Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Telefonia. Basta con i soprusi. È il turno di 3 Italia

Condividi:         ale 4 24 Luglio 07 @ 07:00 am

Telefonia. Basta con i soprusi. È il turno di 3 Italia

Compagnie telefoniche senza ritegno. L’ultima conferma la offre 3 Italia: dopo aver preannunciato un corposo aumento tariffario a partire da settembre, richiede corpose penali ai clienti che vogliono cambiare operatore.

Questo è un esempio delle segnalazioni che ci pervengono tramite telefono o mail.

Il 13 ottobre 2006 ho stipulato un contratto con il gestore 3, piano tariffario SUPER 3 e cellulare Motorola in comodato d'uso, in cambio di una ricarica mensile di 20 euro. In data 18 luglio 2007 mi è arrivato sms che mi informava che dal primo settembre 2007 aumenteranno le tariffe.

Non sono convinto della legittimità della variazione, comunque ho chiesto di annullare il contratto ma mi è stato risposto che c’è una penale di 240 euro. Cosa posso fare?


La richiesta della penale è illegittima, perchè vietata dalla legge 40/2007 (decreto Bersani) in caso di recesso; ancor più in questo caso perchè lo scioglimento del contratto avviene a seguito delle mutate condizioni decise dal gestore unilateralmente.

Sappiamo che l’imposizione per legge dell’abolizione dei costi di ricarica (a suo tempo contestammo le modalità del provvedimento) ha indebolito soprattutto gli operatori più piccoli come Wind e, appunto, 3 Italia, ma ci sembra che questo modo di operare non possa che indebolire ulteriormente le loro posizioni. Come sperano di recuperare terreno rispetto a Tim e Vodafone se trattano in questo modo i loro “pochi” clienti?

In questa fase 3 Italia e Wind tralasciano quello che dovrebbe essere il loro patrimonio principale: i clienti. Sembrano molto concentrate su operazioni finanziarie come la vendita congiunta delle torri su cui sono posizionati i loro ripetitori. Il patron egiziano di Wind, Naguib Sawiris, inoltre, ha quasi concluso un'operazione finanziaria che scarica direttamente su Wind i debiti contratti per acquisire la società da Enel. Una mossa che ricorda molto da vicino l‘operazione di Marco Tronchetti Provera, che negli anni ha traslato i suoi debiti da Pirelli a Telecom.

Quando arriverà la fine di questi soprusi e violazioni continue? È evidente che ciò accade per la mancanza di controlli e di normativa. I primi per gli scarsi poteri dell'Autorità preposta e per il modo altalenante e pro-aziende che la stessa Autorità usa (vedi le multe irrisorie che commina, tali da incentivare chi viola le norme a continuare a farlo... per quel che costa...). La mancanza di normativa è, in generale, il perdurare del monopolio di Telecom Italia sull'ultimo miglio e, in particolare, sempre la limitatezza dei poteri e dei livelli sanzionatori dell'Autorità.

Occorrerebbe una cura da bisonte per risanare la situazione e le conseguenti banditesche politiche commerciali dei vari operatori, ma, per il momento, non vediamo mandriani all'orizzonte. Per cui dobbiamo intensificare al massimo il nostro servizio di controllo, soprattutto grazie alla collaborazione dei consumatori, che devono segnalare tutto e non rassegnarsi a continuare a ricevere "calci negli stinchi".

Domenico Murrone, consigliere Aduc
Newsletter - www.aduc.it



4 commenti a "Telefonia. Basta con i soprusi. È il turno di 3 Italia":
linosole linosole il 24 Luglio 07 @ 07:19 am

quello che è incredibile prima ti fanno acquistare
schede con piani tariffari in offerta (super 5) te
la fanno ricaricare e poi a settembre ti cambiano
le tariffe.

è incredibile!!!!

iucaa iucaa il 24 Luglio 07 @ 13:00 pm

Passate a TIM..............., può non piacere per alcune cose, ma ha un servizio clienti "gratis" (questo è sinonimo di serietà),e non come 3 "a pagamento" !!! , cosa inconcepibile, inoltre TIM stà andando nella direzione di totale trasparenza nei confronti dei clienti e stà togliendo lo scatto alla risposta.
Verrebbe da chiedersi, ma se non si paga la penale cosa succede?

Max Max il 26 Luglio 07 @ 15:06 pm

Glieli scalano dalla carta di credito o dal conto.

renato renato il 31 Luglio 07 @ 01:18 am

a quando gli operatori europei in Italia? A quando le banche europee in Italia? Finchè la politica italiana va a braccetto con imprenditori fantocci capaci solo di fare la voce grossa in Italia perché 'protetti' da situazioni di monopolio tramite la complicità dei politici collusi, la situazione non può cambiare! Tantovale affidarsi agli imprenditori europei: male che vada o sono come gli italiani o meglio....
Basta guardare all'esempio delle banche italiane e delle spese del proprio c/c.

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: