Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Antitrust: tribunale dice sì a Microsoft

Condividi:         Rosaspina 17 Febbraio 04 @ 18:00 pm

Microsoft l'ha spuntata: il tribunale ha dato ragione al loro ricorso: "Una vittoria sofferta. La Microsoft di Bill Gates, accusata e condannata per violazione delle norme antitrust negli USA, può tirare un sospiro di sollievo. Infatti, il colosso del software statunitense non corre più il rischio di uno smembramento, come prevedeva invece la condanna in primo grado contro la quale Microsoft aveva presentato ricorso. Una corte federale USA ha infatti avallato nel weekend la proposta di accordo presentata da Microsoft al Dipartimento di Giustizia e sottoscritto da nove dei diciotto stati americani che con le loro denuncie hanno dato il via al processo contro il gigante di Redmond. Il giudice Colleen Kollar-Kotelly ha respinto quasi tutte le richieste, presentate dai nove stati “esclusi” dall’accordo, di pene più severe per Microsoft. I nove stati americani che non avevano raggiunto un accordo sulle sanzioni da imporre a Microsoft per limitare la sua posizione dominante sostengono che l'accordo proposto è “troppo debole”. Di parere opposto il giudice secondo cui l’accordo tra Microsoft e la maggioranza degli Stati va oltre le violazioni commesse della società e “di fatto beneficia i consumatori”. La decisione, salvo eventuali ricorsi in appello, potrebbe porre fine alla lunga causa legale durata finora quattro anni e mezzo. Microsoft ora dovrà ancora affrontare il giudizio europeo, dove il commissario UE per la concorrenza, Mario Monti, potrebbe imporre delle nuove sanzioni contro il gigante americano del software. Una “decisione preliminare” di Monti è attesa entro la fine dell’anno." Fonte: GsmBox



Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: