Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti
Glossario informatico
0-9 - A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z

Condividi:        

Glossario informatico: Augusto

Glossario informatico: una raccolta di tutti i termini informatici riguardanti Internet, l'informatica e i PC.

I cifrari di Cesare e del Kamasutra appartengono alla categoria dei codici mono-alfabetici: cioè ogni lettera può essere sostituita con una sola altra lettera - prendendo ad esempio un messaggio codificato con il cifrario del terzo livello vediamo che in tutto il messaggio la A verrà sempre sostituita con la G.

Un primo miglioramento di questo tipo di cifrario fu quello di allungare la chiave: ad esempio k = 1, 2, 3 (k = a, b, c - oppure le lettere possono formare una parola facile da memorizzare). La chiave viene ripetuta per tutta la lunghezza del messaggio e quindi il messaggio cifrato.

Attaccare all'alba
123123123 123'1231
Bvwbefbth bno'bneb


Questo tipo di cifrario (anche se con nomi diversi nel corso della storia) fu considerato indecifrabile fino al 1863 quando Friedrich Kasiski pubblicò un volume di 95 pagine in cui spiegava come decifrarlo (in realtà il primo a capire come decifrarlo fu l'inglese Charles Babbage, ma il governo Britannico gli chiese di non pubblicare il metodo in quanto questo codice era utilizzato dal suo esercito).

Il metodo proposto consisteva nel cercare di indovinare, come prima cosa, la lunghezza della chiave. Questo si otteneva osservando le coppie o triplette di lettere che si ripetevano. In un messaggio abbastanza lungo eventualmente succederebbe che coppie di lettere frequenti come tt, mm, ch, qu... verrebbero codificate con la stessa parte della chiave utilizzata. Nell'esempio sopra (anche se si tratta di una coincidenza in quanto il messaggio è troppo breve per essere analizzato metodicamente) possiamo ad esempio notare che la lettera B si ripete con cadenza di tre. Nella realtà utilizzeremmo diverse coppie o triplette di lettere per giungere a questa stessa conclusione, ma qui possiamo correttamente dedurre che la chiave ha una lunghezza di 3.

Ottenuta la lunghezza della chiave il problema viene suddiviso in più cifrari: tanti cifrari quante le lettere della chiave e i cifrari risolti individualmente con l'aiuto della statistica e tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione.


Cerca anche su: Google, Wikipedia.
Questa definizione non è completa?
  • Migliorala tu stesso e contribuisci alla crescita del glossario.
  • Scrivi all'Oracolo di pc-facile.com e lui ti risponderà via e-mail entro 48 ore lavorative.
  • Invia questa definizione a un amico.