Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
Glossario informatico
0-9 - A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z

Condividi:        

Glossario informatico: CLI

Glossario informatico: una raccolta di tutti i termini informatici riguardanti Internet, l'informatica e i PC.

Letteralmente: Command Line Interface (interfaccia a riga di comando, dall'Inglese)


La CLI è un'interfaccia di tipo testuale: la comunicazione tra il sistema (detto Host) e l'utilizzatore avviene infatti attraverso sequenze (stringhe) di caratteri.

Grazie ad un "interprete", la macchina Host riconosce i comandi impartiti dall'utilizzatore ed esegue i programmi corrispondenti: in questo modo si possono compiere le operazioni più disparate, sia di base (ad esempio visualizzare l'elenco dei file contenuti in una directory), sia avanzate, come la configurazione delle interfacce di rete.


Introdotta a partire dagli anni '50 del XX Secolo (prima di allora il "dialogo" tra le due parti avveniva tramite comandi "batch", introdotti tramite schede perforate), la CLI è da sempre una presenza costante nell'Informatica: anche i Sistemi Operativi più avanzati e basati sulle interfacce grafiche più evolute dispongono di una CLI con la quale è possibile compiere sul computer tutte le operazioni normalmente gestite tramite l'interfaccia Grafica, più altre che invece non sono nemmeno disponibili tra le opzioni della GUI; Si tratta, in effetti, del più potente strumento d'interazione col Sistema, che consente di intervenire su ogni singolo aspetto del suo funzionamento.


L'interfaccia a linea di comando è fondamentale nello Sviluppo e nelle applicazioni in ambito industriale: tramite la CLI, "una qualunque apparecchiatura in grado d'interpretare i comandi ricevuti" (ad esempio una macchina a controllo numerico, uno strumento di misura, ecc.) può essere controllata da "una qualunque entità in grado di inviare comandi in forma di testo". E' possibile, cioè, realizzare programmi che siano in grado di generare i comandi necessari nell'ordine prestabilito, automatizzando quindi l'interazione col sistema.

Questa caratteristica è molto utile quando le operazioni da compiere siano noiose, ripetitive, complesse o richiedano una precisione ed un'attenzione che un operatore umano potrebbe non essere in grado di garantire nel tempo.
A tale scopo sono nati diversi software che supportano il cosiddetto Command Line Scripting: implementano, cioè, linguaggi di programmazione in grado di lanciare sequenze di comandi CLI e gestendo le informazioni ricevute; I più sofisticati, grazie alla disponibilità di strutture di controllo di tipo If...Then e simili, sono anche in grado di elaborare gli output ricevuti, prendendo decisioni sulle prossime operazioni da compiere.


La Riga di Comando ("Prompt dei comandi" per chi è avvezzo ai sistemi Windows, oppure "Shell" o "Console" per chi utilizza Unix o Linux) è spesso osteggiata, se non ignorata, dagli utenti meno esperti: essi, talvolta, si trovano in difficoltà davanti alle apparentemente oscure sintassi dei comandi ed alla relativa documentazione, spesso scarna.
Ciononostante, grazie ai vantaggi di cui si è parlato, è lecito pensare che la CLI non verrà abbandonata ancora per molto tempo.


Cerca anche su: Google, Wikipedia.
Questa definizione non è completa?
  • Migliorala tu stesso e contribuisci alla crescita del glossario.
  • Scrivi all'Oracolo di pc-facile.com e lui ti risponderà via e-mail entro 48 ore lavorative.
  • Invia questa definizione a un amico.