Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet
Apple Samsung e la guerra agli accessori non autorizzati - news originale

Apple Samsung e la guerra agli accessori non autorizzati

Condividi:         ezechiel2517 2 23 Ottobre 13 @ 21:36 pm

Apple Samsung e la guerra agli accessori non autorizzati
Non sono certo amici per la pelle e se avessero la possibilità, non si risparmierebbero di certo colpi bassi, ma ad ogni modo ancora una volta Apple e Samsung dimostrano come le grandi menti la pensano più o meno allo stesso modo. E' vero però che il fine è comune e quindi un po tutte le pensate sono volte ad arrivare ad incamerare quanti più bigliettoni possibili.

Recentemente sia il colosso statunitense sia quello coreano hanno dovuto subire qualche bottarella mediatica legata alla cattiva qualità degli accessori quali caricatori e batterie prodotti da terze parti. Ci fanno sicuramente risparmiare qualcosa, perché costano meno dei corrispettivi dispositivi originali, ma non sempre la qualità è ottima e a volte succedono imprevisti anche pericolosi come lo scoppio della batteria. Non bisogna sorprendersi. Il mercato dei cellulari/smart phone è tra i mercati più redditizi al momento e quindi fioriscono i produttori di accessori, che non sempre puntano sulla qualità del prodotto.

Una batteria che scoppia non è sicuramente una buona pubblicità, anche se prodotta da altri. E quindi bisogna fare in modo che la gente in un qualche modo sia indirizzata verso gli accessori ufficiali.

Farli pagare un pochetto (con il chetto posso evitare di mettere l'apostrofo) meno forse? Sarebbe una bella idea, ma andrebbe contro il concetto espresso prima. Meglio renderli più complessi, più costosi e fare in modo che gli altri non funzionino. Ed ecco che l'idea è quella di inserire un chip che abiliti l'uso dell'accessorio. Questo darebbe al produttore dello smartphone due vantaggi: gli utenti sarebbero costretti ad usare gli accessori originali e le terze parti che volessero inserirsi nel mercato dovrebbero accettare un accordo per ottenere l'uso del chip.


News correlate a "Apple Samsung e la guerra agli accessori non autorizzati":


2 commenti a "Apple Samsung e la guerra agli accessori non autorizzati":
Max1234Ita Max1234Ita il 04 Novembre 13 @ 11:31 am

Strategia già usata da altri (vedi Epson HP, ecc. nelle loro stampanti) e regolarmente rivelatasi fallimentare.
In men che non si dica il mercato parallelo svilupperebbe chip clonati in grado di interagire col dispositivo nello stesso modo di quello originale.

Senza contare il fatto che ormai molti dispositivi possono venire ricaricati tramite porta USB... e quella è piuttosto universale. E' vero, si può imporre al terminale di abilitare la ricarica solo se il pc cui è connesso il cavo ha installati i driver corretti, ma a questo punto viene meno la praticità del poter ricaricare da qualunque computer (Nokia, ad esempio, fa così, e questo è stato uno dei motivi per cui ho deciso di passare ad altro vendor)

Forse implementando una cifratura AES a 512 bit nelle comunicazioni tra device e caricabatterie? Non mi stupirebbe se ci arrivassero...

MAx

eduardo eduardo il 04 Novembre 13 @ 11:39 am

Già non compro più Apple dal primo MAC, ho avuto l'apple II, perchè sono sistemi chiusi ed a me piace configurare l'elettronica come desidero e non essere vincolato ad un produttore.Attualmente compro samsung perchè c'è android e gli accessori liberi, se samsung si chiude come apple vorrà dire che cambierò marca, tanto oggi l'elettronica è tutta simile, vorrà dire che comprerò cinese.Già ho fatto così per il tablet, marca sconosciuta, pagato 4 soldi, funziona da 2 anni e posso collegarci tutto e per i desktop costruiti partendo dai singoli componenti, e per i portatili, comprati in funzione del rapporto costo/benefici e non in funzione della marca, ed avendo cura che possano montare tutti gli accessori che voglio.

Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: