Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

La Google Sandbox leggenda o realtà

Condividi:         steve65 6 14 Febbraio 07 @ 12:00 pm

La Google Sandbox leggenda o realtà

Prima di iniziare a spiegare cosa sia la sandbox chiariamo alcuni punti:

- si tratta di una teoria senza alcuna conferma ufficiale da parte di Google, né il beneficio di anni di osservazione, essendo un fenomeno molto recente;
- la teoria della sandbox ha avuto inizio nell’estate del 2004 ma si è confermata come fenomeno su larga scala dopo uno dei più grandi aggiornamenti dell’algoritmo di Google, avvenuto il 4 febbraio 2005 (denominato “Allegra”: un nome alquanto irridente data la disperazione di molti addetti ai lavori);
- senza poter avere la verifica assoluta della teoria, né tantomeno, potendo osservarne in modo scientifico le relative caratteristiche, è assai difficile porvi dei rimedi;
- la maggior parte di tutto quello che si legge su internet al riguardo della sandbox è pura congettura derivante dalle esperienze individuali e professionali dei maggiori esperti nel campo del SEO.

Cos è la Google SandBox?

Ci sono diverse teorie che tentano di spiegare gli effetti della sandbox. Principalmente il problema è semplice: i webmaster di tutto il mondo si sono accorti che i loro nuovi siti, superottimizzati e pronti al “lancio” sulle classifiche di Google, non riescono a posizionarsi in modo positivo su di esso per tutte le più importanti parole chiave. Tutti i siti creati dopo il mese di marzo 2004 (risentono (o hanno già risentito) degli effetti della sandbox, a differenza dei siti registrati prima di quella data.

Il fenomeno è poi cresciuto in misura esponenziale con un successivo aggiornamento dell’algoritmo di Google, nel febbraio 2005 (update Allegra). Quell’aggiornamento di Google ha determinato forti fluttuazioni che hanno visto siti ai vertici scomparire dalle graduatorie a beneficio di siti che, sbalorditi da tanta grazia, si sono trovati in posizioni di alta classifica. L’aggiornamento Allegra ha fornito la palese evidenza dell’esistenza della sandbox mediante l’”esodo” di una enorme quantità di siti verso di essa.

Chi controlla i propri files di log potrà osservare che, nel periodo in cui il sito si trova nella sandbox, lo spider GoogleBot “passa” regolarmente e visita le pagine del sito che, ciò nonostante, non riesce ad acquisire visibilità.

Durata della sandbox

Non esiste un termine temporale certo. L’esperienza insegna che la sandbox può durare da un minimo di 6 mesi ad oltre un anno.

Possibili spiegazioni dell’introduzione della sandbox

Una spiegazione generalmente accettata circa l’introduzione di questo filtro che penalizza de facto i siti di nuova costituzione, è quella di una “dilazione temporale” che Google imporrebbe ai nuovi siti. Si pensa che questa dilazione sia determinata dalla volontà di Google di individuare e preferire siti di buona qualità, con contenuti rilevanti e aggiornati frequentemente. L’esistenza della sandbox tende a mettere in grave difficoltà soprattutto tutti quei webmasters neofiti alle prime armi che in questo modo vengono frustrati dai risultati negativi e finiscono per abbandonare i loro sforzi nel campo del SEO. Questo è esattamente ciò che Google vuole. Ricordiamoci che l’ambizione (forse ormai un’utopia) di Google è quella di proporre all’utenza un database “democratico” ovvero che rifletta la realtà, qualitativamente parlando, dei siti e dei contenuti presenti sul web, senza subire alterazioni e manipolazioni mediante astuzie e stratagemmi da parte dei webmasters.

Occorre dire che il fenomeno non colpisce matematicamente tutti i siti, pertanto sembra esistere qualche altro motivo oltre alla “giovinezza” del sito data la sua recente creazione. In particolare i fattori che sembrano favorire l’ingresso verso la sandbox sono:

- eccessivo tasso di crescita dei links in entrata nel sito (segnale di una struttura artificiale e non naturale della link popularity del sito);
- il grado di differenziazione delle classi IP dei siti che linkano: un arco differenziato di links – con numerazioni diverse – è segnale di una struttura di links naturale, al contrario di links provenienti tutti da una stessa classe IP che può indicare il frutto di una intesa o collaborazione “off line” voluta al fine di alterare, incrementadolo, il fattore del page rank e di link popularity;
- la misura in cui i links in entrata hanno un medesimo anchor text. Se avete accesso ad altri siti cercate di variare il testo del link. Gli stessi anchor text indicano a Google che esiste una strategia studiata a tavolino per distribuire links attraverso specifici accordi commerciali. E’ infatti improbabile nella realtà che tutti i links che un sito riceve abbiano sempre lo stesso testo nell’ancoraggio.
- Tecniche di ottimizzazione “aggressiva”: doorways, cloaking, pagine con testo nascosto,ecc.
- Tecniche di ottimizzazione per le parole chiavi maggiormente richieste. Sembra, il condizionale è necessario, che la sandbox venga attivata per i siti che cercano di posizionarsi sulle keywords principali. In questo caso anche il tempo di permanenza nella sandbox risulta decisamente allungato rispetto al lasso di tempo minimo (3-4 mesi) potendo perdurare anche oltre un anno.

Questa dilazione temporale costituisce attualmente la “gavetta” che il sito deve fare su Google. Il modo per porre fine al periodo di “purgatorio” è quello di incrementare il numero di links ricevuti da altri siti (inbound). Esiste infatti una teoria denominata “link threshold” secondo la quale i webmaster, una volta che abbiano accumulato una certa quantità di links in entrata vedono il proprio sito rilasciato dalla “gabbia” della sandbox. Non è affatto consigliabile però una campagna di acquisizione di links su vasta scala in modo massiccio. Il sito deve ricevere una quantità costante e graduale di links, tempo dopo tempo, senza “esplosioni” massicce ed improvvise. Il “rilascio” dei siti presenti nella sandbox avviene generalmente su larga scala piuttosto che individualmente uno per uno. Pertanto sembra che Google rilasci improvvisamente – tutti insieme – i siti che per un certo periodo sono giaciuti nella sandbox.

I siti che vengono colpiti in modo inesorabile dalla sandbox sono quelli che, una volta creati, acquisiscono immediatamente ed in modo massiccio una grande quantità di links per poi non continuare in modo progressivo e costante ad acquisirne altri. Questo agire del webmaster, è evidentemente frutto di una ottimizzazione “spinta” e viene riconosciuta e punita da Google.


Stefano Mc Vey Posizionamentopro.com



6 commenti a "La Google Sandbox leggenda o realtà":
iucaa iucaa il 14 Febbraio 07 @ 14:21 pm

Come webmaster da tempo mi ero accorto di ciò, rimane comunque una logica applicativa molto ma molto discutibile e soggetta a manipolazioni o comunque , il fatto che non si riesca a capire come effettivamente e realmente vengano posizionati i siti fa pensare anche che la ricerca effettuata non sia "democratica" oppure influenzata da interessi economici

Anonimo Anonimo il 14 Febbraio 07 @ 14:57 pm

Sarà anche influenzata da fattori economici, ma il mio voto va comunque a google per 2 motivi:
1-La qualità dei link forniti da google dopo una ricerca è sempre alta, se frutto della sandbox o di altro poco importa, il risultato è ottimo. In ogni caso dubito che per ogni parola chiave google abbia dei finanziamenti da qualcuo.
2-Voler frenare i webmaster più maliziosi aiuta quelli più "alla buona" a non essere schiacciati sotto il peso dei siti professionisti; effettivamente la qualità di un sito prescinde dal grado di ottimizzazione per le ricerche ottenuto, ma dipende dal suo contenuto. Più "link differenziati" un sito acquisisce, più probabilità che i contenuti siano "buoni". Una sorta di social bookmarking automatico

jj jj il 14 Febbraio 07 @ 16:27 pm

Anonimo, forse non sai che Google ha preso parecchi miliardi dalla Cina per oscurare i risultati di parole inerenti il vicino Tibet (vedi buddisti)...

gino gino il 14 Febbraio 07 @ 17:04 pm

se i buddisti non hanno soldi peggio per loro. siamo nel capitalismo (e da un pò di tempo ormai)

Mone Mone il 15 Febbraio 07 @ 17:40 pm

X jj: si so di google in cina anche se non ne conosco i dettagli e non posso dare un giudizio completo, ma anche questa volta mi sento di difenderli, credo si siano trovati a un bivio tra oscurare contenuti o andar via dalla cina. Credo abbian fatto bene in prospettiva futura a rimanere.

Marco Marco il 05 Marzo 07 @ 20:26 pm

Io ho riscontrato un problema simile ma su yahoo. Il mio sito è un blog di eventi culturali che oltre alla parte in italiano ha la versione inglese (altro blog collegato al principale). Da qualche giorno la versione inglese (che era stata linkata da almeno 1000 siti spam che fregavano contenuto tematico) è sparita dalla ricerca di yahoo tenendomi poche pagine soltanto della versione italiana (28 pagine in tutto su oltre 300). CHE DEVO FARE? AIUTO!E pensare che le pagine in inglese in tre mesi hanno ottenuto da google un pagerank di 4!

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: