di una persona non esisterebbe la firma digitale...

Se io mi chiamassi mario rossi, nessuno mi vieterebbe di avere una mail con scritto giuseppe.verdi@email.mia e certamente non posso lasciare la responsabilità di questa scelta a chi riceve la mail... altrimenti in ogni mail scritta chi riceve dovrebbe richiedere l'autorizzazione al trattamento dei dati al garante... e sinceramente non mi pare proprio questo l'approccio della norma.

Poi continuo a dire che non vedo il danno causato...
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Si fa un pò di confusione...

Postdi BaaakSAL » 08/10/03 15:44

Premetto.. credo che il caso Tucker non c'entri nulla.. insomma.. al di la del fatto che abbiano raddoppiato le cifre o che ci fosse un'analisi sbagliata dei calcoli (forse volutamente.. chissà) o che come ho scoperto oggi la città di Salerno non è affatto bloccata (ieri per verifica ho fatto inviare la stessa mail ad un mio amico e di tutta risposta la città di Salerno è libera e lo invitavano a bloccarla quanto prima!!).. insomma.. queste sono le regole del gioco.. il prodotto interessa a tanti, giustamente hanno raddoppiato i prezzi (e fossi in loro forse avrei fatto altrettanto!!) e giustamente (ma qui non mi trovano d'accordo!!) hanno tagliato fuori il sottoscritto non appena hanno capito che forse sarei stato un pò scomodo..

Ad ogni modo non credo ci sia una truffa dietro..

Ma abbiamo distolto l'attenzione da un problema ben più grave che a quanto pare piercing non vuole vedere..
premetto che assolutamente caro piercing sono sicuro che tu non ce l'abbia con me e anzi sono contento di aver aperto una "frontiera di riflessione" che nonostante fosse il titolo principale del forum "SECURITY & PRIVACY" nessuno aveva trattato prima.. anzi.. i riferimenti erano sempre a spam (ben diverso da ciò di cui parliamo!!!) e virus vari attraverso spam..

Come premetto di non essere assolutamente un genio informatico o sicuramente sono ben lontano da quanto riuscite solo ad immaginare voi altri in campo informatico..

Ma qui non si tratta nemmeno di informatica..

Ma proviamo a fare un esempio molto pratico..

Io non voglio far sapere a nessuno che ho intenzione di aprire un negozio qualsiasi X! Chi ha avuto questa informazione l'ha avuta da me proprio perchè sono stato io a chiedere maggiori informazioni al riguardo..
e non è importante che la mia mail sia o non sia veritiera (Se io mi chiamassi mario rossi, nessuno mi vieterebbe di avere una mail con scritto giuseppe.verdi@email.mia e certamente non posso lasciare la responsabilità di questa scelta a chi riceve la mail... PIERCING)
credo sia importante che se io ti metto al corrente di una mia "idea imprenditoriale" o di una mia scelta di apertura di negozio, o di una mia decisione di andare in vacanza, tu soggetto interessato a conoscenza delle mie intenzioni non puoi divulgare notizia!
e strano ma vero.. credo che anche la divulgazione di barzellette o di foto erotiche (ne cito una.. tuttinudi.com) violerebbe la privacy se non nascondesse gli indirizzi ai quali si invia la foto del giorno (e si.. anche io la ricevo!! ma non divulgate la notizia!! :lol: )
Insomma.. per finire faccio un esempio seppur assurdo potenzialmente veritiero..
Se io fossi un prete rispettabile ed un membro della mia comunità iscritto ad una lista per farsi inviare foto erotiche scopre per "disattenzione" dei responsabili della lista, che anche io sono iscritto (sia perchè uso una mail prete@chiesa.it o sia perchè uso una mail che in qualche modo possa ricundurre a me visto che la uso anche per altre operazioni di divulgazione messaggi ecclesiastici) non credi che questa sia divulgazione di miei dati personali e conseguente violazione della mia privacy da parte di chi i miei dati dovrebbe custodirli segretamente?!?
Ed è vero che non è colpa sua se io son talmente stupido da usare una mail riconoscibilissima, ma è colpa sua se la divulga a terzi senza il mio consenso!

Se, al contrario, fosse come piercing dice, allora tutta la legge sulla privacy stramaledettamente ossessiva in tutti i suoi punti, non avrebbe più senso di esistere!!

Raga.. continuo a dire che queste sono solo mie riflessioni.. e che di certo non sono sicuro di quanto affermo, ed anzi chiedo sempre il vostro intervento e ringrazio quanti hanno profuso energie nella ricerca di una risposta "veritiera".

Ma oggi ancor più di ieri sono convinto che immettere indirizzi di altri interessati in informazioni commerciali o in mailing list sia reato!
Diversamente se io di mia spontanea volontà mando mail a tutti i miei amici con una foto osè.. in quel caso nessuno di loro può sapere se gli interessati di quella lista di e-mail fossero d'accordo che io inviassi loro la foto..

Mi sbaglio?


p.s. Scrive piercing:
Io quando uso la mia mail con nome e cognome sono conscio di farlo, e del fatto che io voglio che chi riceve sappia chi sono... con tutte le conseguenze del caso...

Appunto! Chi riceve... non altri sconosciuti.. no?

P.s.2.. oggi mi sa che mi dilungo più del dovuto..
Scrive piercing:
Poi continuo a dire che non vedo il danno causato...

Intanto mi son informato da un avvocato ma chissà..
La violazione della privacy è l'unico reato per il quale non occorre dimostrare il danno ricevuto.. l'importante è dimostrare che violazione c'è stata!

E ripeto e concludo...
Non vorrei che piercing stia facendo confusione tra violazione della privacy e spam..
Ovviamente nulla di personale.. e anzi.. continuo a ringraziarti per l'interesse dimostrato alle mie perplessità
Credo mi piaccia essere.. di certo non mi piace apparire!
BaaakSAL
Newbie
 
Post: 6
Iscritto il: 03/10/03 15:55
Località: Salerno

Postdi piercing » 08/10/03 18:27

BaaakSAL (okkei sul punto di vista... siamo d'accordo... ;) ... per me vai tranquillo... mandami anche a quel paese senza problemi...)

Il tuo punto di vista è esatto... lo approvo pienamente e vorrei che questo sia chiaro...

Ed è verissimo che la 675/96 non prevede il danno... ma basta la sola violazione...

Il punto cruciale è solo quello di capire se un indirizzo email è un dato personale... e su questo ci vorrebbe un orientamento del garante, che credo (ma non ho cercato) non sia mai stato...

Io mi schiero dalla parte del NO, e tu dalla parte del SI... questo è il punto di disaccordo...

... e mi schiero ancora di più sul NO in questo caso specifico ... perchè se tu avessi voluto non far sapere bastava usassi una mail diversa ...

riprendendo l'esempio del prete... e portandolo nella vita reale... facciamo conto che entri in un sexyshop ( :D ) (PS: non è una cosa vietata per legge ma il buonsenso indica che...)...

caso A) entra vestito da prete...
caso B) entra vestito in civile e nessuno lo riconosce...
caso C) entra vestito in civile e un parrocchiano lo riconosce...

considerazione A) se l'è cercata
considerazione B) gli ha detto bene
considerazione C) gli ha detto sfiga

poniamo invece che entri in parrocchia...

considerazione A) ha fatto ciò che è normale
considerazione B) gli ha detto sfiga (specie se lo scambiano per un ladro ;) )
considerazione C) gli ha detto bene che è un parrocchiano a riconoscerlo

Il problema non esiste quindi in assoluto, ma in quanto correlato all'attività che viene vista come "non normale"... (ho ovviamente forzato la mano... ma volevo dimostrare che la materia della privacy non può non entrare nel contesto in cui viene applicata).

Con tutto questo che voglio dire??? non lo so... ma i fatti mi cosano... :lol:
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Postdi kadosh » 08/10/03 18:36

[OT]
Fermate pier, sta alla frutta!!! :eeh: :eeh:
[/OT]
Ch®is ˜˜ www.glgroup.it˜˜ {~Up You® Life~}™ Semper Fidelis
Avatar utente
kadosh
Moderatore
 
Post: 3791
Iscritto il: 24/09/01 01:00
Località: Roma

Prossimo

Torna a Sicurezza e Privacy


Topic correlati a "Privacy Italiana.. Qualcuno mi aiuta?":


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti