Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet
Redditi online: peer to peer, articoli, news e... eBay! - news originale

Redditi online: peer to peer, articoli, news e... eBay!

Condividi:         ale 31 06 Maggio 08 @ 08:10 am

L'argomento principale di questi giorni è la notizia della possibilità di accedere per tutti ai redditi del 2005 direttamente online.

Oltre alle numerose news scritte sull'argomento, articoli redatti da giornalisti più o meno noti, da Telefono Antiplagio arriva un'ulteriore novità circa la già complicata vicenda: su eBay si trovano aste con in vendita la "dichiarazione redditi 2005 di tutto il popolo italiano" a 38,50 sterline (49,29 Euro).

Il veditore, tale brazo 78, dice che il cd contenente i dati si trova a San Marino e richiede pagamento tramite Paypal, banca online di Ebay o carta di credito.
L'asta è stata ora chiusa ma la potete trovare all'indirizzo indicato.

Nel frattempo la Procura di Roma che indaga per violazione della privacy potrebbe tra oggi e domani ascoltare i vertici dell'Agenzia delle Entrate e il Viceministro Visco.



31 commenti a "Redditi online: peer to peer, articoli, news e... eBay!":
Gianni Gianni il 06 Maggio 08 @ 13:43 pm

Ma questi Italiani non hanno nulla da fare che curiosare i guadagni degli altri? che magra consolazione!

giovanni giovanni il 06 Maggio 08 @ 15:24 pm

secondo me e un bene che i redditi vengono difusi cosi si sa se il mio vicino che ha un 'auto da 50.000 %u20AC e sempre in ferie ecc.. mentre io pago tutte le tasse loro pagano anche meno di retta degli asili perchè nel loro 730 risulta un reddito inferiore ad un operaio .Se vogliamo pagare meno di tasse tutti devono pagare tutti e questo puo essere un buon sistema

giofenomen giofenomen il 06 Maggio 08 @ 15:38 pm

faccio una domanda a tutti quelli che hanno del buo senso in casa mia vive mia cognata invalida al 75% prende 657%u20AC mensile in gennaio le hanno aumentato di 5%u20AC la sua pensione in Marzo le hanno dimibuito di 29%u20AC la sua pensione perche le fanno pagare la tassa regionale secondo voi se fanno vedere il suo reddito on line lei si offende? e denucia le agenzia delle entrate? secondo me ci sono tanti disugualianze che noi poveri non ci resta che arrabiarci quando vediamo che un deputato va in pensione dopo 2,5 legislatura con 7/8000%u20AC questo ho un beneton non dichiara tutto e poi si compra le autostrade, per me il garante fa parte anche lui della lista

Anonimo Anonimo il 07 Maggio 08 @ 13:15 pm

Io credo che non sia giusto invadere la privacy e l'intimità degli altri. A me pesonalmente, pur non avendo niente da nascondere, dà fastidio che il mio vicino di casa possa inserirsi così facilmente nella mia vita privata, o possa fare delle considerazioni su argomenti che io ritengo molto personali. Il gesto di Visco è stato a mio parere inconsulto.

Swalily Swalily il 12 Maggio 08 @ 08:25 am

Nei paesi nordici (Svezia, Norvegia, Danimarca ecc) già da anni tutti possono conoscere tramite l'invio di un semplice sms i redditi di tutti, e senza che nessuno si scandalizzi*. Questo perchè lì tutti pagano le tasse, e pagandole tutti ne pagano meno tutti. Altra conseguenza è che non accadono episodi tipicamente italiani come per esempio l'accesso ai testi scolastici "a gratis" :-) o la retta dell'asilo inferiore o borse di studio per redditi bassi quando invece si possiedono 3 auro di grossa cilindrata, 1 suv, 2 moto, un camper, la villa ecc ecc. perchè sulla denuncia dei reddidi c'è scritto 5000 Euro(o meno), a scapito di chi davvero guadagna come operaio 12000 Euro, e che le tasse le paga tutte. Per non parlare di servizi come scuole, ospedali ecc che funzionano con i soldi dei contribuenti, e ci si può incazzare nel vedere che "uno" ricco NON contribuisce a tali spese però usufruisce in toto di tali servizi. Insomma, se un operaio paga l'ospedale anche per in ricco non è bello :-)se poi scopre che il ricco non paga. Nei paesi nordici non fa scandalo sapere se il tuo vicino ti sta truffando, quì si. Strano paese il nostro.
Svaglia.
PS. basandoci sulla maggior parte dei redditi denunciati quelli che devono aver paura di rapimenti e furti da parte di ladri "informati" sembrano dover essere operai e pensionati. Strano no?
S.

marlon marlon il 12 Maggio 08 @ 10:26 am

Allora:
innanzitutto NON ESISTONO paesi nei quali TUTTI i cittadini paghino SEMPRE TUTTE le tasse.
Mettiamocelo bene in testa.
L'uomo è uomo, ed i disonesti o i furbetti esistono ovunque.
Che poi le percentuali di evasori nel Nord Europa, siano inferiori a quelle del Sud, credo sia vero.
Ma smettiamo di avere un'idea troppo romantica degli Svedesi (come di chiunque altro...), per cortesia.

Secondo punto.
Per la lotta all'evasione, occorre che gli organi competenti (Min. Finanze, Interni, Sanità etc. etc. etc.) possano avere poteri ispettivi.
Loro, NON il mio vicino di casa o il mio capufficio.

marlon marlon il 12 Maggio 08 @ 10:28 am

Quello che si è potuto vedere è il reddito dichiarato.
Una cifra accanto ad un nome.
Che però non dice assolutamente nulla a riguardo di come ci si è arrivati.

Se anche il mio vicino di casa possiede un'auto da 50.000 Euro, viaggia spesso, ed apparentemente fà un lavoro meno retribuito del mio, non significa che sia necessariamente un evasore.

Magari (è un'ipotesi come un'altra), ha ereditato la casa e quindi a differenza di me non ha 800 Euro di mutuo da pagare.
Oppure preferisce spendere anche di più di quel che guadagna, indebitandosi miseramente, mentre io raggranello i pochi soldi rimasti in banca.

Detto questo, il fatto di poter andare a guardare i redditi dichiarati di chiunque, senza lasciare alcuna traccia dell'averlo fatto né aver dovuto dare la benché minima spiegazione, è fondamentalmente sbagliato.
In questo modo si spalancano le porte alle più basse speculazioni.

Facciamo un esempio.

marlon marlon il 12 Maggio 08 @ 10:31 am

Mettiamo il caso che io non riesca più a star dietro alle spese e decida di trovarmi un posto meglio retribuito.

Trovereste così allettante che la persona alla quale vi presentate possa sapere esattamente quanto avete dichiarato l'anno prima, e farVi i conti in tasca senza nemmeno saper nulla di Voi, della Vostra realtà familiare e delle Vostre segittime esigenze?

Quando Vi presentate per un posto, Vi portate dietro l'ultima busta paga?

Ed al lavoro?
Sapete esattamente cosa guadagna il Vostro vicino di scrivania?

Dico: sono da sempre dati riservati.
Che né il dipendente né l'azienda ha piacere che si sappiano.

marlon marlon il 12 Maggio 08 @ 10:32 am

La finiamo di pensare che se NOI possiamo andare a farci gli affaracci altrui, l'evasione sarà debellata?
Ma siamo davvero così ingenui da pensarlo?

Quelli del Fisco non si accorgono che ho intestate 3 Ferrari, 1 motoscafo, 2 ville in Sardegna ma dichiaro il reddito da operaio non qualificato, ma noi sì?

Occorre avere della fantasia, non credete?
Ed anche se succedesse che fate?
Denunciate il tipo?
Una bella lettera anonima?
Ma dai! Siamo seri!

Rendere accessibili OnLine e senza controlli le cifre pagate con l'Unico, non sarebbe democrazia ma una cretinata all'Italiana.

Gli organi preposti, a queste informazioni (ben più complete, tra l'altro) hanno già accesso.
E chiunque può fare richiesta (MO-TI-VA-TA) per aver visione dei dati di chichessia.

Mi sembra ci siano tutti gli strumenti che servono già da ieri.
E non ritengo serva alcuna ulteriore "apertura".
Sarebbero più i rischi che i benefici, pensateci! ;)

marlon marlon il 12 Maggio 08 @ 11:02 am

Aggiungo un'ultima considerazione e poi la pianto di rompervi le scatole.

Ormai ci manca che per pagare il conto del fruttivendolo mi chiedano una firma sul modulo della Privacy.

Teoricamente dovrei essere in grado di sapere esattamente se e dove sono presente nei Database sparsi in giro per l'Italia; con la legittima possibilità di farmi rimuovere scrivendo al "responsabile del trattamento".

Sto parlando di una banale anagrafica, reperibile sulle pagine gialle.

Ecco: su di essa, almeno teoricamente, ho il pieno controllo.
Mentre il mio reddito dichiarato, almeno ad ascoltare il 98% dei commenti, dovrebbe essere spiattellato ai 4 venti.

Non vi sembra un po' "asimmetrico" come metro di giudizio?
Mah!

Ottix Ottix il 12 Maggio 08 @ 19:30 pm


> Quando Vi presentate per un posto, Vi portate dietro l'ultima busta paga?

Spesso. Me la chiedono di tanto in tanto.

> E chiunque può fare richiesta (MO-TI-VA-TA)...

Anche se dici che ti serve per giocare al superenalotto, te la danno lo stesso...



i3sbbpino i3sbbpino il 13 Maggio 08 @ 13:39 pm


Non vedo cosa ci sia di strano a conoscere i redditi degli italiani.
Se UNO non ha niente da nascondere, non ha paura di eventuali accertamenti.
IO, pensionato e prima lavoratore in azienda privata, i miei redditi li conoscono TUTTI anche perche' mi viene trattenuto il DOVUTO ancora prima di prendere i soldi.
Quelli che si sentono " spiati " sono, al 90 percento, evasori potenziali e sono quelli che hanno le ville, le barche da 20 metri, i SUV inquinanti e dispendiosi, e vanno a dire in giro che la loro MAMMA fa' il giro del mercato per comperare le cose piu' convenienti.
BALLE.....!!! ....questi sarebbero da inquisire.
Lasciateci morire in pace, ma almeno dateci la soddisfazione di
" disprezzare " chi ci prende per i fondelli.....noi dipendenti a reddito fisso.

Ottix Ottix il 13 Maggio 08 @ 14:12 pm


Non sono pensionato, ma condivido il tuo punto.

Bravo i3sbbpino!

scintilla scintilla il 14 Maggio 08 @ 15:14 pm

Guadagnare tanto non è ne immorale se il denaro è guadagnato onestamente è si è fatto il proprio dovere di contribuente onesto. Ma quati lo possono dire di aver adempiuto a questi due principo? solo noi lavoratori dipendenti, perchè ci tassano alla fonte.

marlon marlon il 15 Maggio 08 @ 08:25 am

Ottix,
può anche esser vero che te lo danno per un motivo così cretino, ma se non altro resta traccia da qualche parte che TU lo hai chiesto per QUEL motivo.
Visto che la pochissimo conosciuta legge sulla privacy inserisce tra i dati riservati pure il reddito, trovo che la richiesta esplicita e motivata, nonché tracciabilità delle richieste siano il MINIMO indispensabile.
Non foss'altro che per il buonsenso.

Ah!
Se ti chiedono la tua busta paga, sei anche libero di non dargliela.
Ci stanno semplicemente provando.
E comunque, con quel che scrivi, mi confermi che pur non avendo nulla da nascondere non è che arrivi al colloquio con quella fotocopia in tasca.
Non siamo ipocriti, per favore!
NESSUNO vuole MAI dire ESPLICITAMENTE quanto si mette in tasca.
E comunque lo stipendio non è necessariamente l'unica fonte di reddito.
Altrimenti non ci sarebbe alcun bisogno di compilare l'Unico...

marlon marlon il 15 Maggio 08 @ 08:34 am

i3sbbpino,
Son stato per ben più di metà della mia vita lavorativa un dipendente stipendiato.
NESSUNO ha mai saputo con esattezza quant'era il mio stipendio.
Né io ho mai saputo quanto prendeva il collega accanto a me.
Ed ho girato più aziende.

Già ci sono gelosie e polemiche tra colleghi sull'efficienza o la presunta (o reale...) inettitudine di uno o più colleghi.
Ti rendi conto se si sapesse che questa gente guadagna pure molto?
Sarebbe una situazione ingestibile.

L'azienda non ha interesse a diffondere queste informazioni e pure il dipendente. Gli ambienti dove oltre al sudore si condivide pure la busta paga - credimi - sono una ristrettissima minoranza.

A parte tutto.
Anche ora che sei un Pensionato, attacchi la ricevuta della pensione alla bacheca in fondo alle scale del caseggiato?
Dai, sù!
Non facciamo della demagogia! :)

marlon marlon il 15 Maggio 08 @ 08:43 am

i3sbbpino & scintilla,
la finiamo un po' di credere che a pagare tutte le tasse fino all'ultimo cent siano solo i dipendenti ed i pensionati?
Ci svincoliamo da questa logica immotivatamente diffusa?

Certo che se chi ti paga trattiene alla fonte le tasse, non la scampi (a parte il nero...), ma ciò non trasforma tutto il resto dei lavoratori in evasori, che diamine!

In certi casi lo sono, ma per esperienza ti dico che per la maggior parte le ditte pagano tutto quel che hanno da pagare.
E pure puntualmente.

marlon marlon il 15 Maggio 08 @ 08:50 am

Io sono a fattura, per necessità lavorativa, da parecchi anni.
E non sgarro mai.
La stessa cosa posso dire di tutte le aziende con le quali collaboro.
Molte (me compreso...) per stare tranquille preferiscono pagare qualcosa di più piuttosto che sentirsi contestare un'ipotetica detrazione di spese indebita.

Fai conto che quando partecipi ad una gara per la fornitura di materiale o servizi ad un qualsiasi Ente pubblico, ti viene richiesto il DURC (Documento Unico di [bRegolarità[/b] Contributiva).
Oltre a certificati INAIL per la protezione sugli infortuni e molta altra roba.

Cose che, se non sei immacolato, NON PUOI AVERE.

marlon marlon il 15 Maggio 08 @ 08:51 am

La cifra pagata in tasse, in sé, non significa un bel tubo.
Se non sai come ci si è arrivati e non sei un esperto.

Magari dalla tua pensione (non te lo auguro, sia chiaro) hai detratto alcune migliaia di Euro per spese mediche, sicché se ti guardo i numeri posso pensare che tu guadagni TROPPO POCO.
E' tutto regolare.
E tu sei onestissimo.
Ma se ti incontro per le scale all'improvviso ti guardo strano perché penso tu sia un furbetto.
E' questo che vorresti?

marlon marlon il 15 Maggio 08 @ 08:55 am

Ultima cosa.

i3sbbpino,

non è questione di non aver nulla da nascondere.
Se sei sposato, con tua moglie è lecito che tu ci faccia l'Amore.

Ma da qui a permettere che CHIUNQUE, senza ALCUN controllo né MOTIVAZIONE sensata, possa vedere quante volte lo fai, quanto dura il rapporto ed altre amenità del genere, ce ne corre assai!

E' un paragone un po' forte, ma è per farti capire che ci sono TANTE cose che pur non essendo né illegali né immorali, è più che sacrosanto tenere per sé e non diffondere ai quattro venti.

Peraltro: non c'è alcun problema se qualcuno vuole pubblicare la propria dichiarazione dei redditi.
Ma dev'essere una libera scelta di ciascuno, non um'imposizione proditoria.

Alan Alan il 16 Maggio 08 @ 09:45 am

io dico che gli unici che hanno da preoccuparsi sono gli evasori, perchè io che guadagno e vivo con 1.000 € al mese e dichiaro 1.000 € al mese sicuramente non devo preoccuparmi che qualcuno mi mandi un controllo,
se la casa in campagna e la ferrari le ho reditate, come faceva notare qualcuno, vorrà dice che lo potrò dimostrare con gli atti di successione, se l'ho vinta ad una lotteria avrò la ricevuta, la stò pagando con un mutuo 40ennale a 600€ al mese, e così via, quindi anche lì sto tranquillo, posso dimostrare tutto,
se invece guadagno 30.000 € al mese e c'ho la ferrari, la villa con 3 piscine, lo chalet in montagna e la barchetta a capri e poi al fisco dichiaro 600 € al mese, ora mi starei c@x@ndo sotto perchè chiunque lo piò notare e avvisare il fisco che mi fa un controllo e mi fà pagare tutto anche gli arretrati (e anche quì magari andasse così).
infatti i soldi vanno via non si sà come a tutti, ma difficilmente compaiono dal nulla magicamente.
io sono daccordissimo che non è da paese civile pubblicare i redditi di tutti, è abbastanza umiliante per chi guadagna poco, ma non è neanche da paese civile che metà della popolazione non paghi le tasse e l'altra metà ne paghi il doppio. quindi se i vari "furbi" finora hanno prosperato, almeno adesso avranno qualche difficoltà in più e gli unici che ne devono gioire sono i "poveri" veri, che magari ora si troveranno qualche euro in tasca in più.

Alan Alan il 16 Maggio 08 @ 10:02 am

@marlon:
i redditi sono al lordo
quindi se hai dichiarato 100.000%u20AC anno e dovevi pagare 40.000%u20AC di tasse, poi hai avuto detrazioni per 39.000%u20AC e ne hai pagate solo 1.000 questo non risulta quindi non c'è da preoccuparsene, chiunque può star male ed è un suo diritto dertarre le cure mediche.
il discorso della moglie invece se il paragone regge, viene solo detto che tu e tua moglie avete usufruito vicendevolmente l'uno dell'altro per le persone normali, IN PIU' risulta anche chiaro che se magari tu credevi fosse così (come logico aspettarsi e come tuo diritto) invece scopri che era il tuo vicino che "usufruiva" di tua moglie... e già che c'era lo metteva nel posto anche a te...
e si perchè ognuno che non paga le tasse lo mette nel c...lo a chi le paga, e logicamente la cosa soddisfa tantissimo gli evasori e lascia gli altri...
se a te la cosa sta bene o sei un pò masochista (ma non per questo vuol dire che lo debbano essere tutti) oppure qualcosa non quadra.

Silvana Silvana il 16 Maggio 08 @ 10:17 am

per marlon
anche all'estero esistono gli evasori ma:
1) sono una minoranza
2) se li beccano vanno in galera otre a pagare tutto il dovuto più le multe
3) solo in italia gli evasori sono considerati "furbi" o "dritti" quasi dei genialoidi, all'estero gli evasori sono considerati CRIMINALI e TRUFFATORI onta e danno per ogni civiltà civile al pari dei rapinatori di banche e gli assassini,
perchè non dimentichiamolo che i 50.000%u20AC di tasse non pagate dal singolo evasore li deve cacciare qualcun altro.
sono un centesimo im più da pagare per ogni lavoratore onesto, quando poi un operaio si trova a pagare 200%u20AC di tasse in più ogni mese e non riuscendo a pagare il mutuo si impicca è anche (ma non solo) colpa loro di tutti gli evasori!!!

marlon marlon il 16 Maggio 08 @ 22:12 pm

Alan,
a me non quadra come hai rigirato la "faccenda della moglie".
Intendevo semplicemente sottolineare che ci sono cose del tutto legittime, che però è sacrosantemente giusto che qualcuno non desiderino siano "quantificate" in pubblico.
Da qui l'esempio.

Non sono né masochista né cretino (anche se è possibile che più di uno, conoscendomi, possa pensarlo).

Come tanti stai confondendo la legittimità di rendere pubblico il reddito di chiunque senza alcun controllo né tracciabilità con la possibilità che ad aver accesso a quelle informazioni sia chi EFFETTIVAMENTE può fare qualcosa per evitare ai furbi di operare.

marlon marlon il 16 Maggio 08 @ 22:17 pm

In tutta franchezza non ti penso così cretino da credere davvero che, se tu sapessi che un tuo vicino che reputi benestante, ti basterebbe saper il reddito (lordo, per giunta) che ha dichiarato per poter andare alla Finanza e dire "andate a fare un controllo a quel tipo lì".

Suvvia!
Ma stiamo scherzando?

Tu, che dici di guadagnare e dichiarare 1000 Euro al mese, sei proprio certo di non stare sullo stomaco a qualcuno, che ti guarda e ti giudica con superficialità.
Poi và sul Web, scarica il tuo reddito, e pensa: "accidenti! Avevo ragione! Ma come farà a permettersi di viaggiare su quella macchina, pagare la scuola ai figlie e l'affitto con soli 12.000 Euro lordi all'anno? GLI MANDO UN BEL CONTROLLO, COSIì FA MENO IL FURBO!!!".

Ecco cosa succederebbe.
Non vediamo il male solo verso gli altri, ma pensiamo anche a come veniamo giudicati noi.
NON da persone il cui mestiere è farlo ma da gente qualunque.

marlon marlon il 16 Maggio 08 @ 22:21 pm

A parte il fatto che il concetto di "delazione" è allucinante anche solo come concetto (i motivi li ho scritti sopra), pensi davvero che al Fisco se ne starebbero lì ad aspettare le telefonate anonime così, magari ringraziando i delatori?

Li ritieni così deficienti da non essere in grado di correlare la tua Ferrari ricevuta legittimamente in eredità ed al bollo che paghi?

Non credi che abbiano già gli strumenti per scremare i redditi, limitando i controlli alle situazioni che sono davvero potenzialmente critiche?

Che poi tutto possa essere potenziato e fatto meglio, non c'è da discutere.

marlon marlon il 16 Maggio 08 @ 22:25 pm

Silvana,
sui punti 1 e 2 hai delle statistiche?

Perché il brutto di queste "voci" sulla presunta disonestà (o correttezza) sono basate su sensazioni e non su dati di fatto attendibili.

Oltretutto, e vale per tante cose (es.: mercato della droga, o immigrati clandestini o altro ancora), gli eventuali numeri che si trovano sui giornali - e spessissimo MAI controllati - sono basati su stime.

Si PRESUME che se ci sono 100 persone e 60 dichiarano redditi "apparentemente giustificati", allora 40 sono evasori.

Non funziona così.

Può essere che gli evasori siano 50, e che dei 60 che hai ritenuto "corretti", 10 siano soltanto più furbi da non esporsi.
Come pure (ma siamo alla fantascienza) che i restanti 40 siano onesti pure loro.

marlon marlon il 16 Maggio 08 @ 22:28 pm

Sul punto 3, poi, non dovrei nemmeno scrivere.

Se siamo qui tutti a litigare, forse significa che a nessun di noi sta bene che esista chi evade.
E non lo veda in alcun modo come un eroe bensì come un delinquente.

Al massimo, per quella che è la mia esperienza, trovo gente che "capisce" che si possa evadere il fisco per via del fatto che è eccessivamente opprimente.
Ma da qui a giustificare ne passa.
E per arrivare a considerare "ganzi" coloro che non pagano, devi fare ancora più strada.

Poi, si sa, di deficienti in giro ce n'è tanti... :-)

marlon marlon il 16 Maggio 08 @ 22:32 pm

Ah!
Alan!
Per i controlli.

Non è questione che tu sia preoccupato perché, se ti fanno un controllo, ne esci immacolato.

Dovresti essere preoccupato del fatto che facciano un controllo A TE, magari perché a qualcuno è sembrato che tu dichiarassi troppo poco.

I controlli, per essere efficaci, devono essere fatti come si deve e su potenziali soggetti a rischio.
Se vengono da te, da me o da tanti altri, alla fine, fanno soltanto perdere tempo.
E buttano via la possibilità di effettuare un controllo sensato su chi invece lo meriterebbe.

Anonimo Anonimo il 05 Giugno 08 @ 00:31 am

[b]Ma in quale sito devo entrare per poter verificare i Redditi dei preti ?

pippo65 pippo65 il 14 Giugno 08 @ 22:35 pm

Non avendo nulla da nascondere possono intercettarmi ecc.
Ps.me ne batto il belin

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: