Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Lo stress ti premia

Condividi:         ale 1 30 Ottobre 07 @ 07:30 am

Lo stress ti premia

Concorso per navigatori sull’orlo di una crisi di nervi.
È nato un concorso dedicato ai navigatori stanchi.

“My Stress Awards” è la campagna promossa dal sito http://www.regione.vda.it/turismo/concorso/ per premiare l’internauta più stressato d’Italia.
A quanto pare sono numerosi gli italiani che non vedono l’ora di staccare dalla quotidianità e di rilassarsi, visto che la sezione del sito dedicata al concorso riceve ogni giorno circa 180.000 contatti.

Il vincitore del “My Stress Awards” riceverà in omaggio una settimana per due persone in Valle d’Aosta.
L’iniziativa promossa dalla Regione ha ottenuto risultati migliori rispetto alle previsioni e oltre al viaggio “ Gran Prix Therapy”, i visitatori potranno vincere 70 t-shirt.
La regione si è appena affidata a Google per migliorare l’interfaccia del proprio portale, per renderlo così più accessibile agli utenti.


...www.datamanager.it autorizza pc-facile.com a riportare la presente news.



Un commento a "Lo stress ti premia":
Peppe Peppe il 05 Aprile 08 @ 18:28 pm

Ne avevate pubblicata la notizia. Ecco come sta andando a finire...

Quotidiano AOSTA OGGI
Web
Polemiche per il concorso “My stress” promosso dalla Regione

Aosta - Sotto accusa la campagna “My Stress Awards”, promossa dalla Saatchi & Saatchi. I vincitori del concorso sono stati 57, ne erano previsti 72. Oltre 600 partecipanti all’iniziativa sono stati squalificati. Scia di polemiche sull’alterazione di voti .

“Doveva costituire una delle azioni promozionali di punta per la stagione turistica valdostana. Invece la campagna “My Stress Awards”, promossa dalla Saatchi & Saatchi, l'agenzia che cura l’immagine della Valle d'Aosta, sta lasciando una scia di polemiche. Rischiando, addirittura, di finire in tribunale”. Comincia così una nota inviata a firma di Maria Di Saverio, a nome di un gruppo allargato di partecipanti al concorso in questione, nella quale si evidenzia e polemizza sul mal funzionamento dell’iniziativa e sul rispettivo risultato finale che scontenta centinaia di partecipanti premiandone 57 rispetto ai 72 previsti dal concorso.

L’Assessorato regionale al Turismo aveva lanciato sul web una campagna promozionale dal titolo “My Stress Awards”, dal 1° ottobre al 31 dicembre 2007. Il debutto aveva ottenuto un ottimo riscontro di pubblico, con oltre 180.000 visite dal giorno della pubblicazione. “Dimostraci di aver bisogno di una vacanza. Te ne regaliamo una in Valle d’Aosta”. Questo era l’invito che Saatchi & Saatchi, l’agenzia che cura la pubblicità per la Regione Valle d’Aosta in Italia. I partecipanti dovevano inviare testimonianze fotografiche, video e altro, sul tema dello stress. Le stesse poi venivano votate dai navigatori della Rete. In palio per i 72 vincitori c’erano due viaggi e settanta t-shirt. Obiettivo dell’iniziativa era quello di consolidare l’immagine amichevole e accogliente della nostra regione. L’iniziativa rischia ora di trasformarsi in un boomerang.

Anomalie e malcontento dei partecipanti all’iniziativa però, fin dalle prime settimane, vengono segnalate all’Assessorato competente. Le polemiche riguardano il piano tecnico dell’iniziativa “per alcuni concorrenti – si legge nella nota - il numero dei voti inizia a superare quello dei contatti. Per cui l’agenzia, già a novembre, corre ai ripari “resettando” i voti in eccesso. Ma il momento più critico coincide con la proclamazione dei vincitori. Da un giorno all’altro la classifica provvisoria viene stravolta e dalle posizioni in area premi, senza spiegazioni ufficiali, sparisce oltre la metà dei nominativi”. Tutti gli altri risultano “squalificati” perché avrebbero fatto i furbi “smanettando un pò troppo con i computer per garantirsi più voti”. Tra i 57 premiati risultano alla fine vincitori anche concorrenti che hanno ottenuto un solo voto. Tutti pirati informatici gli altri? Gli esclusi pretendono chiarimenti.

A rispondere è la Saatchi & Saatchi, in una nota, nella quale spiega come “effettivamente nel novembre 2007 a seguito della segnalazione di alcuni utenti, la società fornitrice ha operato degli adattamenti tecnici al software al fine di garantire il rispetto del regolamento ed il buon esito del concorso” evidenziando poi il successivo monitoraggio e i risultati che “sono il frutto della rigorosa applicazione del Regolamento che imponeva di escludere gli utenti per i quali non vi era corrispondenza tra numero di voti ottenuti e numero di accessi registrati a sistema, ovvero gli utenti che non risultano aver dato contributi". La Saatchi & Saatchi precisa infine “L’anomalia dei risultati registrati potrebbe dipendere da illecite intromissioni nel sistema. Si tratta di un’eventualità eccezionale ed imprevedibile che non può in alcun modo essere ascritta al corretto funzionamento del software e rispetto alla quale né la Regione, né la Saatchi & Saatchi, né tanto più gli utenti partecipanti al concorso, i cui dati hanno subito un’alterazione, possono essere ritenuti responsabili”. In via definitiva pur non essendo responsabili “gli esclusi” alla fin fine tali rimangono. "Nel rispetto dei consumatori e del denaro pubblico speso per tale concorso - commenta Maria Di Saverio - ci auguriamo che il concorso venga annullato e rifatto. Rimaniamo in attesa".

di Moreno Vignolini

02/04/2008
MY STRESS AWARDS: CONCORRENTI STRESSATI O PIRATI INFORMATICI?
2 aprile 2008

Si è concluso a gennaio, con l'estrazione dei vincitori, il concorso on line "My stress awards", con cui la Regione metteva in palio una vacanza in Valle d'Aosta ed altri 71 premi per coloro che dimostravano di essere stressati. Il funzionamento era semplice: i partecipanti dovevano inserire on line delle "prove" con cui dimostrare di essere stressati (filmati, fotografie e così via) e venivano poi giudicati e votati dai visitatori del sito internet. I più votati vincevano i premi in palio tra cui, appunto, un soggiorno nella nostra regione grazie al quale eliminare lo stress e riposarsi.

Ma, c'è un ma. «Nonostante gli oltre 600 partecipanti - commenta una concorrente, Maria Di Saverio, che in classifica era alla posizione 19 - i premiati sono stati appena 57 rispetto ai 72 previsti». «Da un giorno all'altro - spiega - la classifica provvisoria viene stravolta e dalle posizioni in area premi, senza spiegazioni ufficiali, sparisce oltre la metà dei nominativi», compreso il suo. Già in precedenza però sul sito avviene qualcosa di strano: «per alcuni concorrenti il numero dei voti iniziava a superare quello dei contatti, per cui l'agenzia (la Saatchi & Saatchi, che gestisce il concorso, ndr) già a novembre corse ai ripari resettando i voti in eccesso».
«Telefonando all'agenzia - prosegue la concorrente - mi sento rispondere che i miei voti sono stati cancellati perchè sarei una sorta di hacker e nella mia posizione si troverebbe la stragrande maggioranza dei partecipanti al concorso, oltre 500 persone. Insomma, un esercito di pirati informatici esclusi dalla premiazione».

La Saatchi & Saatchi, in una nota, ribatte spiegando che «effettivamente nel novembre 2007 a seguito della segnalazione di alcuni utenti, la società fornitrice ha operato degli adattamenti tecnici al software al fine di garantire il rispetto del regolamento ed il buon esito del concorso». L'agenzia aggiunge poi che «il corretto funzionamento del software è stato oggetto di monitoraggio e controllo durante l’intero svolgimento del concorso senza che siano mai risultate anomalie nella meccanica» e che dunque «i risultati della graduatoria sono il frutto della rigorosa applicazione del Regolamento che imponeva di escludere gli utenti per i quali non vi era corrispondenza tra numero di voti ottenuti e numero di accessi registrati a sistema, ovvero gli utenti che non risultano aver dato contributi». «L’anomalia dei risultati registrati - prosegue la nota - potrebbe dipendere da illecite intromissioni nel sistema. Si tratta di un’eventualità eccezionale ed imprevedibile che non può in alcun modo essere ascritta al corretto funzionamento del software e rispetto alla quale né la Regione, né la Saatchi & Saatchi, né tanto più gli utenti partecipanti al concorso, i cui dati hanno subito un’alterazione, possono essere ritenuti responsabili».

Agenzia ANSA
ANSA Valle d'Aosta
Data: 04/04/2008 16:54
INTERNET: PROBABILE ATTACCO HACKER A CONCORSO PER STRESSATI
(ANSA) - AOSTA, 4 APR - "L'anomalia dei risultati registrati potrebbe dipendere da illecite intromissioni nel sistema". Così l'agenzia pubblicitaria 'Saatchi & Saatchi' spiega alcune irregolarità riscontrate nei punteggi assegnati ai partecipanti al concorso nazionale su web 'My stress', lanciato nel settembre scorso sul portale della Regione Valle d'Aosta per premiare 'il piu' stressato d'Italia.

In palio c'erano due soggiorni omaggio nella regione alpina e 70 t-shirt; oltre 180.000 al giorno erano stati i contatti, in ba<x>se ai dati di Saatchi & Saatchi. A sollevare la problematica é stata una concorrente romana, Maria Di Saverio, che già ad ottobre aveva segnalato alcune incongruenze nella classifica.

"Effettivamente - sottolinea nella nota Saatchi % Saatchi - nel novembre 2007 a seguito della segnalazione di alcuni utenti, la società fornitrice ha operato degli adattamenti tecnici al software al fine di garantire il rispetto del regolamento ed il buon esito del concorso". Per quanto riguarda l'attacco hacker "si tratta di un'eventualità eccezionale ed imprevedibile - aggiunge l'agenzia di pubblicità - che non può in alcun modo essere ascritta al corretto funzionamento del software e rispetto alla quale né la Regione, né la Saatchi & Saatchi, né tanto più gli utenti partecipanti al concorso possono essere ritenuti responsabili". (ANSA).

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: