Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Guide: passo per passo

Condividi:        

Generale
PREMESSA: se non conoscete il significato di qualche parola consultate il nostro Glossario.
10. Preghiera di Tritemio

O Lettore, chiunque tu sia, ti prego e scongiuro, nel Santo nome di Iahwè, per il Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo, Salvatore delle nostre anime, che il segreto di questa scrittura non sia rivelato a persone ignoranti perfide spudorate lascive e maligne, che la usino indegnamente. Se fosse scoperto il senso riposto, molti mali ne deriverebbero: adulteri, fornicazioni, cospirazioni, omicidi e tradimenti.

L'uomo probo ed onesto può e deve servirsene per esprimere, in modo sicuro ed insospettabile, il suo segreto volere, quando lo ritiene necessario per l'utile pubblico o privato; invece il disonesto ed impudico, accecato da passione carnale, se ne servirebbe solo per comunicare con l'amante, travolta dalla stessa infame passione, e fissare i luoghi, la data ed i termini dei loro convegni, attraverso parole innocenti, pudiche e sante.
Non esisterà più rispetto e lealtà tra i coniugi se la donna, impudica, potrà facilmente, senza destare alcun sospetto, leggere attraverso sante e nobilissime parole, lodate dallo stesso marito, il turpe capriccio del suo drudo e l'amante, con linguaggio simulato, potrà comunicare alla donna, ciò che brama, al cospetto del marito, anzi tramite lui stesso.

Questa scrittura crittografica, divulgata poi in campo politico, sconvolgerebbe ogni ordine: lo Stato perderebbe ogni garanzia e credito; tutto: documenti, carte, scritture, le parole stesse sarebbero gravate da sospetto.

Nessuno crederebbe più agli scritti anche se nobili e santi né avrebbe più fiducia alcuna nelle lettere, le parole, anche le più innocue e sante, sarebbero sospettate e tutti diverrebbero timidi e perplessi nel conversare e nello scrivere.

Se qualcuno mi obiettasse: dicendomi: "se volevi che codesta tua scrittura rimanesse segreta, perché l'hai scritta?", ecco la risposta: "non ho né voluto, né potuto tenerla celata ad un ottimo principe, che, ad ogni occasione, potrà liberare i suoi devoti (anche io mi annovero tra questi) da molti pericoli e potrà far conoscere la sua volontà, in modo segreto, senza il timore che il suo nemico possa decifrarla".


Generale: Sergio1983 [45 visite dal 20 Dicembre 04 @ 00:01 am]