Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Scambio links: fine di un'era. Google svilisce ufficialmente...

Condividi:         ale 1 15 Marzo 07 @ 12:00 pm

Scambio links: fine di un'era. Google svilisce ufficialmente l'importanza dei links acquistati o “scambiati”.

Per molti anni i webmasters di tutto il mondo si sono affannati nel cercare di scambiare links reciproci con lo scopo di elevare il page rank e ricevere così maggiore considerazione da parte dei motori di ricerca, migliorando il proprio posizionamento nel ranking. E' bene sapere che Google ha definitivamente scritto la parola "fine" in questo capitolo della storia del web.

Un membro del Google Search Quality team ha recentemente affermato che Google ha considerevolmente raffinato il suo algoritmo modificando nettamente l'importanza che esso attribuisce ai links derivanti da acquisto o scambio. In Google esiste un'apposita sezione denominata “Google link-weighting algorithm” che si occupa proprio di controllare e correggere il valore dei links ed il personale addetto è recentemente aumentato proprio a testimoniare l'impegno e la volontà di Google di attribuire ad ogni link il valore che merita.
L'affermazione è molto importante in quanto ci risulta essere la prima che viene rilasciata a livello ufficiale dallo staff di Google e conferma ciò che abbiamo sempre consigliato ai nostri utenti da almeno due anni a questa parte: lasciar perdere lo scambio links e puntare sulla costruzione di links “organici”.
Il membro del Google Search Quality team ha infatti continuato affermando che le modifiche apportate all'attuale algoritmo segnano una definitiva transizione dai links comprati o scambiati verso i links organici, cioò quei links che non sono frutto di negoziazione ma avvengono spontaneamente ed in modo naturale. La transizione è nel senso che il potere di trasmettere la buona “reputazione” (ogni link infatti gioca un ruolo nell'incrementare la “page reputation”, fattore alla base della link popularity e del “page rank”) da parte di links scambiati o comprati sarà da adesso in poi svilito parzialmente o annullato completamente.
Nella comunità degli addetti ai lavori nel campo del Posizionamento (SEO) esiste tuttavia una leggera confusione in merito a quali links siano da considerarsi tecnicamente frutto di uno scambio. Molti sospettano che Google indichi la totalità dei links reciproci esistenti sul web mentre altri sostengono che sono tali solo i links che assumono un modello tale per cui si verifichi un tentativo di manipolazione del Page Rank e della link popularity.
Decisamente la ragionevolezza porta a propendere per la seconda ipotesi.
Il punto della questione, in altri termini, è che occorre verificare di volta in volta se i links scambiati danno un valore aggiunto al visitatore del sito: in questo caso sono positivi anche se sono reciproci. Ad esempio se il “Corriere della Sera” pubblica online un articolo che parla positivamente della vostra azienda e dei prodotti/servizi offerti, è logico che sarà sicuramente logico inserire sul vostro sito un link a questa pagina in modo da mostrare alla vostra clientela/utenza un giudizio così positivo. Tecnicamente questo è comunque un link “scambiato” ma è logico pensare che lo scambio in questione non sia un tentativo di alterazione del page rank, quanto piuttosto una conseguenza naturale delle due parti: la testata che pubblica un articolo; l'azienda oggetto delle attenzioni dell'articolo che ne vuole trarre il giusto vanto a favore della propria immagine. D'altronde, per rimanere sull'esempio, il sito de Il Corriere, come quello di altre testate (La Repubblica, CNN ecc.) così come, ancora, molti siti web con un page rank di 6/10 ed oltre, sono siti che fanno parte di una cosiddetta “lista bianca” ovvero un elenco di siti ritenuti dai motori di ricerca affidabili a causa della loro grande popolarità e del buon comportamento mostrato in anni di osservazione.
Se invece i vostri links scambiati non sono niente altro che un tentativo per incrementare in modo artificiale la link popularity ed il page rank, allora state perdendo il vostro tempo (o il vostro denaro, nel caso abbiate deciso di comprare links a questo scopo).
Guardando al futuro la strada è quella che abbiamo indicato ai nostri lettori da tempo: occorre ricercare e sviluppare una strategia di incremento links sostenibile evitando (o almeno facendo grandissima attenzione) di associarsi in comunità di scambi reciproci di links, o di scambio di contenuti in quanto queste strategie ormai sono individuate con relativa facilità da Google e saranno sempre più penalizzate.

Cosa fare allora? Questo è lo scenario:

• Acquisto links La capacità di trasmettere “reputation” incrementando la link popularity è ora minimizzata e sarà presto annullata;
• Programmi di scambio links: sempre meno utili e spesso dannosi
• Links reciproci: consentiti solo se naturali e utili per i navigatori;
• Link Baiting: strategia di costruzione dei link eccellente e consigliata da Google (sulla Link Baiting vedi il nostro articolo “Link baiting”: la nuova frontiera del posizionamento nei motori di ricerca ... e il link è preso all'amo!").


...www.cduweb.com autorizza pc-facile.com a riportare la presente news.



Un commento a "Scambio links: fine di un'era. Google svilisce ufficialmente...":
Anonimo Anonimo il 21 Marzo 07 @ 00:28 am

PEr molti anni Google è stato il mio motore di ricerca preferito.
Ora però "sembra" aver modificato le proprie politiche per cedere a ragioni di natura commerciale...
Il modo migliore per avere un posizionamento decente adesso sarebbe scrivere idiozie o insulti in una pagina solo per "attrarre" i link dagli altri naviganti?

Rivalutiamo AltaVista e Yahoo!!!!!

MAx

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: