Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Web 2.0

Discussioni e opinioni costruttive sul mondo dell'informatica.
Per la soluzione di problemi specifici fare riferimento alle sezioni di assistenza!

Moderatori: aurelio37, axelrox

Web 2.0

Postdi piercing » 04/11/07 17:51

se ne sente tanto parlare... e vorrei raccogliere una definizione completa, che vada al di la della mera tecnologia..., in base soprattutto alle definizioni di chi naviga tutti i giorni...

raccontatemi cosa ne pensate, se è solo una sigla priva di senso, o se un senso ce l'ha davvero.

grazie.
Immagine
:P www.langame.it vieni a trovarci! ;)
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Sponsor
 

Postdi sephiroth_88 » 04/11/07 18:07

Inanzitutto complimenti perchè hai aperto un bel argomento. Secondo me quello che oggi viene considerato tecnologia domani non verrà considerato tale. Prendiamo ad esempio alle porte AGP un tempo considerate la porta per la scheda video più veloce in commercio. Oggi dopo l' uscita del PCIe è ancora possibile considerarla tecnologia?
cpu: amd64x2 4400+ (2,4 ghz) - 2 gb di ram - 160x2 gb hd raid 0 geforce 8600 gt 512 mb OS: VISTA Home Premium, XP Pro, Ubuntu Server
sephiroth_88
Utente Senior
 
Post: 553
Iscritto il: 30/03/07 23:28

Postdi Dylan666 » 04/11/07 23:20

Il Web 2.0 non è tanto una tecnologia o un insieme di tecnologie (penso da esempio ad Ajax) ma un nuovo modo di concepire il web sopratutto come media associativo con contenuti prodotti dai visitatori.
Wikipedia, Digg, YouTube, MySpace, Flickr, Badoo, Facebox/Netlog, Del.icio.us non sono siti concepiti come una volta (rigidamente strutturati, con contenuto prodotti da uno staff, con una divisione molto netta tra chi fa il sito e chi lo visita) ma sono dei "contenitori". Cioè sono script molto complessi che vanno a crare un numero di pagine pensate per moltiplicarsi all'infinito grazie al contributo degli utenti. Ci sono comunque dei tecnici che dietro creano il programma e vigilano sull'andamento del sito, ma se le cose sono fatte bene tu spingi la pallina di neve giù dalla montagna e quella diventa valanga senza che tu debba fare altro.

Dal mio punto di vista i siti del web 2.0 sono divisibili in due categorie:

1) i meta-siti che utilizzano materiale già presente sul web. Digg e Del.icio.us ad esempio esistono semplicemente come raccoglitori di notizie e link di altri siti. Seguono la "democratizzazione nell'organizzaznione dei contenuti" inaugurata da Dmoz, dove i volontarti recensiscono e catalogano per categorie i siti che ritengno opportuni. Qui però non si tratta solo di indicizzare, ma di classificare votando e/o segnalando, cosa che coinvolge molte più persone.

2) i siti a contenuto originale. YouTube e Flickr possono avere elementi doppi o rubacchiati da altre pagine ma la stragrande maggioranza del materiale è frutto del lavoro di chi ha messo on-line il file (intendendo anche che magari il video XYZ è la registrazione di uno spezzone di un film ma è stato comunque prelevato a mano da una fonte esterna al web, cioè la TV).

È difficilie (almeno per me e andando a memoria) ricostruire il processo che ha portato al web 2.0 ma una tappa importante sicuramente l'ha ricoperta e-Bay prima e l'avvento della banda larga dopo. E-Bay è stato forse il primo grande sito a coinvolgere tante persone che l'hanno fatto espandere coi loro annunci, piano piano utilizzando anche pagine molto personalizzate quando ancora Windows Live Spaces non c'era o era veramente povero (anche se rimane un sito di vendita mentre il web 2.0 punta molto sulla cooperazione gratuita).
L'ADSL (specialmente flat) invece ha dato la possibilità di caricare contenuti personali di un certo peso (foto e addirittura video) e ha scardinato la vecchia concezione della navigazione con l'orologio davanti per vedere quanto si spende per la connessione.

È curioso notare che il web 2.0 eredita in parte la "voglia di dire la propria" che nella fase subito prima aveva tanto spinto i blog dei quali però non condivide l'eccentricità. Intendo dire che il blogger pensa che ciò che dice possa interessare e che la gente che navigherà verso il suo indirizzo, mentre il web-navigatore 2.0 preferisce partecipare a un progetto altrui (ma magari già molto famoso) di cui è solo un tassello fra i tanti.

Vai a capire se questo accade per moda o perché la diffusione del pc ha portato davanti agli schermi persone sempre meno preparate, per le quali anche fare un copia e incolla di codice HTML in un blog è diventato un problema e si avvicina a Live Space perché è già incluso con la casella di posta e talmente poco personalizzabile che è quasi impossibile sbagliare...

SCUSATE LA LUNGAGGINE! :P
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46


Torna a Discussioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti