Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Un manifesto hacker

Condividi:         dany 1 14 Maggio 05 @ 08:00 am

Un saggio stimolante di teoria politica: gli hacker come classe dei lavoratori immateriali che lottano contro i padroni dell'industria della produzione culturale.

Wark McKenzie è un sociologo americano, docente di "Cultural and Media Studies" al Lang College della New School University, e ha scritto un saggio, appena uscito in Italia, per i tipi di Feltrinelli, che farà discutere molto: "Un Manifesto Hacker. Lavoratori immateriali di tutto il mondo unitevi!"

Il testo, già nel titolo, riecheggia i famoso "Manifesto del Partito Comunista" di Marx e Engels; peccato che sia ancora di più difficile lettura, spesso oscuro e criptico.

Il messaggio, però, in sintesi è abbastanza chiaro: la classe subordinata della società contemporanea è quella dei lavoratori immateriali, gli "hacker" come li definisce McKenzie, dove per hacker si intende in senso lato, non un pirata informatico, un esperto di computer o uno smanettone super: al contrario, secondo il "Jargon File", il dizionario specialistico dell'hacking, curato da Eric Raymond, è: "Una persona che trae piacere dalla sfida intellettuale di scavalcare o aggirare creativamente dei limiti". L'hacker è quindi il protagonista dell'innovazione per le sue capacità di astrazione, invenzione e sintesi.


Titolo: Un Manifesto Hacker
Sottotitolo: Lavoratori immateriali di tutto il mondo unitevi!
Autore: Wark McKenzie
Editore: Feltrinelli
Prezzo: 11 Euro

continua news tratta da zeusnews.it


News correlate a "Un manifesto hacker":


Un commento a "Un manifesto hacker":
dany dany il 14 Maggio 05 @ 08:15 am

Web di lotta e di rivolta
L'era digitale crea un nuovo conflitto di classe. Molto simile a quello del '900. Ma ora la rivoluzione si fa con un clic. Colloquio con Mckenzie Wark.

C'erano una volta capitalisti e operai, protagonisti del conflitto di classe. Oggi, nell'era digitale, l'asse della lotta si è spostato tra i "lavoratori cognitivi" e i "vettorialisti", ovvero coloro che producono informazioni nel mondo dei nuovi media contro coloro che detengono il monopolio dei mezzi di produzione delle informazioni.

L'australiano McKenzie Wark, 43 anni, studioso dei media e docente alla New School University di New York, analizza i termini del nuovo conflitto sociale in "Un manifesto hacker" (Feltrinelli, pp. 184, 11 euro, in libreria dal 28 aprile), unendo alla rilettura di Marx il pensiero libertario che ha accompagnato lo sviluppo di Internet. Wark per definire i lavori cognitivi parla di "classe hacker", intendendo però qualcosa di profondamente diverso dai "pirati informatici" con cui vengono spesso identificati gli hacker.

Professor Wark, chi è per lei un hacker?
«Chiunque produca nuove informazioni è un hacker. Non importa che si occupi di musica o chimica, di romanzi o di programmi per computer: tutti questi sono modi di "performare un hack"».

continua news tratta da espressonline.it di Francesca Gantes

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: