Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet
Chiudere The Pirate Bay non ferma il file sharing - news originale

Chiudere The Pirate Bay non ferma il file sharing

Condividi:         webmaster 17 Luglio 12 @ 07:00 am

La recente censura del popolare sito di indicizzazione di file torrent, The Pirate Bay (TPB è censurato anche in Italia, ma è lo stesso raggiungibile tramite vari IP), non ha dato praticamente alcun risultato, racconta la BBC citando i dati di uno dei principali ISP Inglesi.

Poco dopo che l'Alta Corte Britannica aveva ordinato agli ISP del paese di bloccare l'accesso a TPB, le attività P2P erano scese di oltre l'11% rispetto alle media.

Il calo si è però dimostrato di breve durata e "i volumoi sono tornati praticamente a dov'erano prima," ha detto una fonte della BBC.

Geoff Taylor, amministratore delegato della British Phonographic Industry (BPI), il quale aveva richiesto la censura del sito, ha dichiarato che la censura è giustificata.

"Il nostro obiettivo era di ridurre l'utilizzo di The Pirate Bay in Inghilterra, sito che stava causando gravi danni ai musicisti e alle label Britanniche. Ci rendiamo conto che ci sia ancora molto lavoro da fare per ridurre le attività P2P illegali," si è difeso Taylor.

Mentre il blocco ha sicuramente causato danni a The Pirate Bay, il pezzo della BBC è la dimostrazione che azioni simili fanno poco o niente per fermare il file sharing. La recente chiusura di Megaupload aveva dato simili risultati - un breve calo delle attività P2P e poi gli utenti hanno trovato un altro servizio e le attività sono riprese.



Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: