Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Guide: passo per passo

Condividi:        

Google - Il futuro

Generale
PREMESSA: se non conoscete il significato di qualche parola consultate il nostro Glossario.
1. Introduzione

Poche società suscitano l'interesse, e l'invidia, che riesce a suscitare Google in ugual misura tra gli utenti e gli aspiranti competitori.
Google ha ottenuto un successo mai raggiunto da una compagnia Internet e raramente superato dalle società tradizionali. In qualche modo è riuscito a raggiungere il più alto grado di efficienza tecnica, è facilmente utilizzabile da chiunque, è considerato un innovatore ed ispira la massima fiducia.

Google funziona, Google è gratuito, Google è divertente e Google ci da sempre qualcosa di nuovo e di utile a cui non avevamo pensato. Se questo non bastasse, Google è adesso diventato anche un investimento economico per alcuni di noi. Date le premesse, è ovvio che l'interesse sul futuro di Google sia un argomento tanto sentito.



Quali saranno le sfide di Google?
L'informazione veicolata attraverso il web sta aumentando esponenzialmente e il rapporto segnale/rumore, che è sempre stato basso su Internet, sta diminuendo ulteriormente. La fortuna di Google è stata di saper scremare le informazioni rilevanti dal mero rumore di fondo con un'efficienza eccezionale. Questo aumento quantitativo dell'informazione disponibile, insieme ai tentativi volontari di influenzare il ranking delle pagine su Google, esercitano una forte pressione negativa sul mantenimento degli standard qualitativi.

Mentre la competizione (Microsoft in testa), cerca di sviluppare prodotti competitivi, Google fa ricerche nel campo della programmazione con linguaggi naturali (come tradurre una domanda scritta in un linguaggio umano in una query comprensibile a un computer), degli algoritmi genetici (usare algoritmi che "imparano" dai risultati precedenti; come gli organismi viventi), delle mappe concettuali (creare dei collegamenti tra diverse aree del sapere in modo da poter proporre solo risultati rilevanti all'utente. Una query per "Franz Ferdinand" darebbe come risultati documenti riguardanti il Duca Austriaco, elemento scatenante della prima Guerra Mondiale, e informazioni su di una band di rock alternativo. Una mappa concettuale sarebbe in grado di separare i due argomenti distinti e presentare solo quello più rilevante all'utente in base alle ricerche precedenti) e dell'intelligenza artificiale - sì, avete capito bene: Google sta facendo delle ricerche nel campo dell'AI applicato alla ricerca su basi dati.

Questa mole di informazioni senza paragoni (mai in passato tanta informazione è stata disponibile in maniera immediata a chiunque abbia quantomeno un PC e un modem) rende l'attività di fare query su Google in maniera mirata una vera e propria scienza. Si aprono così spazi di business per chi fornirà servizi di estrazione qualificata di risultati da Google; questi "compilatori di query di alto livello" potrebbero ricevere domande in linguaggio comune (linguaggio umano), e tradurle in query googliane. Google rimarrebbe come servizio di "basso livello", riservato a tecnici e il suo marchio potrebbe indebolirsi agli occhi del grande pubblico. Per fare un paragone molto approssimativo: da quando Access ha reso possibile creare tabelle o fare query facendo drag 'n drop, chi ha più bisogno di conoscere SQL? Da quando esistono linguaggi di livello alto-altissimo, chi ha bisogno di conoscere l'assembly?


Generale: webmaster [18.246 visite dal 02 Maggio 05 @ 23:01 pm]