Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Guide: passo per passo

Condividi:        

Generale
PREMESSA: se non conoscete il significato di qualche parola consultate il nostro Glossario.
5. LA CONFIGURAZIONE

La configurazione del sistema ed in particolare dell'hardware (scheda audio, video, rete, stampante,...) avviene nella fase finale dell'installazione. E' possibile comunque procedere ad eventuali ed ulteriori configurazione anche a sistema ormai installato mediante il tool grafico MCC (Mandrake Control Center).
Solitamente il sistema di rilevamento delle periferiche hardware è affidabile ma piuttosto conservativo. Un piccolo ritocco per avere le periferiche al top si rende necessario. Si proceda quindi a cliccare sui relativi pulsanti al fine di ridefinire le impostazioni.

Per quanto attiene la voce ''Interfaccia grafica'', la scheda video indicata è solitamente quella più consona per il sistema in uso e permette l'utilizzo del sistema grafico 3D. Può accadere che qualche bug nei driver possa rendere instabile il sistema: si scelga pertanto tra i driver generici quello della propria scheda video. In fondo all'elenco è possibili selezionare, ad esempio, nv per schede NVidia; ati per ATI generiche o Radeon per schede ATI Radeon.
La stessa cosa per i monitor: la scelta cade quasi sempre su ''Monitor plug & play''. Se il proprio monitor non è individuato si scelga quelli generici: per il monitor utilizzato per l'installazione basta selezionare ''FLAT 1280x1024 60Hz''. La risoluzione, anch'essa conservativa con un valore di 1024x768 a 16bpp, andrà modificata in relazione alla effettiva capacità della scheda video. Per il computer utilizzato sarà 1280x1024 a 24bpp. La configurazione finale è quella in figura.
Sebbene sia presente il pulsante di prova della configurazione video, ne sconsiglio l'uso: se qualcosa va male (e se qualcosa può andare male, sicuramente va male) il sistema potrebbe bloccarsi con l'obbligo di reinstallare tutto. Vedremo successivamente come risolvere eventualmente il problema.

Si configuri la connessione internet alla voce ''Rete - lan''. Qui è possibile indicare la tipologia di connessione: tramite modem, lan, ADSL; si analizzerà quest'ultima possibilità.
Selezionata la voce relativa all'ADSL, appare un elenco delle possibili connessioni. Per chi utilizza un modem ADSL con connessione ethernet, deve scegliere ''PPP over Ethernet (PPPoE)''; per chi avesse invece un modem ADSL con connessione USB ''PPP over ATM (PPPoA)'', premesso che i modem USB non sono ancora ben supportati da Linux (ne sconsiglio vivamente l'acquisto, è meglio optare, anche con il provider, per un modem ADSL ethernet). Vanno quindi indicati i parametri di connessione evidenziando che quelli segnalati sono solo indicativi (fare riferimento alle indicazioni del provider).
La schermata successiva chiede all'utente se vuole la connessione internet all'avvio del sistema: non sottovalutate la richiesta. Infatti chi utilizza un abbonamento ADSL a tempo deve rispondere NO. Potrà avviare la connessione solo quando necessario con il comando da console (in modalità root) adsl-start e fermarla con il comando adsl-stop (per maggior sicurezza si spenga anche il modem).

La voce "Firewall" installa il programma di default shorewall: un firewall altamente configurabile, potente, che utilizza anche black list, ma presenta principalmente tre difetti: interfaccia grafica quasi assente; manuale da 434 pagine e nella configurazione base lascia visibile (sebbene chiusa) la porta 113 non rendendo invisibile il computer ad una scansione delle porte riservate. Si consiglia quindi di non attivarlo (non attivare l'opzione di connessione ad internet all'avvio del sistema altrimenti si sarà vulnerabili su internet), si procederà all'installazione di un altro firewall: guarddog, la cui guida è reperibile a questo link su pc-facile.

Infine alla voce "Stampanti" è possibile configurare la propria stampante: seguire la guida ad interfaccia grafica molto intuitiva che non ha bisogno di spiegazioni.


Generale: zendune [91 visite dal 15 Marzo 05 @ 00:01 am]