Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Distro Linux "Entry-Level": LA SFIDA

Discussioni e opinioni costruttive sul mondo dell'informatica.
Per la soluzione di problemi specifici fare riferimento alle sezioni di assistenza!

Moderatori: aurelio37, axelrox

Distro Linux "Entry-Level": LA SFIDA

Postdi juggler » 22/08/07 20:03

Ciao a tutti, vorrei proporre a tutti voi la scelta di quale sia la più adatta distribuzione Linux "entry-level" generica da proporre per esempio ad uno studio professionale, ad una scuola, ad un ente, ad un'associazione, ad una pubblica amministrazione, ad un Internet Point, ad un amico a digiuno di Linux, ad un principiante assoluto; insomma una vera e propria distribuzione entry-level; cioè non troppo minimalista ma nemmeno troppo avanzata in termini di funzionalità e di numero di sw presente; una distribuzione che faccia concorrenza in una via di mezzo tra Windows Vista Home Basic/Vista Business, all'incirca.

Dalla sfida vorrei subito escludere Debian, Slackware, Fedora, OpenSUSE, Mandriva Free/PowerPack, RedHat (RHEL), SuSe Enterprise (SLES) ed anche altre distro troppo "oriented" come ad esempio la Edubuntu, UfficioZero, Kiosk od altre specifiche.
Nella sfida sono ammesse le distro "desktop", dunque "generiche per desktop" che abbiano indiscriminatamente KDE oppure Gnome, non sono ammesse le XFCE-based.

Vincoli per la sfida: è auspicabile, ma non obbligatorio, che i supporti d'installazione delle distro in "nomination" devono possibilmente occupare solo 1 CD/DVD;
Nella sfida sono ammesse indiscriminatamente le distro RPM-based, DEB-based, TAR-based ed altre.

Le mie personali "nomination", attualmente sono:

- Mandriva One

- Ubuntu

- Kubuntu

- PCLinuxOS

- Knoppix

- Freespire

- Sabayon

- QiLinux


Ora la parola passa a voi, ditene di tutti i colori su queste sette distribuzioni e magari anche su di altre ricordandovi che nel scegliere, rispettate i vincoli della sfida ;-)
Lo so che su Internet già ci sono numerose schede/recensioni ecc ma, è meglio una vostra "prova su strada".

Miraccomando, intervenite numerosi, ciao!
juggler
Utente Junior
 
Post: 86
Iscritto il: 28/01/06 12:12

Sponsor
 

Postdi gunter » 23/08/07 11:36

Tu vorresti una distribuzione stabile, facilmente aggiornabile, non troppo specializzata e assolutamente semplice per un utilizzo di base? Lasciando perdere il fatto che già con queste caratteristiche siamo un po' oltre le versioni di Vista che nomini ;) , non capisco perchè escludi distribuzioni come Mandriva Free e le sue versioni a pagamento (migliori per un'ambiente aziendale) e Opensuse/SLED, ed RHEL che corrispondono sicuramente all'ambiente su cui vuoi applicarle (forse solo RHEL e SLED si pongono su standard maggiori).
Praticamente vuoi una distribuzione che si adatti a più tipologie di utenze, dall'utente a digiuno di Linux a cui, per esempio, una ubuntu potrebbe andare bene, alla PA a cui, sempre per esempio, ubuntu non è così consigliabile.


Le mie personali "nomination", attualmente sono:

- Mandriva One


Ad un nuovo utente sicuramente consigliabile non tanto ad un ufficio (troppe cose un po' inutili)

- Ubuntu
- Kubuntu


vedi sopra, aggiungendo che non è poi così stabile e viene aggiornata troppo spesso...

Codice: Seleziona tutto
- PCLinuxOS


giovane, come sopra

Codice: Seleziona tutto
- Knoppix


Principalmente una live, però ci siamo per tutti gli ambienti d'uso

Codice: Seleziona tutto
- Freespire


Adatta ad utenti di tutti i tipi, meno ad uffici. Direi che la distribuzione da cui proviene Linspire è meglio.

- Sabayon


Derivata da gentoo, richiede applicazione, per un novizio che si impegna un po', i pacchetti sono sorgenti che vengono compilati "ad hoc" per la propria macchina. E' una distribuzione che mi piace particolarmente, ma rimango un po' dubbioso.

- QiLinux

Credo sia un po' morto il progetto.

Secondo me le distribuzioni da tenere in considerazione sono:
-Mandriva Free/PP/...
-OpenSuse

Forse
-Zenwalk
-ubuntu
-SimplyMepis

In un ambiente d'ufficio non si può prescindere da qualche macchina debian a mio parere.

edit: sposto in discussioni
Avatar utente
gunter
Moderatore
 
Post: 3629
Iscritto il: 07/06/06 18:28
Località: Rovereto (tn)

Postdi gunter » 23/08/07 14:13

- Sabayon


Derivata da gentoo, richiede applicazione, per un novizio che si impegna un po', i pacchetti sono sorgenti che vengono compilati "ad hoc" per la propria macchina. E' una distribuzione che mi piace particolarmente, ma rimango un po' dubbioso


Ho scritto un po' di fretta... in generale con Sabayon è possibile utilizzare pacchetti precompilati, ma diventa un po' un macello...
Avatar utente
gunter
Moderatore
 
Post: 3629
Iscritto il: 07/06/06 18:28
Località: Rovereto (tn)

Postdi LEVI » 23/08/07 18:03

Mandriva Powerpack secpndo me è la migliore per un novizio... solo che è a pagamento...
LEVI
Utente Junior
 
Post: 36
Iscritto il: 28/10/06 21:41

Postdi juggler » 24/08/07 21:04

Ma effettivamente anche per me la Mandriva Free adrebbe bene ma, con il post chiedevo delle distro ancor più "minimaliste" se così si può dire; ecco perchè nelle nomination ho privilegiato la Mandriva One piuttosto ke la Free Edition o peggio ancora le Power Pack Editions.

Effettivamente come è stato detto per ciò che chiedevo io la SLED è un pò avanzatella per i miei scopi...

Comunque a questo punto mi sarei fatto una ideuzza, sarebbe meglio privilegiare in primis chi delle distro ha una ampia community di utilizzatori, nonchè un ampio repository di pacchetti; su questi fronti sicuramente Ubuntu/Kubuntu è davanti a tutti seguita da Mandriva One; le altre oserei dire che sono un pò più "staccate" ma, ovviamente non per questo, le altre comunque sono degli ottimi prodotti indubbiamente...come ad esempio la stessa PCLinuxOS derivata guardacaso da Mandriva oppure la Mepis che è pur sempre una Debian-based...

L'idea di questo topic è quella di cercare una distro desktop di base che comunque abbia tutto o quasi tutto il necessario per operarci in ambito business e domestico.

Io personalmente all'interno della stessa categoria delle distro Desktop, faccio una ulteriore distinzione, seconde me(le mie preferite):

1) Desktop di base: Ubuntu/Kubuntu versione CD, Mandriva One, PCLinuxOS;

2) Desktop medio/evoluto: Ubuntu/Kubuntu versione DVD, Mandriva Free Edition;

3) Desktop esperto/professionale: SLED, Mandriva Power Pack Plus; le quali secondo me potrebbero reggere il confronto con Vista Ultimate...

Ovviamente questa è solo una mia personale classificazione, giusta o sbagliata che sia.
Cmq per ora il mio obiettivo è saziare la curiosità relativa al punto 1).

Ci si vede!


P.S. Sarà per questioni psicologiche, un caso clinico da curare, una malattia, non lo so, ma la Fedora proprio non mi piace e con essa anche la Red Hat, mi sono state sempre "antipatiche", non lo so perchè, boh :-)
Lo so che ora mi sarò fatto nemici i sostenitori di Fedora/Red Hat, ma non posso farci nulla :-)
juggler
Utente Junior
 
Post: 86
Iscritto il: 28/01/06 12:12

Postdi gunter » 25/08/07 09:51

Il problema non è che non ti piace Fedora (anche a me non piace poi tantissimo), ma il fatto che metteresti praticamente ovunque ubuntu. Indubbiamente è una buona distro, ma per esempio SimplyMepis con la versione 7 ritornerà ad essere derivata da debian (attualmente è basata su ubuntu 6.06) perchè il capo dello sviluppo dice che ubuntu manca di stabilità, ha un rilascio di versioni troppo rapido, e francamente sono d'accordo con lui. SimplyMepis è molto semplice ha un parco software immenso tanto quanto debian e ubuntu (ovvio :P ) e ha un ottimo riconoscimento hw (cosa da non sottovalutare di questi tempi).

Non capisco perchè differenzi la versione DVD da quella CD per utenti medi e new entry, c'è semplicemente disponibile più software fin da subito senza doversi attaccare ad internet e basta.

Inoltre hai detto che ti serve una distro minimalista con giusto il software che serve, allora non credo che sia un parametro di scelta quanti pacchetti precompilati vengono messi a disposizione.

Insomma non riesco a capirti bene, e forse non hai le idee troppo chiare... ;) (o sei un fan accanito di ubuntu ;) ) ;)
Avatar utente
gunter
Moderatore
 
Post: 3629
Iscritto il: 07/06/06 18:28
Località: Rovereto (tn)

Postdi juggler » 25/08/07 10:28

gunter ha scritto:Il problema non è che non ti piace Fedora (anche a me non piace poi tantissimo), ma il fatto che metteresti praticamente ovunque ubuntu. Indubbiamente è una buona distro, ma per esempio SimplyMepis con la versione 7 ritornerà ad essere derivata da debian (attualmente è basata su ubuntu 6.06) perchè il capo dello sviluppo dice che ubuntu manca di stabilità, ha un rilascio di versioni troppo rapido, e francamente sono d'accordo con lui. SimplyMepis è molto semplice ha un parco software immenso tanto quanto debian e ubuntu (ovvio :P ) e ha un ottimo riconoscimento hw (cosa da non sottovalutare di questi tempi).

Non capisco perchè differenzi la versione DVD da quella CD per utenti medi e new entry, c'è semplicemente disponibile più software fin da subito senza doversi attaccare ad internet e basta.

Inoltre hai detto che ti serve una distro minimalista con giusto il software che serve, allora non credo che sia un parametro di scelta quanti pacchetti precompilati vengono messi a disposizione.

Insomma non riesco a capirti bene, e forse non hai le idee troppo chiare... ;) (o sei un fan accanito di ubuntu ;) ) ;)


La eccessiva disponibilità di sw in una distro x default potrebbe rischiare seconde me di ingenerare un pò di "spaesamento" in un novizio; è chiaro che poi quando si raggiunge una certa dimestichezza sta all'utente smaliziarsi di più e quindi subentra in lui la necessità di voler più sw e quant'altro; il fatto del singolo CD cerca di venire incontro alle possibili limitazioni in termini di HDD di un utente...

Non sono affatto un fan di Ubuntu, anzi il contrario ma, io nella scelta di una distro tengo contro di tre parametri principali:

1) Ampiezza della community (di sviluppo e di utenti)

2) Disponibilità hw dell'utente

3) Conosenza o meno di Linux

4) Ciò che l'utente vuole a prescindere dalla sua conoscenza o meno di Linux; cioè se vuole un desktop di base, medio o avanzato/professionale;

Ubuntu sicuramente ha un'ampia community e ciò lo aiuta molto nella scelta di cosa consigliare; è chiaro che ovviamente, a chi chiede consiglio, proporrei più distro, è naturale che sta all'utente poi decidere quale utilizzare.

io me la sentirei a consigliare più le distro che hanno un'ampia community come Ubuntu e Mandriva ma, indubbiamente anche le altre non è che stanno a guardare; la Mepis è sicuramente un ottimo prodotto.
Il livello di community sicuramente non è la cosa fondamentale ma, avvolte, può essere davvero una discriminante soprattutto per un novizio o magari già per chi lo utilizza quotidianamente...

Ciao
juggler
Utente Junior
 
Post: 86
Iscritto il: 28/01/06 12:12

Postdi Dylan666 » 27/08/07 15:59

Sono uno appena arrivato nel mondo linux pure io e ti dico qual è la mia filosofia: cavalca la popolarità di Ubuntu più che puoi, porta con se tanta documentazione, tanti articoli e libri di settore e tanti utenti che la usano e possono aiutarti.
All'inizio questo conta tanto, le differenze tecniche profonde che possono far propendere più per una distro che per un'altra ora come ora non le puoi (/possiamo) apprezzare, è più importante che il primo approccio non sia traumatico. Poi piano piano, se si sarà cominciato col giusto piede, diventerai esperto e vedrai tu se è il caso di mantenere una distribuzione generica tipo Ubuntu o passare a una modulare e personalizzabile tipo Gentoo.

Una cosa importante secondo me resta questa: il PC su cui installi il pinguino deve avere l'ADSL. La linea veloce è infatti il metodo più comodo e veloce per avere qualunque software a portata di mano, o installato con un click con le repository o aggiornati e presi dai siti di sviluppo. Capita spesso infatti che certe applicazione all'inizio siano poco stabili o manchino di opzioni importanti che vengono aggiunte mano a mano. Inoltre molto spesso i primi tempi ti capiterà di dover cercare aiuto o documentazione su Internet...

Comunque tu ci parli per una distro "da ufficio" ma non specifichi... io conosco parecchi uffici in cui si vive solo di posta, navigazione e pacchetto office
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Postdi skid » 30/08/07 14:24

La mia esperienza da novello è che se vuoi un prodotto versatile ed utilizzabile sia in ufficio che a casa Mandriva free è una buona soluzione.
Ha un'ampio database di pacchetti dal quale attingere, è molto intuitiva, e con il tempo, si riescono a fare anche cose egregie in rete.
La menata più grossa per me rimane il fatto che non sempre i driver per l'hardware installato funzionano a dovere.
Leggasi Radeon 9250 che mi da problemi di crash anche non utilizzando 3D, la sceda lan intagrata nella motherboard che non ne vuole sapere di andare (risolto con sceda PCI d 6€).
skid
Utente Senior
 
Post: 178
Iscritto il: 23/09/02 08:16


Torna a Discussioni


Topic correlati a "Distro Linux "Entry-Level": LA SFIDA":

audio audacity su linux
Autore: beppino
Forum: Software Linux
Risposte: 2

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti