Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

iPhone: allarmismo infondato per l’attacco di virus

Condividi:         ale 28 Novembre 07 @ 12:00 pm

iPhone: allarmismo infondato per l’attacco di virus

L’iPhone di Apple è in vendita da pochi mesi e già alcune aziende del mercato della sicurezza prevedono una nuova ondata quasi apocalittica di virus. Gli esperti di G DATA Security Labs hanno così deciso di analizzare in maniera circostanziata i rischi reali che al momento possono riguardare l’iPhone e gli smartphone con sistema operativo Symbian. I risultati sono rassicuranti: il pericolo potenziale che è stato paventato è, alla prova dei fatti, piuttosto limitato. Per l’industria del malware gli smartphone non sono ancora un obbiettivo su cui valga la pena concentrarsi.


Negli ultimi 12 mesi gli esperti di G DATA sono riusciti ad identificare non più di 23 nuovi programmi pericolosi per Symbian, la piattaforma per smartphone più ampiamente distribuita. Ci vorrebbero soltanto due ore e mezza, invece, per scoprire un’analoga quantità di malware basato su Windows. Secondo un giudizio del Dr. Dick Hochstrate, membro del Consiglio di Amministrazione di G DATA, alcuni fornitori di sicurezza stanno consapevolmente abusando della fiducia dei possessori di smartphone al fine di incrementare l’utilizzo dei loro prodotti per la sicurezza di dispositivi “mobile”.

Non si può certo negare che i criminali online siano sempre alla ricerca di nuove fonti di guadagno. Comunque, a differenza di quanto riportato da altre fonti, il parere di G DATA è che gli smartphone, per il momento, continuino a promettere guadagni non soddisfacenti per i cyber criminali. Secondo un’accurata analisi condotta da G DATA Security Labs le conmplessità e le difficoltà che gli autori professionali di malware dovrebbero affrontare non sarebbero proporzionali ai potenziali profitti. Un altro punto a favore degli utenti di smartphone è che, da un punto di vista squisitamente tecnico, perfino sotto Symbian, la distribuzione su vasta scala di software malevolo è scarsamernte praticabile perché l’interfaccia Blue-tooth non è adatta per una rapida distribuzione di malware.

Il sistema di trasmissione degli MMS potrebbe essere un potenziale canale per codici malevoli, ma in questo caso il processo di istallazione richiede comunque specifiche azioni da parte dell’utente. Molti utenti di smartphone, inoltre, non si fidano delle e-mail e questo è già di per sé sufficiente per evitare di cadere nei tranelli più conosciuti, mentre gli acquirenti di iPhone non devono avere affatto paura di attacchi attraverso gli MMS dal momento che l’iPhone non ha funzioni MMS integrate.

Le molte difficolta relative ai sistemi operativi in relazione alla distribuzione di codici malevoli e la mancanza di un modello di business da parte dei cyber criminali rendono, di fatto, gli smartphone un affare poco appetibile e lucrativo.

Al momento, dunque la necessità di soluzioni antivirus specifiche per Symbian o iPhone è quantomeno opinabile.

Trend degli ultimi anni: Virus per smartphone:
- 2005: 145
- 2006: 73
- 2007: 23
- 2007 fine: 26 > (previsione)


News correlate a "iPhone: allarmismo infondato per l’attacco di virus":


Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: