Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Umts e salute

Discussioni e opinioni costruttive sul mondo dell'informatica.
Per la soluzione di problemi specifici fare riferimento alle sezioni di assistenza!

Moderatori: aurelio37, axelrox

Umts e salute

Postdi steffy » 26/04/05 22:23

Secondo voi usare tutto il giorno una connssione umts con scheda umts nel notebook, quindi a pochi cm dal corpo ti frigge il cervello? sarebbe come stare tutto il giorno al cell in 3band?
steffy
Utente Senior
 
Post: 297
Iscritto il: 21/01/03 22:47

Sponsor
 

Re: Umts e salute

Postdi disgrazia » 26/04/05 22:33

Con sicurezza non si può dire nulla, non sono mai stati provati finora gli effetti dell'esposizione a radiofrequenze sul corpo umano.

steffy ha scritto:sarebbe come stare tutto il giorno al cell in 3band?

Direi di no, passare da pochissimi cm (cell all'orecchio) a svariate decine di cm (distanza del laptop) riduce considerevolmente la potenza delle onde che arrivano al cervello. Calza molto bene il paragone con l'utilizzo del cellulare con o senza auricolare: usando l'auricolare la distanza quel poco che basta a far calare considerevolmente il campo elettromagnetico incidente sul cervello. Altra considerazione è che se stai ad esempio navigando in internet fai molto meno traffico rispetto ad una conversazione telefonica, per cui la trasmissione radio è intermittente e meno dannosa. Poi, ripeto, sono solo discussioni teoriche, non ci sono dati effettivi sugli effetti delle emissioni di telefonini, apparecchi WLAN e simili.
disgrazia
Download Admin
 
Post: 708
Iscritto il: 08/07/02 22:16

Re: Umts e salute

Postdi pjfry » 27/04/05 08:41

steffy ha scritto:ti frigge il cervello?

steffy... obiettivamente... cos'hai da perdere? :P :lol:

(scherzo ;))
Avatar utente
pjfry
Moderatore
 
Post: 8240
Iscritto il: 19/11/02 17:52
Località: terni

Postdi steffy » 27/04/05 09:02

steffy... obiettivamente... cos'hai da perdere?

in effetti.. :undecided: :undecided: :?: :?:
steffy
Utente Senior
 
Post: 297
Iscritto il: 21/01/03 22:47

Postdi luna11 » 29/04/05 00:28

Con sicurezza non si può dire nulla, non sono mai stati provati finora gli effetti dell'esposizione a radiofrequenze sul corpo umano.

Anche perchè dietro ci sono interessi talmente grandi che , nel caso il danno fosse provato , verrebbe messo tutto a tacere.
luna11
Utente Senior
 
Post: 3634
Iscritto il: 10/08/01 01:00

Postdi BianConiglio » 29/04/05 06:38

Io sono all'univ, in una stanza con 20 persone, 20 telefonini, 20 laptop, 2 hotspot, trasmettitore tv e radio. Moriro' domani :D
BianConiglio
Utente Senior
 
Post: 4710
Iscritto il: 26/12/01 01:00
Località: Varese / Lugano

Postdi luna11 » 29/04/05 13:52

BianConiglio ha scritto:Io sono all'univ, in una stanza con 20 persone, 20 telefonini, 20 laptop, 2 hotspot, trasmettitore tv e radio. Moriro' domani :D

Domani???? :eeh: :eeh: :eeh:
Con queste belle giornate di sole ?
Ma non puoi rimandare a lunedi ? Sempre se non hai altri impegni s'intende :lol:

Scherzi a parte volevo solo far notare che dietro questo business ci sono interessi enormi per cui una ricerca mirata sui possibili danni causati dalla prolungata esposizione alle radiofrequenze troverebbe non pochi ostacoli ed i risultati di queste ricerche faticherebbero ad emergere.
Ma questo non vuol dire che il danno ci sia.
luna11
Utente Senior
 
Post: 3634
Iscritto il: 10/08/01 01:00

Postdi piercing » 29/04/05 19:12

Potrei scrivere un trattato in merito... ma mi limito a poche considerazioni...

il campo elettromagnetico è composto da due componenti, come dice il nome... il campo elettrico e il campo magnetico...

il primo è essenzialmente innocuo, il secondo non lo è...

le frequenze di tale campo sono quelle, tanto per capirci, del forno a microonde, i cui effetti sono facilmente evidenti in cucina...

la frequenza di un onda è inversamente proporzionale alla sua lunghezza d'onda (non pensate che sia tecnico... pensate anche ad un'onda del mare... a parità di "potenza" o sono tante onde piccole frequenti, o sono poche onde grandi).

il funzionamento del forno a microonde è molto semplice, e cioè emette onde di una lunghezza d'onda comparabile alla molecola dell'acqua... in pratica queste onde cozzano/si scontrano con la molecola dell'acqua, che si "inca22a" e vibra scossa da un'entità delle sue dimensioni... e vibrando si scalda... (i padri della fisica stanno vomitando con questa spiegazione... ma figuriamoci che per i teoremi sull'energia hanno usato un cucchiaino in un bicchiere d'acqua...)

detto questo correremmo tutti ai ripari tornando alla candela sul comodino, se non fosse che il forno, per fare tutto questo ha bisogno di circa 1000 watt di potenza...

se fossimo in grado di avere una batteria che ci consente di tenere una trasmissione di 1000watt per 8 ore (tempo medio di conversazione di un telefono) dovremmo portare in giro un telefonino da non so bene quante tonnellate... ad occhio direi un palazzo... ma a quel punto porteremmo in giro un forno e non un telefonino!

la potenza del cellulare, limitato prima di tutto dai bassi consumi disponibili da una batteria, si aggirano su un ordine di grandezza di un millesimo di watt, il che vuol dire un milione di volte meno di un microonde...

e calcolando che l'uomo ha molto più massa di 500g di pollo messo nel microonde... l'assorbimento potenza/peso delle onde che potremmo avere è davvero irrisoria.

questa è la spiegazione fisica... poi si inizia a parlare di "condizioni a contorno"... e qui le cose si complicano assai...

1) non siamo tutti uguali
2) per quanto tempo stiamo esposti alle onde?
3) quali parti del corpo stanno esposte alle onde?
4) e gli effetti dei singoli campi (e non della loro somma)? se quello magnetico è accertatamente nocivo... perchè non dovrebbe nuocere la somma?
5) quanto funzionano i meccanisimi di termoregolazione del corpo? in altre parole... il calore che si accumula come si smaltisce? (e su questi effetti di filtro il corpo umano è davvero imbattibile... pensiamo a come stiamo male con soli due gradi di più)

su queste condizioni a contorno gli studi si sbizzarriscono... ovviamente... ma credo che proprio perchè variabili da persona a persona, non ci sarà mai risposta certa e definitiva ad una domanda simile...

in conclusione, mi preoccupo molto di più del benzene nella benzina verde che è una delle poche sostanze accertatamente cancerogene con la quale hanno sostituito il piombo (che è solamente velenoso) solo perchè gli avanzava come prodotto di raffinazione... e con abile campagna di marketing e il colore verde, ci hanno spacciato per ecologica...

ma tutto questo con l'informatica che c'entra?

... e scusate il similtrattato ;)
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Postdi luna11 » 30/04/05 03:32

Vedi Pier , io non sono fra quelli che ritengono che l'esposizione prolungata alle radiofrequenze possa portare in un futuro più o meno prossimo alla comparsa sulla terra di uomini con 5 gambe e 7 teste , ognuna con un sistema operativo Microsoft al posto del cervello.
Io ho un rapporto pittosto sereno con le nuove tecnologie.
Però...
Tempo fa lessi qualcosa che riguardava il DDT, un potente insetticida che diede al suo inventore , o meglio a colui che ne intui l'uso come insetticida , il premio nobel della medicina.
Questo insetticida fu impiegato su larga scala per circa 40 anni è l'organizzazione mondiale della sanità stimò in 25 milioni le vite salvate grazie al suo impiego contro la zanzara della malaria ed altri parassiti portatori di tifo.Questi successi portarono ad un uso sempre più massiccio del DDT in ogni parte del mondo fino al giorno in cui ci si accorse che quest'uso indiscriminato stava producendo degli enormi danni all'ambiente accumulandosi nei tessuti degli animali e dei pesci ( e dell'uomo ?).
Cominciò allora un'aspra battaglia legale durante la quale i produttori di questo insetticida , oltre a decantarne i successi ,presentarono studi e relazioni di " eminenti scienziati" tendenti ad escluderlo come unica causa di questi danni e comunque minimizzandoli .Per fortuna non furono creduti ed oggi il DDT è messo al bando in gran parte del mondo.
Questo insetticida non ha nessuna attinenza con le onde elettromagnetiche , ma anche in questo campo siamo solo agli albori di un'era che prevede un uso
sempre più massiccio ed indiscriminato di questa tecnologia .Ed uno studio che escluda danni provocati da una prolungata esposizione a queste onde manca per il quantitativo esistente oggi.
E domani questo sarà migliaia o milioni di volte superiore e qualche studio o ricerca che escluda definitivamente la natura dannosa di queste onde si renderà necessaria.
Questo metterà a tacere i sostenitori del futuro dell'uomo a 7 gambe e 5 teste ( con grande disappunto da parte di zio Bill)
e tranquillizzeranno quelli che come me ripongono nel progresso fiducia e speranza.
Nell'attesa io dormo sonni tranquilli
luna11
Utente Senior
 
Post: 3634
Iscritto il: 10/08/01 01:00

Postdi MikelinoPaneVino » 30/04/05 10:03

:lol: piercing con la storia del forno del pollo e del contorno mi ha fatto venir fame !!! :)

Qualcuno di voi è mai stato nella sede di un ripetitore di una radio network o locale che sia ?

Bene...auguro a chiunque non l'abbia mai fatto di non dover entrare in un luogo come quello di notte , con una lampada al neon in mano , poiche non vorrei che vi capitasse come a mè , quando per un'istante ho pensato agli spiriti , trovandomi con la torcia al neon accesa in mano e con l'interruttore spento !

eletromagnetico si ? elettromagnetico no ? ... è la terra dei cachi!
Asus P5W DH/Pentium Quad Core Q6600@2,4Ghz FSB 1066Mhz/2Gb DDr2 800Mhz/Sapphire X1900XTX+X1900XTCFE/IDE Maxtor 120Gb/EnermaxEG701AX 600W/Enermax Chakra 1x25 + 2x15 Fan Coolers.
.
MikelinoPaneVino
Utente Senior
 
Post: 516
Iscritto il: 29/12/04 15:22
Località: Ferrara , provincia


Torna a Discussioni


Topic correlati a "Umts e salute":

antenna umts
Autore: ronc
Forum: Reti, ADSL e wireless
Risposte: 3

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti