Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Italia-Programmi.net diventa .org: truffa sempre uguale pur con sito divers

Condividi:         webmaster 3 22 Giugno 12 @ 11:00 am

Estesa Limited ci riprova. Per l'ennesima volta. Italia-Programmi cambia dominio: la sigla che segue il "punto" più a destra dell'URL (Uniform Resource Locator) non è più net ma org. Il nuovo indirizzo web del sito registrato da Estesa Limited è dunque Italia-Programmi.org. Oltre al dominio, è cambiato anche l'indirizzo della sede legale dell'azienda. Prima Estesa Limited aveva sede presso le Seychelles, ora a Cipro. Non cambia, invece, la sostanza: attraverso il portale, l'azienda intende truffare ancora una volta gli utenti di Internet.

Italia-Programmi.net è stato posto sotto sequestro preventivo lo scorso 3 aprile 2012, su iniziativa della Procura della Repubblica di Milano, in seguito all'avvio di un'indagine per truffa. Una vicenda, quella di Italia-Programmi-net, che è sotto i riflettori da circa due anni. Nel giugno del 2011, Aduc ha presentato un esposto-denuncia ad AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato), affinché l'Antitrust aprisse un procedimento contro Estesa Limited. Il 29 agosto 2011, l'Authority ha intimato a Estesa Limited di cessare la condotta commerciale scorretta. Sui motori di ricerca, infatti, la società pubblicizzava il sito web Italia-Programmi.net come portale per il download gratuito di software. In realtà, gli utenti di Internet che compilavano il form online predisposto da Estesa Limited sottoscrivevano un servizio a pagamento della durata di due anni, con un canone annuo di 96 euro. Ma la natura onerosa del servizio era tutt'altro che chiara...



Continua a leggere questa notizia su webmasterpoint.org.


3 commenti a "Italia-Programmi.net diventa .org: truffa sempre uguale pur con sito divers":
Anonimo Anonimo il 22 Giugno 12 @ 15:05 pm

Ritengo che senza qualche arresto sia ben difficile sradicare il problema. E' probabile che il pur limitato numero di persone che casca nella trappola sia sufficiente a convincere questi lestofanti che vale la pena di insistere...

Emiliano Emiliano il 25 Giugno 12 @ 06:35 am

Limitato numero?se cerchi in rete vedrai che sono migliaia gli utenti truffati e sei fai due conti capisci il business che ci sta dietro.Comunque hanno ragione: in Italia non va in carcere nemmeno gli assassini, perchè dovrebbero andarci loro?

Aurelio Aurelio il 25 Giugno 12 @ 09:54 am

Perché non si cominciano a denunciare all'istante, visto che sono più che recidivi, anche se cambiano continuamente ragione sociale e sede legale (ovviamente sempre estero). Dal momento che una denuncia del P residente della Repubblica ha dato il via al sequestro, perché non renderlo edito della reiterazione del reato da parte di questi signori. Perché non coinvolgere gli I.S.P. Come nel caso della pirateria (correggetemi se dico un'eresia).

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: