Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet
Australia: Google multato per le bugie di un sito - news originale

Australia: Google multato per le bugie di un sito

Condividi:         webmaster 28 Novembre 12 @ 07:00 am

Australia: Google multato per le bugie di un sito

I risultati delle ricerche di Google possono essere considerati "contenuti" che l'azienda "pubblica" e per cui dev'essere ritenuta responsabile? Secondo almeno una corte australiana, . E se la decisione dovesse reggere in appello, le conseguenze sarebbero enormi.

Come prima cosa, Google dovrebbe pagare una multa da $200.000 al promotore musicale Milorad Trkulja, la parte lesa in questo caso. Trkulja citò Google nel 2009 dopo che l'azienda rifiutò di rimuovere alcuni link a siti che asserivano, erroneamente, che il promoter era legato al crimine organizzato di Melbourne.

La posizione di Google, che ha una sua logica dal punto di vista tecnologico, e che è stata approvata da altre corti in giro per il mondo, è che Google non è un editore. Il suo algoritmo punta ai link più probabili: non c'è nessun umano coinvolto nella presentazione dei risultati. Un esempio pratico della posizione di Google è il video "Innocence of Muslims".

"I siti nei risultati delle ricerche di Google sono controllati dai rispettivi webmaster, non da Google," ha dichiarato un portavoce di Google dopo il verdetto. Che è esattamente ciò che Google disse a Trkulja nel 2009: parla con i responsabili dei siti per rimuovere i contenuti - strada che Trkulja ha seguito vincendo una causa di simili dimensioni contro Yahoo che ospitava uno dei siti.

La giuria della Corte Suprema di Vittoria è stata d'accordo con Google fino a un certo punto. L'azienda non era responsabile dei risultati finché Trkulja non le chiese di rimuoverli. Siccome Google si rifiutò, adesso deve pagare $200.000 di danni.

Neanche a dirlo, Google si sta appellando alla decisione. Il verdetto, se immutato dalla Corte d'Appello, non renderebbe Google responsabile per tutto il web, come hanno asserito alcune persone, ma potrebbe costringerlo a rimuovere qualunque sito come richiesto dai cittadini australiani.



Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: