Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Rincari cd

Discussioni e opinioni costruttive sul mondo dell'informatica.
Per la soluzione di problemi specifici fare riferimento alle sezioni di assistenza!

Moderatori: aurelio37, axelrox

Postdi dado » 29/04/03 20:12

Frengo78 ha scritto:Cmq la vera forma di pirateria musicale da condannare è quella di chi vende le copie pirata e ci lucra sopra


Parole sante, Frengo! Sono daccordissimo con te! 8)

House: "Vede, tutti pensano che sia un paziente a causa del bastone"
Wilson: "Allora perchè non indossa un camice bianco come tutti noi?"
House: "Perchè altrimenti pensano che sia un medico".
Avatar utente
dado
Utente Senior
 
Post: 16208
Iscritto il: 21/08/01 01:00
Località: La Città dei Sette Assedi

Sponsor
 

Postdi Nicola » 30/04/03 12:39

concordo anche io.. finché non c'è lucro sopra non mi pare così grave ;)
Nicola
Nicola
Utente Senior
 
Post: 7381
Iscritto il: 08/02/02 01:00

Postdi Frengo78 » 30/04/03 12:49

Calma! E' pur sempre un reato! E' come dire che superare i limiti di velocità in auto non è grave se non si fanno le gare clandestine. Chi scarica viola la legge e non ci piove. E' sacrosanto che le compagnie discografiche si difendano. Quello che critico è il metodo che colpisce il consumatore finale e non chi ci lucra sopra.
Difendo i circuiti peer to peer perche grazie a loro ho scoperto tanti artisti dei quali non avrei mai comperato un solo disco. Non ho un grosso budget da spendere in cd per cui compero quei 4 - 5 cd l'anno che meritano davvero e scarico gli altri ma non mi sento di dire che il mio comportamento sia giusto.
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Postdi Mikizo » 30/04/03 14:01

Un applauso a Frengo, prima di tutto perchè mi ha risposto - indirettamente - a una domanda che avevo posto, e poi perchè sono sostanzialmente d'accordo.
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi Frengo78 » 30/04/03 14:43

Sostanzialmente ho ripetuto quello che avevi detto tu mikizo.
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Postdi Frengo78 » 30/04/03 15:49

Paolo Attivissimo su questa questione: http://www.apogeonline.com/webzine/2003 ... 0304300101

PS: Leggete l'articolo e capirete perche recentemente un hacker è entrato nel sito di madonna e l'ha crakkato scrivendo sull'home page "Ecco cosa c***o credo di fare" :D:)
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Postdi Mikizo » 30/04/03 19:30

Riporto dal link dato da Frengo perchè secondo me merita:

La gabella SIAE, infatti, colpisce indiscriminatamente gli utenti onesti e quelli disonesti. E allora tanto vale essere disonesti, come dicono in tanti, ma veramente tanti, nei forum della Rete in questo periodo, visto il sostanziale raddoppio dei prezzi dei CD da registrare causato dalla tassa in questione.

Paradossalmente, questa tassa, nata per combattere la pirateria audiovisiva, viene invece vista come una forma di legittimazione della duplicazione artigianale. Dopotutto, si argomenta, visto che sul CD vergine si è pagata una congrua “multa” che compensa gli artisti piratati, che danno fa piratarli?

E' la triste conseguenza della strategia del condono tanto cara a generazioni di governanti di ogni colore: si fa pagare qualcosina a tutti perché si è incapaci di punire chi evade. Rendiamoci conto della sconcezza perpetrata da questa legge: far pagare una tassa antipirateria su ogni CD vergine è come far fare un mese di galera a tutti, donne e bambini compresi, perché non si riesce ad acciuffare Unabomber. Complimenti.

E sia ben chiara una cosa: questa tassa non è, come si vuol far credere, un'imposizione della Comunità Europea. Grecia, Inghilterra, Irlanda, Lussemburgo, Norvegia, Portogallo e Spagna hanno anch'esse l'obbligo di recepire la direttiva comunitaria dalla quale scaturisce la tassa SIAE, eppure non hanno alcun balzello sui CD vergini. La responsabilità di questo abominio legale è dunque tutta del legislatore italiano.

Al cittadino, considerato pirata anche quando non lo è, non resta che andare a fare shopping di CD, memorie per fotocamere, videocassette e minidisk in paesi dove esiste ancora la presunzione di innocenza. Turandosi il naso al rientro.


Non sono d'accordo solo sul "tanto vale essere disonesti", per il resto fila che è una bellezza.
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi power1983 » 30/04/03 23:36

Frengo78 ha scritto:Difendo i circuiti peer to peer perche grazie a loro ho scoperto tanti artisti dei quali non avrei mai comperato un solo disco.

Parole sante, grazie al peer to peer, ho comprato una valanga di cd...
Per capirci meglio,la musica che compravo era quella che ascoltavo dalla radio.... e nn compravo piu di 3 cd l'anno.
Adesso ho scoperto una valanga di generi nuovi, di musica particolare che mi fà impazzire,e anche se trovare i cd è un impresa,ho innalzato la mia media a 12 cd l'anno ;)
Grazie peer to peer !
E adesso mi vedo aumentare tutto? anche i cd vergini?
Cmq se i prezzi dei cd originali continuano ad aumentare,dubito che la mia media si possa alzar ancora.... :(
Un cd con 10 canzoni a 20€?
é normale che poi ci sia la pirateria... ma queato è un alro discorso... ;)
power1983
Utente Senior
 
Post: 1240
Iscritto il: 14/03/03 22:08

Postdi Mikizo » 30/04/03 23:49

Mikizo ha scritto:Quanti hanno usato il p2p per procurarsi musica che altrimenti NON avrebbero conosciuto, e poi invece hanno comprato il cd originale?

Frengo78 ha scritto:Difendo i circuiti peer to peer perche grazie a loro ho scoperto tanti artisti dei quali non avrei mai comperato un solo disco

power1983 ha scritto:Adesso ho scoperto una valanga di generi nuovi, di musica particolare che mi fà impazzire,e anche se trovare i cd è un impresa,ho innalzato la mia media a 12 cd l'anno


beh, è dimostrato che siamo almeno in 3...
qualcun altro vuole aggiungersi alla lista?
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi BianConiglio » 30/04/03 23:51

Io ! nella maniera più assoluta !! ho scoperto parecchi gerneri e cd che ho poi comprato e seguito...
BianConiglio
Utente Senior
 
Post: 4710
Iscritto il: 26/12/01 01:00
Località: Varese / Lugano

Postdi Frengo78 » 01/05/03 00:12

Mikizo la frase che contesti di paolo io credo sia da leggersi in chiave ironica.
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Postdi Mikizo » 01/05/03 00:18

Credo anch'io, ma questa frase l'ho letta troppo spesso su questo argomento e comincia a darmi fastidio.
Sono più che convinto che Paolo Attivissimo non intendesse sostenere l'illegalità, ma anche darne l'impressione non mi piace.
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi pjfry » 01/05/03 02:42

io sarò un'eccezione, ma non credo proprio di aver aumentato il consumo di cd original grazie al p2p...
se un gruppo mi piaceva potevo scaricare qualche canzone per essere sicuro di comprare, ma se non mi piacevano ciao cd...
invece comprare grazie a quello che scaricavo? boh... sarò commerciale, ma mi bastava mtv per sapere se un gruppo mi piaceva
la radio non la ascolto perchè non fà musica che mi piace, ma quando stavo + a nord trovavo tutto quello che mi serviva su rock fm e devo dire che non mi serviva di sicuro il p2p per 'conoscere' nuova musica...

per concludere : secondo me hanno pienamente ragione le case discografiche a dire che il p2p fà calare le vendite (almeno nel mio caso, sicuramente non le fà aumentare)... poi il fatto che alzino i prezzi dei cd originali per compensare è un altro discorso (quando costavano 27000 lire li compravo molto + volentieri che a 20 euro :aaah ) e che mettano la pre-multa sui cd vergine è ancora peggio :x
Avatar utente
pjfry
Moderatore
 
Post: 8240
Iscritto il: 19/11/02 17:52
Località: terni

Postdi Nicola » 01/05/03 09:33

il p2p IMHO non ha diminuito di moltissimo le vendite.

Chi i CD li comprava, aveva solo possibilità di "provare" per poi comprare.

Chi invece non li comprava originali cmq lo continua a fare...

Ma poi certo ci sono le eccezioni ;)
Nicola
Nicola
Utente Senior
 
Post: 7381
Iscritto il: 08/02/02 01:00

Postdi Frengo78 » 04/05/03 18:10

Riporto da un altro topic chiuso

Eduard Roccatello ha scritto:vi voglio segnalare un mio editoriale sulla siae, sperando che possiate darmi la vostra opinione.

http://www.pcimprover.it/editoriale/vedi.asp?aid=106
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Postdi Bort » 04/05/03 18:44

La cosa preoccupante non e' l'aumento del prezzo dei cd dovuto alla tassa.
La cosa preoccupante e' che le tasse aumenteranno (come tutte le altre)ogni anno in modo esponenziale finendo per arrivare al livello della benzina (il costo della benzina come materia prima e' aumentto del 10%, le tasse del 600%...).
Sapete dirmi dove si possono trovare tutte le norme che regolano la pirateria\ riconoscimento copyright per il proprio software, vendita e redistribuzione software su internet etc..? Su tante persone che conosco ognuna mi dice cose diverse con leggi che fanno riferimento ad altri stati (capisco che l'italia puo' essere ancora indietro con le regolamentazioni ma qualcosa dovrebbe esserci giusto?)
Ciao
Bort
Utente Junior
 
Post: 15
Iscritto il: 04/05/03 10:40

Postdi dado » 04/05/03 21:21

Bort ha scritto:Sapete dirmi dove si possono trovare tutte le norme che regolano la pirateria\ riconoscimento copyright per il proprio software, vendita e redistribuzione software su internet etc..?


Lo so Bort che è molto vago come suggerimento, ma il punto di partenza è sempre Google.

House: "Vede, tutti pensano che sia un paziente a causa del bastone"
Wilson: "Allora perchè non indossa un camice bianco come tutti noi?"
House: "Perchè altrimenti pensano che sia un medico".
Avatar utente
dado
Utente Senior
 
Post: 16208
Iscritto il: 21/08/01 01:00
Località: La Città dei Sette Assedi

Postdi GAD » 04/05/03 22:48

alla faccia del vago! :lol:
Sono anche andato alla ricerca di opuscoli nella camera di commercio (per avere info sulla creazione e vendita di software mio), il prossimo passaggio sarà la polizia postale e il ministero delle comunicazioni (per sapere la regolamentazione sulle licenze dei software che uso (quanti soldi ho dato alla microsoft per le licenze!!) e se devo prevedere copyright su quello che produco e tutelare i consumatori in qualche modo o certificare un prodotto)
Per ora ho solo un gran casino in testa, sembra che lo sviluppo softawre sia alla stregua dell'opera di un pittore che inventa qualcosa, lo mette su tela e te lo vende.
GAD
Moderatore
 
Post: 2184
Iscritto il: 22/09/02 14:36
Località: Nebbiosa

Postdi Mikizo » 05/05/03 01:08

Torno in Topic (più o meno) per segnalarvi un fatto che io reputo strano: mi è riuscito senza problemi di copiare un cd protetto dal "bollino nero" della IFPI.
Come? banalissimo: con CloneCd.
Io non ce l'ho installato perchè tempo fa mi aveva creato dei conflitti e l'avevo disinstallato, non facendone tra l'altro uso.
L'altra sera però, a casa di un amico, spinti da una discussione sulle nuove protezioni, lui mi fa: "provato con cloneCd"? Io, convinto che la prova andasse a vuoto (che fai a fare una protezione, se CloneCD te la buca? pensavo) gli dico "se ci tieni, prova, ma stai attento che puoi sprecare 29 eurocent di tassa SIAE"...
Insomma, il CD copiato funzia... CloneCD NON ha dichiarato neppure di aver trovato protezioni.... e allora?
Hanno fatto una protezione del piffero?
Vi giuro che pensavo fosse una cosa fatta appena appena un po' meglio...
cioè, voi create un formato che mi crea un casino di problemi nei lettori non nuovissimi, che mi rende il formato CD molto più povero, che mi limita nell'utilizzo in vari modi (ad esempio non si può creare una compilation di brani, ci avete pensato?) e poi LO COPIO CON CLONECD?
Ma andate aff..... :aaah

PS per la cronaca il Cd è Black Cherry dei Golfrapp, uscito tra l'altro per una etichetta che ho sempre stimato molto, la Mute (Nick Cave, Depeche Mode, Moby tra i più famosi)

Ovviamente, la copia, fatta solo per scopi di studio, è andata distrutta.... :D
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi Nicola » 05/05/03 11:56

forse non c'era nessuna protezione.. e forse bastava il semplice Copia CD di Nero :D
Nicola
Nicola
Utente Senior
 
Post: 7381
Iscritto il: 08/02/02 01:00

PrecedenteProssimo

Torna a Discussioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti