Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

La vera legalità di Emule e Co....

Hai problemi con i file Zip, vuoi formattare l'HD, non sai come funziona FireFox? O magari ti serve proprio quel programmino di cui non ricordi il nome! Ecco il forum dove poter risolvere i tuoi problemi.

Moderatori: Dylan666, hydra, gahan

La vera legalità di Emule e Co....

Postdi nippon » 16/10/07 19:58

Ciao a tutti! :)

Ho bisogno di un vero chiarimento... :undecided:

Come tutti penso sapranno, dopo la sentenza riguardo ai 2 ragazzi torinesi che scaricavano materiale tramite P2P, è stato deciso che il P2P è legale, qualora la sua finalità non sia fatta a scopo di lucro.

Quello che vorrei capire è:

1) questa sentenza vale solo in Italia? (Visto che si parla di server chiusi su Emule in Germania)

2) Perché su questo forum non si può parlare di materiale scaricato con il P2P e protetto da diritti d'autore? Non si diceva con la sentenza che non v'è reato se ciò non è a scopo di lucro?

3) Qualora scaricassi qualcosa con il P2P, con quale materiale sto commettendo reato, e con quale no?



Spero possiate delucidarmi.

Ciao e grazie! :)
CIAO A TUTTI E GRAZIE A TUTTI QUELLI CHE MI PRENDERANNO IN CONSIDERAZIONE!
Avatar utente
nippon
Utente Senior
 
Post: 726
Iscritto il: 22/04/07 15:19

Sponsor
 

Postdi axelrox » 16/10/07 22:00

Quella sentenza ha scagionato i ragazzi perchè il reato è avvenuto nel 1999, quindi prima dell'entrata in vigore di qualsiasi legge riguardo il P2P.. il P2P non è una legge a renderlo legale, lo è di suo.. per questo non si riesce a trovare un giusto punto d'incontro tra legge e tutela.. poichè appunto nessuno può sopprimerlo visto il suo innumerevole utilizzo in ambiente legale, ma allo stesso tempo il circuito diffonde anche materiale coperto da diritti.
Quindi:
1) quella sentenza è una cosa a se.. non vale niente perchè come detto serviva a sentenziare una causa ben precisa in un tempo diverso da quello attuale.. al momento in Italia vale la Urbani (se non erro) e tra un pò bisognerà recepire l'IPRED2, normativa europea che dovrebbe migliorare tutto il discorso pirateria e affini (ne dubito...);
2) Punti di vista.. ogni forum ha le sue regole; la sentenza non ha valore (ribadisco) .. al momento vale la legge che ha aggirato il problema del scopo di lucro inserendo anche lo scopo di profitto.. che vale per tutti perchè cmq tu non spendi il dovuto scaricando e quindi ci finisci in mezzo indipendentemente! Questo è un mondo molto difficile da gestire oggigiorno, dove la soglia tra legale e non è così minima da far optare a molti forum di non parlarne, per evitare casini.
3) Commetti reato con tutto il materiale coperto da copyright (canzoni, giochi, programmi..).. in genere tutto quello che ha un costo (indicativamente).
Non commetti reato scaricando/condividendo materiale opensource/free, tutto ciò che si può usare senza pagamento (programmi, giochi e sistemi operativi) o che il suo copyright ha più di 75anni (per dire film dal 1930 circa e indietro) o che sono privi cmq di copyright (come certe canzoni di giovani artisti o anche di gruppi piuttosto famosi ormai).
Ciao.
axelrox
Moderatore
 
Post: 4259
Iscritto il: 11/04/07 23:19

Postdi nippon » 17/10/07 18:09

axelrox ha scritto:Quella sentenza ha scagionato i ragazzi perchè il reato è avvenuto nel 1999, quindi prima dell'entrata in vigore di qualsiasi legge riguardo il P2P.. il P2P non è una legge a renderlo legale, lo è di suo.. per questo non si riesce a trovare un giusto punto d'incontro tra legge e tutela.. poichè appunto nessuno può sopprimerlo visto il suo innumerevole utilizzo in ambiente legale, ma allo stesso tempo il circuito diffonde anche materiale coperto da diritti.
Quindi:
1) quella sentenza è una cosa a se.. non vale niente perchè come detto serviva a sentenziare una causa ben precisa in un tempo diverso da quello attuale.. al momento in Italia vale la Urbani (se non erro) e tra un pò bisognerà recepire l'IPRED2, normativa europea che dovrebbe migliorare tutto il discorso pirateria e affini (ne dubito...);
2) Punti di vista.. ogni forum ha le sue regole; la sentenza non ha valore (ribadisco) .. al momento vale la legge che ha aggirato il problema del scopo di lucro inserendo anche lo scopo di profitto.. che vale per tutti perchè cmq tu non spendi il dovuto scaricando e quindi ci finisci in mezzo indipendentemente! Questo è un mondo molto difficile da gestire oggigiorno, dove la soglia tra legale e non è così minima da far optare a molti forum di non parlarne, per evitare casini.
3) Commetti reato con tutto il materiale coperto da copyright (canzoni, giochi, programmi..).. in genere tutto quello che ha un costo (indicativamente).
Non commetti reato scaricando/condividendo materiale opensource/free, tutto ciò che si può usare senza pagamento (programmi, giochi e sistemi operativi) o che il suo copyright ha più di 75anni (per dire film dal 1930 circa e indietro) o che sono privi cmq di copyright (come certe canzoni di giovani artisti o anche di gruppi piuttosto famosi ormai).
Ciao.


Ok! Penso la cosa sia abbastanza chiara allora! :) Grazie!
CIAO A TUTTI E GRAZIE A TUTTI QUELLI CHE MI PRENDERANNO IN CONSIDERAZIONE!
Avatar utente
nippon
Utente Senior
 
Post: 726
Iscritto il: 22/04/07 15:19


Torna a Software Windows


Topic correlati a "La vera legalità di Emule e Co....":

eMule
Autore: valyfilm
Forum: Reti, ADSL e wireless
Risposte: 1
installazione di eMule
Autore: valyfilm
Forum: Software Windows
Risposte: 2
www.emule.com/it
Autore: valyfilm
Forum: Discussioni
Risposte: 0

Chi c’è in linea

Visitano il forum: quotidianita e 4 ospiti