Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Privacy Italiana.. Qualcuno mi aiuta?

Come rimuovere virus e spyware? Le carte di credito sono davvero sicure in rete? È possibile navigare anonimi? Con quali programmi tutelare la propria privacy? Come proteggere i file importanti? Se volete una risposta a queste e altre domande questo è il luogo giusto!

Moderatori: kadosh, Luke57

Postdi Frengo78 » 09/10/03 00:59

OT: Anche io sono iscritto a tuttinudi.com: mi allieta la mattinata in ufficio! ;):P

Propendo per la tesi del SI per il semplice fatto che l'email cosi come il numero di cellulare è un dato anagrafico e la comunicazione a terzi è vietata se non espressamente indicato. L'indirizzo in cc di fatto è una comunicazione a terzi e costituisce violazione della legge della privacy.
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Sponsor
 

Postdi Mikizo » 09/10/03 01:07

Ecco, la mia interpretazione sarebbe pari pari quella di Frengo, ma finchè non vedo una sentenza non credo.
(Frengo ultimamente sono spesso d'accordo con te, chi dei due sta cambiando? :D :D )
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi Frengo78 » 09/10/03 01:37

Ah mikizo, sai cos'è? Frequentiamo le stesse brutte compagnie io e te!
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Postdi BaaakSAL » 09/10/03 12:14

Beh..
non che quadri molto come ragionamento.. ma son riuscito a seguirlo.. :lol:
ma il fatto non credo sia lo schierarsi..
insomma.. chiaramente sono tirato in ballo in prima persona e per questo son più orientato per il SI.. ma concettualmente pensando a terzi e cercando di essere obiettivi avrei scelto lo stesso! :?:
E perdonami se l'esempio del sexy shop non c'entra nulla..
Credo che l'esempio da fare sia un altro..
Se il prete decide di farsi spedire le cassette "hard" in parrocchia e il sexyshoppista :D mette la sua consegna insieme ad altre 10 e a tutti e 10 consegna insieme al materiale anche la lista dei 10 indirizzi ai quali son stati inviate le cassette (e questo credo sia ciò che mi è successo!!)
Beh.. non credete che questa sia violazione?!

Ehy Pierc.. non potrei mai mandarti a quel paese!!
Ti stai dedicando con tanto ardore a sta questione che effettivamente se ha una svolta potrebbe interessare un pozzo di persone!!
E poi a prescindere da tutto mi stai simpatico! ;)
Credo mi piaccia essere.. di certo non mi piace apparire!
BaaakSAL
Newbie
 
Post: 6
Iscritto il: 03/10/03 15:55
Località: Salerno

Postdi Mikizo » 09/10/03 12:54

BaaakSAL, per risolvere, sacrificati per il bene dell'umanità e paga un avvocato....
Così ne usciamo e creiamo anche un utile precedente.
Geniale no? :D
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi BaaakSAL » 09/10/03 15:19

A mikiii
e mica hai detto na st....!! :lol:
Anzi.. facciamo così.. io lo contatto.. noi tutti facciamo na bella colletta.. e se è la cosa funziona iniziamo a citare tutti coloro che abusano del CC..
Carina come cosa no?! :D :D :D
Ad ogni modo.. anche io credo che la soluzione AVV sia quella da seguire.. solo che l'avvocato dovrà essere bravo.. io dovrò spiegargli tutto..
Già.. credo che così farò ma nn preoccupatevi.. vi farò sapere tutto!! ;)
E aspetto sempre Vostri suggerimenti!! 8)
Credo mi piaccia essere.. di certo non mi piace apparire!
BaaakSAL
Newbie
 
Post: 6
Iscritto il: 03/10/03 15:55
Località: Salerno

Postdi piercing » 09/10/03 18:54

Beh... Rieccomi... prima dell'avvocato io mi rivolgerei alla struttura competente... ovvero il Garante...

In questo momento io ho attiva una richiesta al Garante della Privacy (per motivi aziendali completamente diversi...).

Hanno un URP che funziona anche per email, che sebbene non velocissimo (sono un pò in ritardo... per loro stessa ammissione... ma comunque non più di un mesetto credo), almeno risponde, e se la questione viene considerata di interesse viene pubblicata sulle FAQ del sito.

Prima di pagare l'avvocato quindi, e rischiare di perdere, sentirei qual'è l'orientamento della struttura.

Un consiglio personale è quella di metterla un pochino più pesante... altrimenti ho paura che lasciata sul generale non abbia il giusto rilievo affinchè la prendano in considerazione.

Prima di fare la colletta, ed investire un euro per essere poi invitati tutti a cena da BaaakSAL (anche in caso di sconfitta ovviamente... ;) ) mi muoverei sul sicuro....

Vi terrò comunque aggiornato nel caso mi pervenga la risposta, per sapere quanto tempo ci hanno messo...
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Postdi piercing » 09/10/03 19:09

allora.... marzullianamente... per la serie "si faccia una domanda e si dia una risposta" questa è la cosa ufficiale più attinente che ho trovato che ovviamente è molto vicina a smentire il mio orientamento (ehehe perchè questo mondo crudele mi rema sempre contro?? :( ).

Benchè l'esempio riportato sia più vicino allo spam, almeno chiarisce un punto che abbiamo toccato...:

Il Garante ha scritto:Newsletter 10 - 16 febbraio 2003

Privacy su Internet. Gli indirizzi e-mail non sono pubblici
Pagamento stipendi. Niente dati inutili in banca
Marittimo sieropositivo licenziato. Il Garante avvia accertamenti
Spamming: le raccomandazioni del Garante francese


Privacy su Internet. Gli indirizzi e-mail non sono pubblici

Gli indirizzi di posta elettronica non sono liberamente utilizzabili da chiunque per il solo fatto di trovarsi in rete. La vasta conoscibilità degli indirizzi e-mail che Internet consente, non rende lecito l’uso di questi dati personali per scopi diversi da quelli per i quali sono presenti on line. Gli indirizzi e-mail non sono, insomma, "pubblici" come possono essere quelli presenti sugli elenchi telefonici.

Il principio è stato ribadito dall’Autorità Garante (composta da Stefano Rodotà. Giuseppe Santaniello, Gaetano Rasi e Mauro Paissan) che ha affrontato in questi ultimi mesi diversi casi di utenti che avevano segnalato la pratica ormai diffusa di inviare e-mail commerciali ad indirizzi di posta elettronica raccolti in rete. Alle proteste degli utenti, le società che avevano inviato le e-mail rispondevano che non vi era stata alcuna violazione della privacy perché gli indirizzi erano stati reperiti su Internet (spesso attraverso appositi software) e che pertanto erano "pubblici".

Niente di più sbagliato, afferma l’Autorità. Gli indirizzi di posta elettronica non provengono, infatti, da pubblici registri, elenchi, atti o documenti formati o tenuti da uno o più soggetti pubblici e non sono sottoposti ad un regime giuridico di piena conoscibilità da parte di chiunque. La circostanza che l’indirizzo e-mail sia conoscibile di fatto, anche momentaneamente, da una pluralità di soggetti non lo rende, infatti, liberamente utilizzabile e non autorizza comunque l’invio di informazioni, di qualunque genere, anche se non specificamente a carattere commerciale o promozionale, senza un preventivo consenso.

L’Autorità sottolinea che l’eventuale disponibilità in Internet di indirizzi di posta elettronica, anche se resi conoscibili dagli interessati per certi scopi (ad esempio su un sito istituzionale o anche aziendale) attraverso siti web o newsgroup, va "rapportata alle finalità per cui essi sono pubblicati sulla rete".

A maggior ragione questo principio vale in caso di uso indebito di software che rastrellano automaticamente migliaia di indirizzi in rete o li creano "a tavolino" a prescindere da un accertamento sulla loro effettiva esistenza.

Per poter inviare e-mail senza violare la privacy degli utenti web è obbligatorio, dunque, ottenere prima il loro consenso.

Uno degli ultimi casi di cui si è occupato il collegio del Garante ha riguardato un docente che si era visto recapitare una e-mail pubblicitaria al proprio indirizzo di posta elettronica, presente per finalità di istituto, sul sito dell’università presso la quale insegna.

Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Postdi Frengo78 » 09/10/03 20:50

Bene bene!
Sorry ma non è il mondo che ti rema contro. Sei te che vai controccorente pier, sterza sta canoa!!! :D
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Però però...

Postdi BaaakSAL » 10/10/03 08:40

Naturalmente la cena la offro a prescindere.. ;)
Ma sono fermamente convinto di quanto afferma pierc sulla necessità del garante e di una sua consulenza!
Quanto letto sullo stato delle mail e della loro funzionalità e del loro uso beh.. questo potrebbe essere segnato come punto a sfavore!
Sono io ad aver contattato loro per una richiesta di informazioni tramite quella mail e loro hanno risposto essendo "implicito" il mio consenso!
Qui è tutto naturale!
Ma continuo a dire che bisognerebbe trovare qualcosa che abbia a che vedere con i CC e con la diffusione da parte loro della mia mail... :-?
purtroppo io non condanno l'utilizzo da parte loro della mia mail ma la DIFFUSIONE da parte loro del mio indirizzo mail!! :mmmh:
Ehy Pierc..
ci pensi tu a sottoporre la questione al garante in maniera accettabile e dignitosa?! ;)
Credo mi piaccia essere.. di certo non mi piace apparire!
BaaakSAL
Newbie
 
Post: 6
Iscritto il: 03/10/03 15:55
Località: Salerno

Precedente

Torna a Sicurezza e Privacy


Topic correlati a "Privacy Italiana.. Qualcuno mi aiuta?":


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti