Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Guide: passo per passo

Condividi:        

Realizzare un sito web:problemi e soluzioni

Generale
PREMESSA: se non conoscete il significato di qualche parola consultate il nostro Glossario.
6. Hosting e housing

Hosting

Una volta scelto il dominio, stabilito di quanti MB sono necessari e previsto il traffico e la banda occorre pensare se sia meglio scegliere un servizio di hosting o di housing.
A questo punto va fatta una premessa. Se stiamo creando pagine web per motivi personali, di svago, amatoriali è consigliabile uno spazio web gratuito.
Propongo alcuni siti tra i più noti che offrono spazio web gratuito :
www.altervista.org
http://www.tripod.lycos.it/
http://xoom.alice.it/Home.php
Questo non implica che in futuro, acquisendo una maggiore esperienza e volendo ampliare il proprio lavoro non si possa passare a un altro tipo di soluzione e senza dover riscrivere tutto ma semplicemente reindirizzando. Cosa significa questo? Che si acquisterà un dominio, l’utente digiterà il nome del dominio e sarà “portato” al nostro vecchio sito senza che sia a conoscenza del suo indirizzo che, se è situato su uno spazio gratuito, è lunghissimo.
La lunghezza del nome non è il solo handicap degli spazi gratuiti, poiché spesso questi non offrono la passibilità di tenere dei database, di utilizzare determinati linguaggi, sono lenti perché ovviamente sono parecchio ambiti ed è per questo motivo che, per forza di cose, sono scelti solo per motivi amatoriali.
Se serve qualcosa di più professionale non c’è scelta che rivolgersi al web hosting stando parecchio attenti alle offerte e alle effettive necessità di utilizzo di quanto viene proposto.
Il web hosting è un servizio che offrono i provider e di solito comprende la registrazione del dominio e lo spazio web occupabile.
Il sito verrà ospitato su una macchina che ne ospita molti altri ma ad ognuno sarà assegnato un diverso IP.
Strutturalmente non è molto diverso da un pc comune solo che ad ogni “cartella” corrisponde un utente e un sito diverso.
Si consiglia l’ hosting a chi ha meno di 5.000 visitatori giornalieri e non vuole spendere cifre eccessive per la connettività perché i costi sono contenuti.
Importante sottolineare che l’hosting non richiede conoscenze specifiche per la gestione dei web server e che tutto il software necessario è messo a disposizione dal fornitore dello spazio senza contare che anche i costi sono a carico di quest’ultimo.
In conclusione, la cosa più importante è aver cura di scegliere il provider giusto perché anche da questo dipende la crescita sul web. Attenzione perciò al tipo di collegamento offerto, all’ assistenza tecnica, alle applicazioni disponibili, alle piattaforme hardware supportate, alla competenza di quanti dovrebbero dare il loro supporto.

Housing

Nel caso in cui il traffico fosse di dimensioni notevoli, la soluzione potrebbe essere l’housing.
In questa eventualità, Il provider collega un server situato anche nell’abitazione del proprietario del sito alla propria rete (può trattarsi di un proprio pc dedicato o di un pc messo a disposizione dal provider per lo scopo) per 24 ore al giorno. Da ciò si deduce che questa macchina non va mai spenta perché un sito deve essere sempre consultabile.
Chi dovesse optare per questa scelta deve sapere che ha la possibilità di installare il sistema operativo e il webserver che gli sono più familiari e tutto quanto gli serva per gestire un sito Web. Dal momento che il server non può mai essere spento bisogna usare degli accorgimenti come l'alimentazione con gruppi di continuità centralizzati, raffreddamento potenziato rispetto ai normali pc, manutenzione da remoto.
Da ciò si evince che l’housing comporta costi notevoli e quindi è utile a chi:
- gestisce un sito con oltre 5.000 utenti al giorno;
- utilizza tecnologie che interagiscono con il server, come ASP, PHP, CGI e naturalmente database che devono essere gestiti dal proprietario se non vuole avere costi aggiuntivi di manutenzione e di gestione.
In caso poi si optasse per software proprietario ci sarebbero da aggiungere, oltri ai costi dell’hardware anche quelli del software necessario.


Generale: klizya [0 visite dal 10 Luglio 06 @ 23:01 pm]