Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

CD compatibili LightScribe

Discussioni e opinioni costruttive sul mondo dell'informatica.
Per la soluzione di problemi specifici fare riferimento alle sezioni di assistenza!

Moderatori: aurelio37, axelrox

CD compatibili LightScribe

Postdi maxmula » 12/04/05 23:13

Ho sentito parlare oggi per la prima volta di questa tecnologia ma...
in fondo che mi frega di incidere l'etichetta sul dorso del CD? Non si potrebbe utilizzare questa tecnica per memorizzare altri dati ed aumentare così la quantità di informazioni immagazzinabili?

Ciao,
MAx
Avatar utente
maxmula
Utente Senior
 
Post: 965
Iscritto il: 18/08/04 18:28
Località: N44°59'45 E09°00'34

Sponsor
 

Postdi GAD » 12/04/05 23:28

beh in teoria servirebbe per garantire l'originalità del disco, ricampionare e riprodurre la grafica stampata a laser la vedo dura.

cmq non mi pare un post adatto al topc software, era meglio discussioni
Quando l'ultimo albero sarà abbattuto,l'ultimo pesce catturato,l'ultimo fiume avvelenato,
soltanto allora gli uomini si accorgeranno chei soldi non possono essere mangiati
GAD
Moderatore
 
Post: 2184
Iscritto il: 22/09/02 14:36
Località: Nebbiosa

Re: CD compatibili LightScribe

Postdi Dylan666 » 12/04/05 23:38

maxmula ha scritto: Non si potrebbe utilizzare questa tecnica per memorizzare altri dati ed aumentare così la quantità di informazioni immagazzinabili?


I DVD so che esistono a "doppia faccia", ma non hanno mai avuto successo. I CD non lo so, ma visto il successo dei DVD anche se avessero provati a farli credo che non li troveresti ancora in circolazione.


PS: sposto
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Postdi GAD » 12/04/05 23:44

cmq i problemi di spazio non bisogna porseli, ormai sono arrivati a tecnologie assurde che consentiranno di poter salvare 10 hd su un solo supporto.. alla fine lo spazio sarà persino troppo!
e non parlo solo di bluray o dvdhd ma addirittura minidvd a multistrato come si vedono nei film tipo nirvana (la 2m credo li avesse già sviluppati da qualche anno come i monitor lcd avvolgibili come tessuto) tutta roba che uscirà nei prox anni
Quando l'ultimo albero sarà abbattuto,l'ultimo pesce catturato,l'ultimo fiume avvelenato,
soltanto allora gli uomini si accorgeranno chei soldi non possono essere mangiati
GAD
Moderatore
 
Post: 2184
Iscritto il: 22/09/02 14:36
Località: Nebbiosa

Postdi maxmula » 13/04/05 23:24

GAD ha scritto:cmq i problemi di spazio non bisogna porseli, ormai sono arrivati a tecnologie assurde che consentiranno di poter salvare 10 hd su un solo supporto.. alla fine lo spazio sarà persino troppo!


Questo aspettiamo a dirlo: mi ricordo quando avevo il C64: su un floppy da 5"1/4 ci stavano decine di programmi e giochini e 360 KB (raddoppiabili con un taglierino, togliendo via un pezzetto di involucro e scrivendo il supporto sull'altra faccia) sembravano una quantità di spazio mostruosa.
L'altro giorno sono stato in un ipermercato: in una vetrinetta di componenti PC sfusi, tra i vari articoli in vendita c'era un disco Maxtor da 300 Giga. Inutile dire che mi sembravano una quantità mostruosa...

Ciao,
MAx

PS. mi piace 'sta storia degli spostamenti! Altro che i Niusgruppi, dove gli [OT] si sprecano... :)
Avatar utente
maxmula
Utente Senior
 
Post: 965
Iscritto il: 18/08/04 18:28
Località: N44°59'45 E09°00'34

Postdi GAD » 14/04/05 00:16

maxmula hai ragione, piu' aumentano i supporti e piu' stranamente aumentano le dimensioni dei file, a partire dai sisop che si espandono all'infinito.... e pensare che sulla luna ci siamo andati con un commodore 64 :D
Pero' (e qui faccio filosofia maccheronica) ho la sensazione che ad un certo punto i contenuti non cresceranno piu' proporzionalmente con i supporti, per farlo i produttori si dovranno sforzare di mettere quanto piu' materiale extra possono per riempire un supporto.
Un esempio classico, il dvd video.
Oggi come oggi i dvd video hanno ancora qualche pecca di compressione per stare sul supporto. Se domani uscisse un dvd multistrato che puo' contenere 100 giga invece di 4.7 giga (single layer tipico che abbiamo ora) il produttore potrebbe comprimere di meno il film (diciamo ad un decimo) ed occuperebbe solo la metà del supporto (47 giga). Per riempirlo di sicuro si inventerebbero la multiripresa da piu' angolazioni, la multi-risoluzione video ecc. ma l'obiettivo principale di tenere un film quasi non compresso ( quindi di altissima qualità) su un supporto unico sarebbe già stato raggiunto.
Tra l'altro a quanto dicono gli esperi (non mi chiedere nomi perche' non mi ricordo, leggo punto informatico e mi rifaccio agli articoli) pare che per il futuro sia prevista una trasformazione dei nostri pc in soli terminali ,ci saranno immense banche dati a cui accederemo via rete sia per vederefilm che per utilizzare programmi ecc.. quindi i supporti casalinghi immensi non serviranno piu' perche' avremo solo semplici terminali che consulteranno in modo rapidissimo memorie esterne.
Se mi faccio troppi viaggi mentali chiedo scusa, e' che mi affascina molto pensare alle tecnologie future
:)
Quando l'ultimo albero sarà abbattuto,l'ultimo pesce catturato,l'ultimo fiume avvelenato,
soltanto allora gli uomini si accorgeranno chei soldi non possono essere mangiati
GAD
Moderatore
 
Post: 2184
Iscritto il: 22/09/02 14:36
Località: Nebbiosa

Postdi *~Hayabusa~* » 14/04/05 00:30

GAD ha scritto:Tra l'altro a quanto dicono gli esperi (non mi chiedere nomi perche' non mi ricordo, leggo punto informatico e mi rifaccio agli articoli) pare che per il futuro sia prevista una trasformazione dei nostri pc in soli terminali ,ci saranno immense banche dati a cui accederemo via rete sia per vederefilm che per utilizzare programmi ecc.. quindi i supporti casalinghi immensi non serviranno piu' perche' avremo solo semplici terminali che consulteranno in modo rapidissimo memorie esterne.

Ma sono gli stessi esperti che dissero che "un giorno" ogni singolo pc domestico avrebbe avuto a disposizione più memoria di tutta quella che oggi forma internet (intendo: se su internet ci sono 25 xbyte, mi sparo un unità di misura che non esiste va.., ogni pc ne avrà a disposizione 50).

GAD ha scritto:Se mi faccio troppi viaggi mentali chiedo scusa, e' che mi affascina molto pensare alle tecnologie future
:)
A chi lo dici.

Ritornando IT.
Ma il LightScribe mica serve ad aumentare la quantità di dati scrivibili?
Da quanto ho capito è quella tecnologia che un pò di tempo fa yamaha introdusse nei suoi masterizatori che permetteva di machiare i cd con un disegno nella parte dello stesso che non conteneva dati.
..ed e' cibo per la mente,
acqua dalla sorgente,
luce fosforescente
laddove il buio e' costante ..
*~Hayabusa~*
Hardware Admin
 
Post: 1386
Iscritto il: 12/05/02 22:44
Località: Davanti al monitor..

Postdi GAD » 14/04/05 00:45

Si , il lightscribe serve solo a disegnare direttamente col laser del lettore sulla superficie del dvd\cd particolare in modo da garantire che il supporto sia autentico. Un po' come avviene per gli adesivi\bollini con ologramma fatti al laser che sono praticamente impossibile da ricampionare e realizzare su una copia pirata.

sono gli stessi esperti che dissero che "un giorno" ogni singolo pc domestico avrebbe avuto a disposizione più memoria di tutta quella che oggi forma internet

Si ma sei rimasto alla vecchia concezzione, la settimana scorsa hanno cambiato tutti parere per vendere i libri nuovi :D
Effettivamente non so vedere quale sia la cosa piu' utopistica tra le due, mi pare che la realtà delle multinazionali spietate che cercano soldi, stato che vuole mettere sempre piu' controlli sulle libertà degli utenti, sviluppi alternativi ecc.. siamo solo pedine in balia degli eventi
Quando l'ultimo albero sarà abbattuto,l'ultimo pesce catturato,l'ultimo fiume avvelenato,
soltanto allora gli uomini si accorgeranno chei soldi non possono essere mangiati
GAD
Moderatore
 
Post: 2184
Iscritto il: 22/09/02 14:36
Località: Nebbiosa

Postdi *~Hayabusa~* » 14/04/05 00:57

GAD ha scritto:la settimana scorsa hanno cambiato tutti parere per vendere i libri nuovi :D

Ah ecco!

GAD ha scritto:siamo solo pedine in balia degli eventi

Alla fine useremo la tecnologia che si sviluppa prima :roll:

Secondo me è più plausibile che tra un pò di tempo avremo a disposizione tera su tera su ogni pc del fatto che useremo tutti dei terminali semi-stupidi..
..ed e' cibo per la mente,
acqua dalla sorgente,
luce fosforescente
laddove il buio e' costante ..
*~Hayabusa~*
Hardware Admin
 
Post: 1386
Iscritto il: 12/05/02 22:44
Località: Davanti al monitor..

Risposta riepilogativa

Postdi marlon » 18/04/05 10:59

Risposta riepilogativa.

LightScribe

Occorrono supporti ad hoc, non lo puoi fare con qualsiasi CD o DVD vergine.

Lo inserisci nel masterizzatore con la parte dati verso l'alto (quella che sarà l'etichetta và in basso) ed avvii il programma che ti permetterà di realizzare graficamente quella che diventerà l'etichetta, e che in realtà sarà la semplice superficie del CD/DVD.
Tramite il laser, pilotato in una certo modo, alcune zone diventeranno "nere" o grigie consentendoti di personalizzare il supporto senza bisogno di avere una stampante (esistono da tempo i supporti per le InkJet).

Una cosa carina e che non dovrebbe costare granché dal punto di vista dell'hardware, mentre per quanto riguarda i supporti... non si sà.
Certo la scelta sarà scarsa, all'inizio, con prevedibili costi alti (in senso relativo).
La tecnologia è brevettata della Hewlett-Packard, che l'ha già concessa in uso ad altri produttori (es.: Philips).

Tutto questo, con la personalizzazione del supporto a fini di "protezione", secondo il mio modestissimo parere ha poco a che fare.

Francamente non mi immagino alcun grosso produttore di software che invece di far stampare il supporto, magari con l'ologramma, se li infila uno per uno nel masterizzatore.

Credo che sia nata e resterà confinata al mondo consumer o, al limite, a qualche piccola software house che desideri realizzare CD/DVD personalizzati un po' diversi dal solito (etichetta o media per Ink-Jet).

Riguardo a Yamaha ricordate bene.
Uscì anni fà un masterizzatore in grado di produrre dei dischi con delle scritte o disegni.
Ma la differenza è sostanziale: venivano realizzati sul lato "dati".

Incidendo o meno certe zone, e sfuttando la diversa riflettenza che un'area incisa ha rispetto a quella vergine, era possibile ottenere effetti piuttosto interessanti.

Il problema era banale: più ampia l'area "visuale" e più piccolo lo spazio per i dati.

Incidere in quel modo il CD, infatti, rendeva di fatto "leggibile" quella zona non dal lettore ma solo... dai nostri occhi! :)


Spazio Disco

Vero: più cresce lo spazio disponibile e più cresce lo spazio "sprecato".

E' una regola dell'informatica.

Ai vecchi tempi c'erano fior di aziende che facevano girare i propri elaboratori tramite un "Server" (il termine non era proprio quello) con una memoria centrale di 64 e poi 256Kb (KILO, non GIGA, non ho sbagliato a scrivere...).

Adesso chiunque disponga solo di 256 miseri MegaByte viene preso per un poveraccio...

A prescindere dalla qualità e dal numero di funzioni, i programmi non sono più così "ottimizzati", dato che i GHz ed i Gb permettono un notevole "scialo" di risorse, che peraltro hanno costi decisamente più abbordabili di un tempo.

Sui DVD devo contraddire GAD.
I Film, in genere, non sono proposti su supporti da 4,7GB ma su quelli a doppio strato da 9GB.
Infatti quando cerchi di farti una copia di backup devi tagliar via roba per non ricomprimere troppo.

Quelli a doppio lato vanno per la maggiore (in senso relativo) negli USA.

Pare che in molti preferiscano la versione 4:3 del film anziché quella in WideScreen (2.35:1 o meno spinta, 1.77:1 od altre ancora, meglio visualizzabili su schermi 16:9).
Così le major a volte fanno due edizioni dello stesso titolo ed a volte mettono nella confezione i cosiddetti "Flip-Flop".
Vale a dire i dischi con 2 lati.

Come gli altri a lato singolo sono disponibili con capienza da 4,7 o 9GB.

La cosa divertente è che l'etichetta viene necessariamente ridotta ad un "anellino" scritto in prossimità del foro centrale.
Quando leggi "LATO WIDESCREEN" devi tener presente che la parte "wide" non è quella dove c'è la scritta ma quella sotto.

E' tutto al contrario di quel che sembra.

Strana gente, gli Americani... :-?


Sullo riempimento del disco, il problema è solo di scelte.

Naturalmente l'occupazione dipenderà dalla durata del film, uno da 3 ore ed uno da 1 non necessiteranno del medesimo spazio.
Però dipende molto dal livello di compressione scelto e dal "Bit Rate".

Esistono riedizioni di film già usciti chiamate "SuperBit" dove si cerca di perseguire una maggiore qualità visiva aumentando il BitRate.
A quel punto, essendo necessario più spazio, inserti speciali ed altri elementi "accessori" vengono sacrificati.

Il risultato, però, non è sempre in linea con le aspettative.

Il problema non è riempire lo spazio disponibile (che, tra l'altro, viene usato anche per sottotitoli e colonne sonore in lingue o codifiche diverse).
Il problema è solo di scelta.

Se davvero volessero darci il massimo, comprimerebbero poco il filmato e riempirebbero sempre al 99,9% lo spazio disponibile.
Invece non gli importa un fico secco della cosa, e vedi DVD codificati maluccio anche se non son presenti 10 lingue e 20 inserti speciali, lasciando comunque un 30% di spazio vuoto.

Son cretini, che gli vuoi dire?

Probabilmente prendono un master già fatto all'estero e ci appiccicano la colonna sonora Italiana.
Poi, dato che eliminano molti degli inserti speciali, rimane spazio libero ma piuttosto che perder tempo a ricodificare il film, lo lasciano com'è.

Disco mediocre e spazio sprecato.


PC come terminali

Sono secoli che se ne sente parlare ma ancora...

Escludendo Internet, come concetto di "distribuzione" dei contenuti, la capacità elaborativa locale deve esserci e continuerà ad essere necessaria ancora per parecchio tempo.

Parere personale, eh!

Ma se non avesse una "vera" CPU, col Vostro PC, cosa potreste farci?

Anche per navigare nei siti è necessario il Plug-In di qui, il Java di là, il driver di sopra, la cache di sotto...
Anche solo per andarvene a spasso sul Web, pur disponendo di una ADSL da un paio di Mb, pensate che lo fareste allo stesso modo con un PC a 300Mhz+disco vecchio e con uno a 3GHz+SATA nuovo?
Mmmm....

Via!
Pensiamo davvero che potremmo usare produttivamente un vero e proprio "terminale" per tutti gli usi per i quali usiamo adesso il PC?

Certo!
Per qualcosa (pochino) ma non per tutto.

Di CPU ne abbiamo nel televisore e nel forno a microonde.
Costano il giusto ma ci sono ed hanno bisogno della loro memoria dedicata e di tante altre cosette.

Una cosa è l'interconnessione e lo scambio di dati tra macchine diverse, un'altra è il "calcolo distribuito".
Un'altra ancora è il "terminale" che dipende dall'elaboratore centrale non soltanto per i dati (es.: le pagine Web) ma pure per la completa elaborazione degli stessi.

Si tratterebbe solo di spostare, centralizzandola, la macchina che eseguirebbe materialmente il lavoro.

Già in passato andava di moda il "Client/Server", ma di roba reale e non di pura filosofia ne ho vista pochina.

Poi, comunque, centralizzare significa anche dipendere dalla linea, come "presenza" e pure come "prestazioni".

Siamo davvero al punto in cui ci fidiamo totalmente delle Telco?
Ci danno sempre e comunque questo servizio inappuntabile e continuativo?

Mah!


Scusate la lungheza del post, ma è più forte di me... :oops:
marlon
Utente Senior
 
Post: 190
Iscritto il: 27/05/03 10:08
Località: PO


Torna a Discussioni


Topic correlati a "CD compatibili LightScribe":

Lightscribe
Autore: Diablar
Forum: Assistenza Hardware
Risposte: 0

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti