Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Rifiuti hi-tech,business del secolo

Condividi:         ale 30 Settembre 04 @ 17:00 pm

Come smaltire l'E-waste.
Ogni epoca ha la sua... immondizia. E i problemi collegati al suo smaltimento. Mentre sulle nostre teste continua ad orbitare la cosiddetta "spazzatura spaziale", retaggio dell'assalto alla conquista della luna, intorno a noi si accumulano montagne di rifiuti tecnologici. Cellulari, palmari, computer fuori moda o fuori uso, di cui non sappiamo come sbarazzarci. A ciò si aggiunge che la cosiddetta E-waste è pericolosa per la salute nostra e dell'ambiente.

Così, giorno dopo giorno, la spazzatura elettronica diventa un'emergenza. Sono milioni i pc e i telefonini a finire in un cassetto o in un cassonetto, prima di concludere la loro esistenza in una discarica all'aria aperta. Ma non tutti conoscono ancora la pericolosità di queste autentiche "mine vaganti": le batterie, infatti, contengono agenti chimici come cadmio, mercurio, piombo e bario, molto più noti all'interno di centrali nucleari che tra le mura domestiche.

La società di ricerca Yankee Group ha stimato che alla fine del 2004 saranno 100 milioni i cellulari a finire fuori servizio negli Stati Uniti e 150 milioni in Europa: il 70% di questi sarà conservato dal proprio possessore, mentre solo 5 milioni verranno riciclati o smaltiti in apposite strutture destinate ad eliminare i loro effetti nocivi.

Anche perchè lo smaltimento dei rifiuti tecnologici, come scrive il Wall Street Journal, pur se rappresenta "il business del futuro prossimo", è una attività ancora poco sfruttata.
A dominare la scena internazionale, strappando contratti con le principali case elettroniche al mondo come Hp, Nokia, Intel, è una società di Singapore, la Citiraya Industries, fondata da Ng teck Lee, ex autista per un'azienda di smaltimento della plastica, capace di controllare il 70% di un mercato in fortissima crescita.

E i numeri sono quantomai spaventosi: solo in America, ogni anno, vengono mandati in pensione due milioni di tonnellate di materiale elettronico: appena il 13% viene riciclato, il 27% finisce in una discarica all'aperto, il 46% messo in un cassetto prima di essere gettato e il 13% rivenduto sui siti di aste online come eBay.

Nonostante molte aziende, come Dell e Hp, si siano dichiarate favorevoli al riutilizzo di computer e macchinari hi-tech usati, e case del calibro di Intel, Microsoft e Cisco Systems abbiano avviato progetti per la cessione dei loro scarti a enti non- profit o scuole (i cambi di macchinari, in media, vengono fatti ogni tre anni), riciclare pc e simili appare ancora una pratica poco diffusa.

Anche a causa dei costi: per regalare le proprie macchine l'azienda spende circa 126 dollari a pezzo, tra spese per il trasporto e revisioni.

News tratta da Tgcom.it



Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: