Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
News: tutti i segreti di Internet

Guerra ai farmaci su Internet

Condividi:         ale 07 Dicembre 03 @ 18:00 pm

"L'America si intossica online. E' questo il risultato di una serie di indagine che stanno portando alla luce un recente fenomeno legato al boom clandestino del commercio di farmaci online. Secondo quanto riferito dalle autorità, infatti, negli Usa, ogni giorno milioni di pillole, quasi sempre prive di ricetta medica, vengono prenotate su Internet e girano indisturbate attraverso il tradizionale sistema postale. Di dubbia provenienza e qualità, i farmaci incriminati sono spesso venduti a basso costo da siti registrati negli angoli più remoti del Pianeta, con magazzini seminati ovunque, forniti di dottori compiacenti e insospettabili caselle postali per i pagamenti. Una situazione che ricorda molto il vecchio e selvaggio Far West senza regole e limiti precisi. In molti casi i farmaci incriminati finiscono nelle mani di adolescenti con conseguenze spesso mortali. Conseguenze che, in attesa di una regolamentazione chiara del Congresso, hanno spinto i principali motori di ricerca (Yahoo!, Msn, Google) ad autoimporsi un codice etico per la pubblicità online che bandisca messagi promozionali provenienti da farmacie prive di licenza che spacciano online prodotti di dubbia provenienza e qualità. In particolare Google ha agito dopo che il padre di un adolescente di Chicago ha salvato per un soffio il figlio da un'overdose di Vicodin, un potente antidolorifico che il ragazzo aveva acquistato all'insaputa dei genitori da una farmacia online della Florida. L'uomo ha ricostruito gli spostamenti del figlio su Internet attraverso il Pc di casa ed ha scoperto che aveva semplicemente digitato il nome del Vicodin su Google: il motore di ricerca propone prima i link dei siti che pagano la pubblicità e nel caso dei farmaci venduti online si tratta spesso di intere schermate di offerte. Stessa storia ma esiti diversi invece per Ryan Haight, un diciottenne di La Mesa, in California, che non è stato fortunato come il ragazzo di Chicago. I medici nel suo caso non hanno fatto in tempo a salvarlo da un micidiale cocktail di morfina, antidepressivi e Hydrocodone, un potente antidolorifico che dà assuefazione. Come hanno scoperto in seguito i genitori, il ragazzo era diventato tossicodipendente online per effetto di farmaci comprati da una piccola società dell'Oklahoma. Un medico compiacente aveva firmato le ricette per lui e per migliaia di altri clienti, dopo essersi limitato a far compilare loro un questionario su Internet. Una volta muniti semplicemente di un mouse e di una carta di credito, del resto, è molto semplice comprare farmaci di ogni genere indisturbatamente sul Web. Viagra, stimolanti, psicofarmaci e sostanze per far crescere rapidamente il tono muscolare sono i pezzi forti del mercato clandestino, ma il boom dei farmaci online negli Usa riguarda anche il commercio di medicinali "comuni", facilitato da milioni di persone che non hanno una copertura assicurativa sufficiente per acquistarle nelle farmacie "ufficiali". Il Web lancia l'allarme, si attende la risposta delle autorità."

www.tgcom.it



Lascia un commento

Insulti, volgarità e commenti ritenuti privi di valore verranno modificati e/o cancellati.
Nome:

Commento:
Conferma visiva: (ricarica)

Inserisci la targa della città indicata nell'immagine.

Login | Iscriviti

Username:

Password: