Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet
Una sentenza assolve i siti P2p - news originale

Una sentenza assolve i siti P2p

Condividi:         dany 1 25 Gennaio 08 @ 16:00 pm

Il Tribunale di Roma, a seguito di un'indagine svolta contro ignoti, ha stabilito che i siti di condivisione - beashare.com, emuleitalia.net, bittorrent.com. - non commettono reato.

Il Gip assolve i siti, non lo scambio di file protetti da copyright ad opera dei singoli utenti, quest'ultima azione resta reato per chi lo compie.
Lo scambio avviene tra utenti finali, senza l'intermediazione da parte dei siti, quindi questi non commettono reato.

Nella sentenza si può leggere, inoltre:

"Mancando una legislazione ad hoc .... non appare possibile in questa sede dare rilevanza ad un fenomeno assai diffuso che non può essere messo sotto accusa ed avente accertamenti quasi impossibili da fare", si legge nella sentenza che chiude il procedimento.
Il Pm ha richiesto l'archiviazione del caso.



Un commento a "Una sentenza assolve i siti P2p":
Strana Italia Strana Italia il 27 Aprile 10 @ 10:34 am

Strano comportamento in Italia, da un lato si cerca di vietare le intercettazioni telefoniche, se queste riguardano gli intrallazzi di Berlusconi e quelli come lui, dall'altro le si incrementa se riguardano tutti gli altri utenti, le persone normali che proprio essendo normali possono tranquillamente essere definiti cyber criminali, (vedi scambiatori p2p).Speriamo vada avanti la proposta di Maroni (ma non facciamoci illusioni!).

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: