Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Shopping online, scacco matto alle truffe digitali

Condividi:         webmaster 24 Giugno 12 @ 10:00 am

Lo shopping si fa sempre di più sul web. Sono oltre dieci milioni le persone che ogni mese fanno acquisti online, dalla moda alle vacanze, dalla tecnologia ai coupon: il giro d'affari è in continua crescita, nonostante la crisi, e nel 2012 potrebbe superare i 9,5 miliardi di euro (+18%). Nei negozi virtuali bastano un click e una carta di credito per riempire la borsa della spesa, con una scelta di prodotti vasta e prezzi, spesso, scontatissimi. Ma ci vuole poco, soprattutto se non si seguono alcune regole basilari, anche a finire nella "rete" delle truffe.

«Il commercio elettronico ha forti prospettive di crescita. Sia per i prodotti digitali, come musica, software, e-books o biglietti elettronici, che per i beni da spedire, come smartphone, scarpe, vestiti, elettrodomestici». A dirlo è Domenico Giacinto Profazio, direttore sezione investigazioni informatiche della Polizia postale, che però aggiunge: «Questa crescita si traduce in un interesse sempre maggiore anche da parte dei truffatori, con una continua evoluzione delle tecniche di raggiro. La nuova frontiera, ora, è l'e-mobile, lo shopping da cellulari e tablet». Interesse che si riscontra anche nei numeri: nell'ultimo anno (fino a maggio) le denunce di illeciti nell'e-commerce sono state più di 19mila, contro le circa 15mila dei dodici mesi precedenti (+27%).

I rischi che si corrono a fare acquisti online sono essenzialmente di tre tipologie. «Innanzitutto, c'è l'acquirente che effettua il pagamento ma non riceve la merce – spiega Profazio –. C'è poi chi si vede recapitare prodotti diversi, contraffatti o di qualità inferiore rispetto a quelli ordinati. Infine, chi acquista sul web può subire la sottrazione delle credenziali di carta di credito o conto corrente attraverso il phishing, ovvero l'uso di tecniche sempre più sofisticate per pescare, attraverso email spam o virus che si insinuano nei pc, dati finanziari e password degli utenti, per accedere ai loro conti in internet banking o dirottare i pagamenti».
Le chiavi di accesso possono essere rubate nel momento in cui vengono inserite su un sito fasullo o clone (al quale si viene indirizzati, magari, da una falsa email) o anche essere carpite da un malware (software maligno scaricato inavvertitamente sul pc) mentre si effettua un acquisto sicuro o entrando sul proprio conto via Internet...



Continua a leggere questa notizia su ilsole24ore.com.


Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: