Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Crackers

Discussioni e opinioni costruttive sul mondo dell'informatica.
Per la soluzione di problemi specifici fare riferimento alle sezioni di assistenza!

Moderatori: aurelio37, axelrox

Crackers

Postdi infinito1971 » 26/10/02 20:53

Apro questo topic prendendo spunto da una definizione apparsa sul numero di novembre di PC World.
Ecco quanto recita tale definizione: "Cracker: E' il termine con cui vengono definiti quegli hacker che compiono azioni criminali, sfruttando le proprie capacità per ricavarne denaro o per distruggere in maniera irreparabile database di aziende o sistemi operativi di enti pubblici. Operano per guadagno personale o per puro spirito distruttivo, disdegnando qualsiasi condotta etica o morale nelle loro scorrerie nel web".
Ora, io ho sempre inteso il termine cracker nella sua accezione più nobile; ossia di una persona che impiega il suo ingegno per violare la protezione di un programma, al fine di provarne la vulnerabilità e dimostrare che NESSUN SOFTWARE, per quanto sia stato protetto e per quanto sia complessa la sua protezione, può ritenersi inviolabile.
E' questa la concezione che ho sempre avuto di un cracker ed è in tale definizione che mi identifico; è altresì evidente che, in base a tale concezione, tutto ciò trascende da qualsiasi discorso etico-giuridico, e si concretizza nella sola manifestazione di un'opera d'ingegno.
Non so voi cosa ne pensate ma... bhè, il dibattito è aperto!

Prima di concludere, però, vorrei riproporre, per quanti ancora non lo conoscessero, il testo di un legendario manifesto hacker (opera del mitico The Mentor) nel quale mi riconosco:

--------------------------------------------------------------------------------


\/\La coscienza di un Hacker/\/


di

+++The Mentor+++


Scritto l'8 Gennaio 1986



Un altro e' stato preso oggi, e' su tutti i giornali. "Adolescente
arrestato nello scandalo del crimine informatico", "Hacker arrestato
dopo aver tentato di manomettere una banca"...
Maledetti ragazzi. Sono tutti uguali.

Ma avete mai, nelle vostra psicologia da tre soldi e nel vostro
tecnocervello del 1950, guardato oltre gli occhi dell'hacker? Vi
siete mai chiesti cosa lo fa spuntare, quali forze lo condizionano,
cosa ha potuto formarlo?
Io sono un Hacker, entrate nel mio mondo...
Il mio e' un mondo che inizia con la scuola... sono piu'
intelligente della maggior parte degli altri ragazzi, questa ***
che ci insegnano mi annoia...
Dannati sottosviluppati. Sono tutti uguali.

Sono alla scuola superiore. Ho ascoltato insegnanti che
spiegavano per la quindicesima volta come ridurre una frazione. L'ho
capito. "No, Mr. Smith, non ho mostrato il mio lavoro. L'ho nella
mia testa..."
Maledetti ragazzi. Probabilmente l'ha copiato. Sono tutti uguali.

Ho fatto una scoperta oggi. Ho trovato un computer. Aspetta un
secondo, e' forte. Fa quello che voglio. Se fa un errore, e' perche'
ho combinato un guaio. Non perche' non gli piaccio...
O perche' ha paura di me...
O pensa che io sia un culo intelligente...
O non gli piace insegnare e non dovrebbe essere qui...
Dannati ragazzi. Tutto quello che fa e' far funzionare i giochi.
Sono tutti uguali.

E poi e' successo... si e' aperta una porta su un mondo...
correndo sulle linee del telefono come l'eroina nelle vene di un
drogato, un impulso elettronico viene spedito, cerco un rifugio
dalle incompetenze quotidiane... trovo una BBS.
"E' qui... qui e' dove io sono..."
Conosco tutti qui... anche se non li ho mai incontrati, non ho mai
parlato con loro, e forse non li sentiro' piu'... Vi conosco tutti...
Dannati Ragazzi. Ancora attaccato alla linea telefonica. Sono
tutti uguali.

Puoi scommetterci il culo che siamo tutti uguali... Siamo stati
bambini nutriti con un cucchiaio a scuola quando noi desideravamo
ardentemente una bistecca... i pezzi di carne che avete lasciato
cadere erano pre-masticati e senza sapore. Siamo stati dominati da
sadici, o ignorati dagli apatici. I pochi che avevavo qualcosa da
insegnarci ci hanno visto come alunni volenterosi, ma questi pochi
sono come gocce d'acqua in deserto.

Questo ora e' il nostro mondo... il mondo dell'elettrone e del
commutatore, la bellezza del baud. Noi facciamo uso di un servizio
che esiste gia' senza pagare per quello che potrebbe essere a buon
prezzo se non fosse gestito da avidi profittatori, e voi ci chiamate
criminali. Noi esploriamo... e voi ci chiamate criminali. Noi
cerchiamo la conoscenza... e voi ci chiamate criminali. Noi
esistiamo senza colore della pelle, senza nazionalita', senza
pregiudizi religiosi... e voi ci chiamate criminali. Voi costruite
bombe atomiche, voi fate la guerra, voi uccidete, spergiurate, e ci
mentite e tentate di farci credere che e' per il nostro bene, eppure
siamo noi i criminali.

Si, sono un criminale. Il mio crimine e' la curiosita'. Il mio
crimine e' quello di giudicare la gente in base a quello che pensa e
dice, non per come appare. La mia colpa e' quella di essere piu'
furbo di voi e, per questo, non potrete perdonarmi.

Io sono un hacker, e questo e' il mio manifesto. Voi potete
fermare questo individuo, ma non potete fermarci tutti... dopotutto,
siamo tutti uguali.


[L'originale è in lingua inglese; la presente è solo una delle tante
traduzioni reperibili facilmente in Internet]
-------------------------------------------------------------------------------
Avatar utente
infinito1971
Utente Senior
 
Post: 531
Iscritto il: 01/08/02 21:22
Località: Napoli

Sponsor
 

Postdi Frengo78 » 26/10/02 22:09

Infinito, attenzione, non facciamo confusione tra hacker e cracker. Non sarò io a spiegare la differenza perche topperei clamorosamente ma ti riportero se vuoi un articolo di paolo attivissimo di poco tempo fa.

Dato che sono stanco (sono tornato ora dallo smau) mi metto in ascolto di questo topic lasciandovi una battutona da cabarettista:
:arrow: Se la pelle umana è salata... i crackers (intesi come hacker) sono salati in superficie???? :eeh:
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Postdi zello » 26/10/02 22:53

Il jargon file - che è cmq la bibbia - interpreta cracker come black-hat hacker. L'accezione "soggetto che crea i crack" deve avere connotazioni locali (cioé italiane).
Il faut être toujours ivre. Tout est là : c'est l'unique question. Pour ne pas sentir l'horrible fardeau du Temps qui brise vos épaules et vous penche vers la terre,il faut vous enivrer sans trêve...
Avatar utente
zello
Moderatore
 
Post: 2351
Iscritto il: 06/05/02 13:44

Postdi dado » 27/10/02 01:43

Frengo78 ha scritto:una battutona da cabarettista:
:arrow: Se la pelle umana è salata... i crackers (intesi come hacker) sono salati in superficie???? :eeh:


Frengo... la tua battuta non è degna dei nostri scatch... farò finta di non averla letta e ti perdono vista la tua stanchezza!! ;) :D

Io cracker preferisco intenderlo - anche se magari non è l'interpretazione corretta - come creatore di crack!! :diavolo:

House: "Vede, tutti pensano che sia un paziente a causa del bastone"
Wilson: "Allora perchè non indossa un camice bianco come tutti noi?"
House: "Perchè altrimenti pensano che sia un medico".
Avatar utente
dado
Utente Senior
 
Post: 16208
Iscritto il: 21/08/01 01:00
Località: La Città dei Sette Assedi

Postdi PRADA » 27/10/02 08:25

infinito**** cracker non ha una accezione nobile....

cioè la ha ma in quel caso si comincia a parlare di hacker

la lora definiizone è perfetta, sei tu ad aver confuso i 2 termini

ciao
GUGLIELMO CANCELLI & MICROSOFT FOREVER!!!!
PRADA
Utente Senior
 
Post: 1202
Iscritto il: 23/08/01 01:00
Località: Milano

Postdi s1kboy » 28/10/02 10:42

hacker = freak
cracker = criminal freak
criminal = poco nobile (cmq dipende dal punto di vista :D )
s1kboy
Utente Junior
 
Post: 70
Iscritto il: 07/10/02 13:46
Località: Bolzano

Postdi lowman » 28/10/02 12:33

Frengo78 ha scritto: :arrow: Se la pelle umana è salata... i crackers (intesi come hacker) sono salati in superficie???? :eeh:

Frengo, lasciatelo dire...6 un genio!

Boh, il mio parere è che un hacker che impara a crackare un programma lo fa x sete di conoscenza e per imparare, mentre un cracker spesso lo fa allo scopo di guadagnarci o comunque arrecar danno a chi ha scritto il programma. E in questo caso c'è poco da fare...è un criminale, perché anche ammesso che fosse uno che crede nell'OpenSource deve comunque rispettare le idee e il lavoro di chi nell'OpenSource non crede e che quindi si fa pagare per il suo software (con cui magari ci mangia...).
Quindi uno che cracka, anche se lo fa con il mantellino da supereroe o al grido "rubo ai ricchi per dare ai poveri", resta un criminale, in cui magari molti (potrei anche dire io stesso) si identificano, ma un criminale. :(
Bisogna cmq dire che il cracking e il reverse-engineering sono delle tecniche che un hacker non può non sapere, e il livello 16 dell'Hackme la dice lunga a riguardo... per non dire che se non ricordo male (spero di non sparare una cagata) il supporto all'NTFS per linux è stato scritto usando il reverse-engineering xké la M$ non aveva concesso le specifiche del file system...in questo caso il cracking è stato usato allo scopo di favorire l'intercomunicabilità tra i due SO, quindi a fin di bene, ma fino a che punto lecitamente?
Ai posteri l'ardua sentenza...
Ciao a tutti... 8)
"se tocco il fondo è per darmi la spinta e risalire,
risalire a galla, è per andare sempre più su, su, su, su, su..." (Quintorigo, "Momento morto")
Immagine
lowman
Utente Junior
 
Post: 54
Iscritto il: 26/07/02 10:02
Località: Padova


Torna a Discussioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti

cron