Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet
MacBook violato in due minuti. By Charlie Miller - news originale

MacBook violato in due minuti. By Charlie Miller

Condividi:         ale 4 31 Marzo 08 @ 08:30 am

120 secondi per violare il MacBook Air.

Una falla di Safari ha consentito a Charlie Miller di violare in 120 secondi il MacBook Air e di vincere 10.000 Dollari.
Charlie è un cracker che ha partecipato ad un concorso organizzato nell'ambito del Convegno sulla Sicurezza CanSecWest in Canada, concorso denominato PWN2OWN: obiettivo introdursi per primi nei sistemi operativi di un Fujitsu U810, di un Sony Vaio e appunto di un MacBook Air. Sfida vinta da Charlie su quest'ultimo.

Nella prima giornata di "competizione" le regole sono sembrate troppo ferree tanto da indurre nei giorni successivi i membri della giuria di aprire su tali pc email o collegamenti al web aumentando le possibilità di "azione" dei cracker partecipanti.

Charlie ha eseguito una stringa di codice in remoto sul MacBook Air: si è così assicurato, grazie ad una falla riscontrata su Safari, l'accesso al sistema operativo e ai file utilizzati in precedenza dalla giuria.


News correlate a "MacBook violato in due minuti. By Charlie Miller":


4 commenti a "MacBook violato in due minuti. By Charlie Miller":
sephiroth_88 sephiroth_88 il 01 Aprile 08 @ 12:55 pm

bhe io non per dire ma l' avevo detto considerando che qualasiasi sistema può essere violato (chiaramente meglio apple di m$) ma io continuo a usare il mio pinguino e su un altro pc il "vecchio" xp solo per il gioco.

Sciupy84 Sciupy84 il 20 Marzo 09 @ 18:27 pm

Secondo il mio modestissimo parere, non è bene divulgare tali informazioni, capisco e non contesto coloro i quali operano tali crack su macchine windows, poichè in tal modo, si cerca di combattere un sistema monopolizzante e privo delle funzionalità di cui si foggia, ma nn capisco il crack su Mac OSX...
tali pc infatti vengono utilizzati per lo più da professionisti per applicazioni specifiche e divulgando in rete dei virus o metodi per crackare questi sistemi, significa colpire l'utente e non il marchio...
Grazie per l'attenzione e spero che il sig. Miller abbia un pò di sale in zucca

gunter gunter il 20 Marzo 09 @ 18:50 pm

Speriamo al contrario che tu abbia un po' di sale in zucca per capire il motivo per cui si fanno questo tipo di cose. Non sono fatte per colpire un sistema operativo per questioni quasi politiche, nè per colpire l'utente, bensì per aumentare la sicurezza. Viene trovata una falla, viene comunicata ai tecnici delle aziende interessate e queste provvedono alla distribuzione di patch di sicurezza. Questo processo è indipendente dal sistema operativo, perchè, ribadisco, non ha come obiettivo mettere in crisi, ma aumentare la sicurezza informatica.
Se noti inoltre viene usato il termine hacker e non cracker, solo quest'ultimo, infatti, potrebbe rispecchiare la tua descrizione...
Un'ultima cosa, i mac non sono usati solo da professionisti, la maggior parte sono utenti normali come quelli di windows con le stesse necessità e limiti.

gunter gunter il 20 Marzo 09 @ 18:51 pm

aggiungo una citazione dall'articolo:
Il buon Miller non è un delinquente, tutt?altro è dipendente della Independent Security Evaluators LLC e offre le sue competenze "pirata" per combattere i cybercriminali. Un collega ha invece scoperto una falla di Windows 7 passando attraverso Internet Explorer 8 con un pc Sony.

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: