Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Microsoft dà una stretta di vite alle licenze...

Discussioni e opinioni costruttive sul mondo dell'informatica.
Per la soluzione di problemi specifici fare riferimento alle sezioni di assistenza!

Moderatori: aurelio37, axelrox

Postdi Dylan666 » 12/03/05 12:39

Ma è per questo che hanno rialasciato l'aggiornamento al live update poco tempo fa? Quindi secondo voi questo nuovo metodo di protezione coinvolgerebbe anche il mio antivirus compreso nel Norton SyWorks 2004?

@dado: quando parlo di crack parlo di quelle che si trovano su siti "sicuri" che non veicolano schifezze nelle patch ;)
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Sponsor
 

Postdi dado » 12/03/05 12:42

Dylan666 ha scritto:Ma è per questo che hanno rialasciato l'aggiornamento al live update poco tempo fa? Quindi secondo voi questo nuovo metodo di protezione coinvolgerebbe anche il mio antivirus compreso nel Norton SyWorks 2004?


In effetti NAV non si aggiornava più se non si scaricava l'ultimo Live Update... ma non so esattamente x quale motivo: se x coprire un bug o x motivi di sicurezza 'commerciale'.

@dado: quando parlo di crack parlo di quelle che si trovano su siti "sicuri" che non veicolano schifezze nelle patch ;)


Sempre che tale tipo di siti si possa ritenere così affidabile da garantire l'assenza di porcherie dai propri file... :P

House: "Vede, tutti pensano che sia un paziente a causa del bastone"
Wilson: "Allora perchè non indossa un camice bianco come tutti noi?"
House: "Perchè altrimenti pensano che sia un medico".
Avatar utente
dado
Utente Senior
 
Post: 16208
Iscritto il: 21/08/01 01:00
Località: La Città dei Sette Assedi

Postdi Dylan666 » 12/03/05 12:49

Non mi far sbottonare più di tanto... :P
Diciamo che ci sono crew più "serie" di altre (lo so che pare strano per alcuni parlare di etica cracker, ma diciamo che una coerenza c'è) e così pure i siti che ospitano certi tipi di file al massimo AGGIUNGONO un file dialer nello ZIP chiamato start.exe che avviano giusto i newbie... na non si veicolano virus.
Insomma, basta sapersi orientare... a scopo didattico ovviamente :D
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Postdi piercing » 12/03/05 22:57

confermo per quanto riguarda il liveupdate nuovo... è stato aggiunto un controllo ebete che fa la verifica del numero di serie del prodotto quando questo ha più di un anno (o comunque si comporta così). Quindi la famosa patch del 2029 è fottuta in partenza (non ci voleva poi molto....).

dado... non parlo di corporate... non credo che qualcuno di noi abbia in casa una multinazionale... per quelle già sono certo che alla prossima SP ci saranno belle sorprese... (anchè perchè ormai il SUS è bello che sviluppato, quindi non credo proprio che gli aggiornamenti dei corportate avvengano tramite winupdate).

c'è un fenomeno piuttosto grande di furto di licenze... in particolare di quelle che... ad esempio... sono installate sui portatili... che sono in pratica "preattivate"... quell'ambito è anche il più difficile da controllare, ed è in particolare "contro" quello che M$ si è attivata con la riattivazione esclusivamente telefonica...

diciamo che i fronti di abusi delle licenze sono essenzialmente questi due...
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Postdi dado » 13/03/05 14:49

Quello che volevo dire, è che se uno lavora in un'azienda ed è immanicato con i boss, può anche portarsi fuori i cd con relative aziende e installarselo sui suoi pc! :P :D

X qt riguarda i portatili, intendi dire che sarebbero gli stessi rivenditori a diffondere i codici delle licenze ad essi associati? :o

House: "Vede, tutti pensano che sia un paziente a causa del bastone"
Wilson: "Allora perchè non indossa un camice bianco come tutti noi?"
House: "Perchè altrimenti pensano che sia un medico".
Avatar utente
dado
Utente Senior
 
Post: 16208
Iscritto il: 21/08/01 01:00
Località: La Città dei Sette Assedi

Postdi piercing » 13/03/05 15:28

dado ha scritto:Quello che volevo dire, è che se uno lavora in un'azienda ed è immanicato con i boss, può anche portarsi fuori i cd con relative aziende e installarselo sui suoi pc! :P :D


beh... devono essere aziende di un certo calibro... non credo saranno più di 1000 nel mondo...

dado ha scritto:X qt riguarda i portatili, intendi dire che sarebbero gli stessi rivenditori a diffondere i codici delle licenze ad essi associati? :o

si...

in generale è tutto sparpagliato a partire da questa pagina... http://www.microsoft.com/italy/software ... fault.mspx

allego inoltre un comunicato abbastanza sintetico che mi ha mandato un fornitore...


CAMBIAMENTI NELLA PROCEDURA DI ATTIVAZIONE DEI PRODOTTI


I produttori Direct OEM di Microsoft (ovvero un insieme di aziende multinazionali di grandi dimensioni che hanno sottoscritto un contratto di licenza direttamente con Microsoft) in genere pre-installano il software Windows utilizzando la tecnologia System Lock Preinstall (SLP), la quale permette di attivare il sistema operativo all’atto dell’installazione.

E’ stato accertato che esiste una particolare forma di pirateria rappresentata dall’utilizzo abusivo dei codici Product Key (PK) presenti sui Certificati di Autenticità (Certificate of Authenticity – COA) apposti sui computer dei produttori Direct OEM in cui il software Windows è stato pre-installato utilizzando SLP.
Le modalità con cui avvengono tali utilizzi abusivi possono essere o il furto diretto dei COA o, più semplicemente, la copiatura dei relativi PK. Tali codici PK ottenuti in questo modo dai COA vengono quindi venduti a rivenditori o clienti che li usano per attivare una copia di Windows caricata sul disco rigido.

Per ridurre questa forma di traffico illegale, a partire dallo scorso 1° Marzo, Microsoft non renderà più possibile la loro attivazione via Internet.
Se un cliente o un rivenditore tenterà di attivare un prodotto con un codice PK incluso nell'elenco dei codici "disattivati", la procedura guidata di attivazione richiederà all'utente di contattare telefonicamente un addetto del servizio clienti Microsoft per ottenere assistenza e completare il processo di attivazione.
Gli operatori del call center che ricevono queste chiamate forniranno un codice sostitutivo esclusivamente ai clienti che rispondono correttamente a una serie di domande il cui obiettivo è quello di verificare che l’attivazione del prodotto avviene nel rispetto delle modalità di licenza.

In una prima fase, questi cambiamenti dei criteri di attivazione interesseranno solo i codici PK dei primi 20 Direct OEM. La nuova politica, come detto, è attiva dal 1° Marzo 2005 e sarà oggetto di aggiornamenti nel corso dell'anno che la estenderanno a tutti gli OEM autorizzati a utilizzare la tecnologia SLP.
Il cambiamento interesserà tutti i codici PK di Windows XP già immessi sul mercato dai primi 20 OEM, oltre ai sistemi prodotti in futuro.

QUESTIONS & ANSWERS

Quali sono le conseguenze per i System Builder?
Per i System Builder che acquistano software originale (ad esempio tramite i distributori autorizzati), questi cambiamenti non comportano alcuna conseguenza. Saranno invece interessati da questi cambiamenti i System Builder che hanno eventualmente acquistato certificati COA separati dai relativi componenti.
I System Builder che caricano sul disco rigido del computer una copia di Windows, e quindi la combinano con un certificato COA separato, non potranno più utilizzare l'attivazione via Internet. Se questi System Builder o i loro clienti chiamano il call center per l'attivazione, non verrà fornito loro un codice sostitutivo a meno che non siano l'originale destinatario del certificato COA (ovvero un Direct OEM).

Quali sono le conseguenze per i clienti?
Se si fornisce ai clienti software Microsoft originale, questi cambiamenti non comportano alcuna conseguenza.
I clienti eventualmente in possesso di COA della tipologia suddetta non potranno usarli per attivare, in modalità Internet, il loro sistema operativo Windows XP se questo non è di provenienza da produttori Direct OEM; per l’attivazione di tali prodotti dovranno necessariamente contattare il call center e rispondere alle domande di verifica previste.

Come è possibile ottenere maggiori informazioni in merito al COA?
Il certificato COA è uno strumento che consente ai clienti di stabilire se il software di cui dispongono è originale. NON è una licenza per il software e, quando viene distribuito separatamente dai componenti di cui dimostra l'autenticità, molto probabilmente è stato contraffatto o rubato. La distribuzione di questo tipo di certificati COA è illegale. Visitate l'indirizzo http://www.howtotell.com per visualizzare le immagini dei più recenti certificati COA.

Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Precedente

Torna a Discussioni


Topic correlati a "Microsoft dà una stretta di vite alle licenze...":


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite