Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Overclocking 1.66 Ghz

Se il modem non funziona, hai problemi con la scheda video o non sai che processore scegliere entra qui!!

Moderatore: Caffey

Overclocking 1.66 Ghz

Postdi fester » 27/01/06 14:56

Vorrei overclockare la mia CPU. Ho un processore AMD Sempron 2400+ a 1.66 Ghz.
Avrei qualche domanda da porre:
Fino a quanto può reggere senza dover cambiare ventola?
Come posso controllare la situazione per salvare la cpu in tempo in caso di problemi?
Vale la pena overclockare?
fester
Newbie
 
Post: 4
Iscritto il: 10/01/06 22:19

Sponsor
 

Postdi fenolo » 28/01/06 01:49

Se vuoi aumentare leggermente le prestazioni puoi aumentare il FSB (Front Side Bus) dal bios; passando a un valore di frequenza maggiore, così il clock finale della cpu aumenta. Se non sei sicuro del tuo sistema di raffreddamento non farlo...ti consiglio di disporre di un dissipatore per cpu discreto e il ricambio di aria nel case non deve mancare con delle ventole aggiuntive...
Se vuoi tenere sotto controllo le temperature scarica EVEREST
Avatar utente
fenolo
Utente Senior
 
Post: 707
Iscritto il: 22/01/05 20:13
Località: O:={oeO|io <=> sto a casa}

Postdi microguru » 31/01/06 14:27

Per overcloccare (in generale) una cpu occorre agire solitamente per step piuttosto ripetitivi (finchè il sistema "regge"), sempre nei limiti del corretto funzionamento (senza cioè "fondere" nulla).

Qualche cenno teorico: diciamo che, per esempio, una cpu funziona a "100", consuma "100" e scalda "100" (valori puramente indicativi). Per ottenere un po' di prestazioni, pigiamo sull'accelleratore e la facciamo viaggiare a 110, la facciamo consumare sempre 100 e scalderà qualcosa in più, diciamo 105. Ora, tutto è ok finchè non la facciamo "lavorare" più del dovuto, perchè quando le richiederemo di compiere sforzi maggiori (videogames e applicazioni pesanti) andremo incontro a crash di sistema e difetti vari. Si dice che il sistema diventa "instabile" in quanto stiamo chiedendo di fare uno sforzo maggiore alla cpu - che abbiamo sì overcloccato, ma non gli stiamo fornendo sufficiente alimentazione. Quindi per riportare alla stabilità il nostro sistema daremo un piccolo "overvolt" (agendo sull'alimentazione elettrica della cpu), passando a 110. Ora però maggior velocita e maggior alimentazione danno inevitabilmente un aumento notevole del calore prodotto dal componente, che magari salirà anche fino a 130 (sempre per dire).

"Overcloccare" un pc poi significa anche agire sulla velocità con la quale la cpu scambia informazioni con il resto del sistema (ram, scheda video ecc..). Qui si agirà sulla velocità del "bus di sistema" (dove possibile). Però modificando questo parametro si rischia il fatto che cpu e ram, ad esempio, "parlino" tra loro a velocità troppo diverse e non si capiscano (causando sempre instabilità e crash di sistema).

Durante queste operazioni è sempre necessario (direi obbligatorio) tenere sotto controllo le temperature dei componenti (non solo della cpu, ma anche della ram, dei chipset sulla mobo e dell'alimentatore), per vedere fino a dove ci possiamo spingere anche sotto l'aspetto "termico": i dissipatori per i processori sono diversi gli uni dagli altri e adottano diversi sistemi che conferiscono loro differenti caratteristiche di dissipazione termica. Abbiamo detto prima che una cpu che lavora "fuori specifica" (pur restando nei parametri garantiti dalla casa costruttrice) scalda di più: ora se il suo sistema di dissipazione del calore è abbastanza elastico da garantire una certa "tolleranza" all'overclock, il problema non si pone. Se però il dissipatore non ce la fa a smaltire il calore in eccesso, entro un certo limite si può verificare il fenomeno di "elettromigrazione", che porta sempre e comunque ad instabilità di sistema: sappiamo che la cpu è costituita da milioni di transistor che si accendono e spengono in base ad impulsi elettrici e che la corrente che ci passa attraverso sviluppa calore, poichè soggetta ad una resistenza. Quest'ultima è un parametro elettrico che è molto soggetto alla temperatura: con l'aumento della temperatura, la resistenza varia. Aumentando la temperatura, gli elettroni all'interno della cpu che dovrebbero normalmente "seguire" un certo percorso non lo fanno più e se ne vanno per i fatti loro. Oltre, la cpu può anche bruciare a causa dell'elevato calore sviluppato.
**** COMMODORE 64 BASIC V2 ****
64K RAM SYSTEM 38911 BASIC BYTES FREE
READY.

Immagine
microguru
Utente Senior
 
Post: 1267
Iscritto il: 12/07/05 14:11
Località: Milano


Torna a Assistenza Hardware


Topic correlati a "Overclocking 1.66 Ghz":

Overclocking
Autore: Joshua82
Forum: Assistenza Hardware
Risposte: 3
Overclocking
Autore: jackdan
Forum: Assistenza Hardware
Risposte: 8

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti