Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet
Musica in streaming: Google sfida Spotify e Deezer - news originale

Musica in streaming: Google sfida Spotify e Deezer

Condividi:         ElisaMenozzi 25 Febbraio 13 @ 14:28 pm

Musica in streaming: Google sfida Spotify e Deezer

Secondo quanto riportato dal Financial Times, Google si starebbe muovendo per lanciare un nuovo servizio di musica in streaming dedicato alla piattaforma Android. Le trattative con le etichette discografiche sarebbero già in corso.

Visto il grande successo di servizi come Spotify e Deezer, non sorprende affatto che anche Google abbia deciso di accaparrarsi una fetta del mercato dello streaming musicale, creando una sorta di radio personalizzabile che funzionerebbe in maniera complementare rispetto a Google Play Music, servizio lanciato da pochi mesi in diretta concorrenza con iTunes di Apple, che già adesso permette di archiviare sul proprio dispositivo i brani musicali acquistati online e, eventualmente, di comprarne altri.

Secondo le prime indiscrezioni, le modalità di fruizione del nuovo servizio saranno probabilmente due: una gratuita, intervallata da pubblicità o limitata per quanto riguarda i contenuti, e una a pagamento, illimitata e fornita di ghiotti servizi extra, non ancora resi noti. Lo stesso modello, ossia quello dell'abbonamento, potrebbe essere adottato anche per altri servizi, per esempio YouTube, che consentirebbe così di vedere anche i video delle canzoni trasmesse in streaming.

Nonostante l'implementazione del progetto sia già stata avviata, secondo The Verge il servizio non sarà lanciato prima del terzo trimestre del 2013. Il mercato della musica in streaming é già molto affollato: oltre ai già citati Spotify e Deezer non possiamo dimenticare Pandora, Last.fm, Grooveshark e molti altri player già affermati. Già da tempo inoltre Apple sta lavorando ad un servizio di iRadio fruibile attraverso iTunes. Google dovrà sgomitare parecchio per non rischiare di doversi accontentare delle briciole. Inoltre finora i rapporti della big G con le case discografiche finora non sono stati esattamente amichevoli: questo potrebbe rendere ancora più difficoltose le trattative per le licenze.

Voi cosa ne dite? Sentite il bisogno di un nuovo servizio di streaming musicale? Utilizzate quelli già esistenti? Avete nuovi player da segnalarci? Aspettiamo i vostri commenti!



Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: