Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

La mail di libero nn funziona piu

Discussioni e opinioni costruttive sul mondo dell'informatica.
Per la soluzione di problemi specifici fare riferimento alle sezioni di assistenza!

Moderatori: aurelio37, axelrox

Postdi Frengo78 » 12/11/03 12:45

via mp mi mandi tutti i dati che hai scritto esclusa la password?
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Sponsor
 

Postdi Frengo78 » 12/11/03 12:50

Ce ne sta un altro di questi programmini se vuoi provarlo: http://punto-informatico.it/p.asp?i=45882

Questo ha anche una bella guida illustrata.

Io lo collaudo appena ho tempo
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Postdi Omar » 12/11/03 18:17

:evil: :diavolo: :evil:

Ciao a tutti sono inbestialito non riesco piu ad utilizare il servizio di posta elettronica di libero!!! :diavolo:

il problema e che mi seve per LAVORO tutti i clienti della mia picccola ditta hanno quel recapito e-mail!!! come faccio come faccio :cry:


Ragazzi scusate per lo sfogo! :cry: :cry: :cry:
Omar
Utente Junior
 
Post: 48
Iscritto il: 25/06/03 15:51

Postdi pjfry » 12/11/03 18:37

paghi... se ti serve per lavoro :roll:
Avatar utente
pjfry
Moderatore
 
Post: 8240
Iscritto il: 19/11/02 17:52
Località: terni

Postdi BianConiglio » 12/11/03 18:41

cmq ricorda che puoi accedere alla mail tramite http://www.libero.it
BianConiglio
Utente Senior
 
Post: 4710
Iscritto il: 26/12/01 01:00
Località: Varese / Lugano

Postdi dado » 12/11/03 18:51

pjfry ha scritto:paghi... se ti serve per lavoro :roll:


Oppure, se proprio vuoi, puoi andar online su libero nella tua mailbox e crearti una regola che inoltri la posta che ti arriva lì su un'altra tu email con un altro provider....

House: "Vede, tutti pensano che sia un paziente a causa del bastone"
Wilson: "Allora perchè non indossa un camice bianco come tutti noi?"
House: "Perchè altrimenti pensano che sia un medico".
Avatar utente
dado
Utente Senior
 
Post: 16208
Iscritto il: 21/08/01 01:00
Località: La Città dei Sette Assedi

Postdi pjfry » 12/11/03 19:14

dado ha scritto:
pjfry ha scritto:paghi... se ti serve per lavoro :roll:


Oppure, se proprio vuoi, puoi andar online su libero nella tua mailbox e crearti una regola che inoltri la posta che ti arriva lì su un'altra tu email con un altro provider....

:eeh: ma dai? si può fare? mi sembra positivo...
Avatar utente
pjfry
Moderatore
 
Post: 8240
Iscritto il: 19/11/02 17:52
Località: terni

Postdi h23 » 12/11/03 20:56

dado ha scritto:
pjfry ha scritto:paghi... se ti serve per lavoro :roll:


Oppure, se proprio vuoi, puoi andar online su libero nella tua mailbox e crearti una regola che inoltri la posta che ti arriva lì su un'altra tu email con un altro provider....

A dire il vero non avevo mai pensato a questo metodo...
in effetti credo sia il migliore (sempre dopo che sara' stato inattivato html2pop3 ;) )
"Noctis aeternae chaos, aversa superis regna manesque impios dominunque regni tristis et dominam fide meliore raptam, voce non fausta precor." (Seneca, Medea)
h23
Utente Senior
 
Post: 1349
Iscritto il: 16/12/02 17:30
Località: 404 - file not found

Postdi segugiofan » 12/11/03 21:02

Frengo78 ha scritto:Ce ne sta un altro di questi programmini se vuoi provarlo: http://punto-informatico.it/p.asp?i=45882

Questo ha anche una bella guida illustrata.

Io lo collaudo appena ho tempo


L'ho installato e quando tento di eseguire il file liberopopsd.exe appare il seguente errore:
Liberopopsd ha causato un errore in LIBEROPOPSD.EXE .Liberopopsd verrà chiuso.Giornata off a quanto pare!?
segugiofan
Utente Senior
 
Post: 925
Iscritto il: 05/08/03 19:53

Postdi dado » 13/11/03 00:20

h23 ha scritto:
dado ha scritto:
pjfry ha scritto:paghi... se ti serve per lavoro :roll:


Oppure, se proprio vuoi, puoi andar online su libero nella tua mailbox e crearti una regola che inoltri la posta che ti arriva lì su un'altra tu email con un altro provider....

A dire il vero non avevo mai pensato a questo metodo...
in effetti credo sia il migliore (sempre dopo che sara' stato inattivato html2pop3 ;) )


L'unico difettuccio di qs metodo e che ti inoltra anche la posta spazzatura... ma quella magari si riesce a limitare con qualche filtro...

House: "Vede, tutti pensano che sia un paziente a causa del bastone"
Wilson: "Allora perchè non indossa un camice bianco come tutti noi?"
House: "Perchè altrimenti pensano che sia un medico".
Avatar utente
dado
Utente Senior
 
Post: 16208
Iscritto il: 21/08/01 01:00
Località: La Città dei Sette Assedi

Postdi Frengo78 » 13/11/03 10:08

uhm, mi sa che lascio perdere e faccio come dado perche ieri sera ho avuto problemi pure io anche se mi ci sono dedicato non piu di 5 minuti ad htmltopop3
Knowledge is a weapon
Frengo78
Utente Senior
 
Post: 8985
Iscritto il: 16/07/02 08:41
Località: Torino

Postdi segugiofan » 13/11/03 20:55

Per chi ha Alice e quindi possiede un account aliceposta.it e tin.it ci sarebbe l'opportunità di aggiungere caselle esterne con il primo e l'opzione multipop con il secondo,facendo confluire tutta la posta di libero su uno di questi due account.Però sta di fatto che bisogna sempre accedere alla webmail e quindi tanto vale farlo con libero.
segugiofan
Utente Senior
 
Post: 925
Iscritto il: 05/08/03 19:53

Postdi pjfry » 13/11/03 21:05

non ho provato su alice, ma credevo che il multipop usasse il pop3 e quindi in questo caso niente da fare... invece funziona?
Avatar utente
pjfry
Moderatore
 
Post: 8240
Iscritto il: 19/11/02 17:52
Località: terni

Postdi dado » 13/11/03 21:12

Frengo78 ha scritto:uhm, mi sa che lascio perdere e faccio come dado


Rettifica: come suggerito da dado, visto che libero non è più degna della mia utenza!! :D

House: "Vede, tutti pensano che sia un paziente a causa del bastone"
Wilson: "Allora perchè non indossa un camice bianco come tutti noi?"
House: "Perchè altrimenti pensano che sia un medico".
Avatar utente
dado
Utente Senior
 
Post: 16208
Iscritto il: 21/08/01 01:00
Località: La Città dei Sette Assedi

Postdi segugiofan » 13/11/03 21:13

Secondo quanto dice la guida in linea dovrebbe funzionare..quindi in teoria si...io però non ho ancora provato.In tin.it non si riesce a salvare le impostazioni del nuovo account esterno ed in aliceposta.it si riesce ad aggiungere l'account esterno ma quando tenti di fare un controllo sulle caselle esterne..aspetta..aspetta...ed in posta in arrivo per ora non arriva niente.
segugiofan
Utente Senior
 
Post: 925
Iscritto il: 05/08/03 19:53

Postdi BianConiglio » 14/11/03 00:26

ma da dove setto le regole di posta nella webmail di libero ?
BianConiglio
Utente Senior
 
Post: 4710
Iscritto il: 26/12/01 01:00
Località: Varese / Lugano

commento

Postdi gamptw » 14/11/03 07:48

Frengo78 ha scritto:Non riesco a capire la tua posizione. Da un lato dici che é giusto pagare il dovuto per ottenere un servizio. Poi critichi le scelte di questi anni di libero/wind/infostrada che hanno messo in mutande gli utenti con le sue scelte. Infine dici di avere 672 account gratuiti di libero infostrada per te e i tuoi collaboratori. Sono un po' confuso sulla tua posizione.


Innanzi a tutto ringrazio tutti per la pazienza dimostrata: il mio commento è risultato essere ambiguo. Me ne scuso..stavo per partire e mi sono trovato a scrivere on-line più di quanto avessi pensato. Avrei dovuto rimandare l'eventuale post a quando avessi avuto più tempo per riflettere.
Ma sono tali aspetti, quella della discussione tra persone intelligenti e del continuo aiuto reciproco, fanno sì che io apprezzi da tanto tempo questa "community"; i fora di pc-facile.com non sono un "crogiolo" di persone che casualmente si incontrano sulla rete ma di esseri umani che "sfruttano" tale sistema riuscendo a viverla/sentila (feel) proprio come una delle "vecchie" community": pensieri o problematiche differenti ma massimo rispetto per chiunque.

Tornando al core di quanto da me scritto due dd or sono: tre erano gli aspetti che avevo inserito.
Il mio -disgraziato- personale rapporto con il gruppo "Wind"; Wind e la decisione apportata nei confronti degli utenti di @libero/blu/inwind/iol; la fine dei free accounts ed il nuovo corso degli ISP.
Sul primo la mia linea è stata durissima: la prima volta che avevo ripreso i rapporti con l'Italia (1994 circa) avevo aperto accounts @iol. tali sono rimasti vivi -a pagamento- sino che l'allora Gruppo Infostrada decise di -pur pagando- che mi sarei DOVUTO sorbire il loro pacchetto servizi. Sono aperto ad ogni novità, ma amo decidere io se accettarla o meno. Nei fatti mi era stata imposta. Una volta aderito al Gruppo Infostrada avevo optato per la disgraziatissima (leggendone la sua evoluzione) soluzione "libero&sogno"..et voilà...appena entra Wind come marchio primario ecco che di nuovo fanno il giochetto: se vuoi stare con noi devi pagare/cambiare/piegarti a 90 deg e sottostare ai nostri nuovi cambiamenti di rotta: tutto questo senza quel congruo anticipotemporale che permettesse di trovare una soluzione intelligente al problema. Ora il nuovo giochetto, il peggiore dopo l'acquisizione di iol, poiché chi nn avesse uno spinotto telefonico (nella peggiore delle ipotesi) si è ritrovato a terra. Dopo la scottata di iol, comprendo la frustrazione di chi avesse puntato ad @libero.it come propria mailbox primaria ed ora deve trovare un escamotage per uscirne.
Quindi "wind a morte"...senza dubbio alcuno.

Nei fatti, qualcuno l'ha fatto notare, Libero aveva dato la possibilità a molti del Bel Pese di avvicinarsi all'ICT forte dell'esperienza anglosassose per la quale i servizi a pagamento non riuscivano a divenire capillari, mentre il "gratuito", così come i saldi di fine stagione, attrae api al miele. Una volta riempito l'alveare si passa da un modus operandi democratico ad uno totalitario: ecco cosa ha fatto, con "ben" 13 gg di preavviso, Wind. Ha di nuovo tolto l'etichetta "cliente" apponendone una "sei un oggetto che deve dipendere da me".
Da questa la mia prima frase: se vuoi usufruire di un servizio devi pagarlo: vi sono persone, costi ed un senso morale che impongono questo aspetto. Mi spiace che Wind si sia comportata in questo modo, pioché il servizio che offriva non era male. Quando scrissi dei 672 accounts da me fatti aprire mi riferivo, ovviamente, non a quelli societari (non v'è certo un accounting.dept@libero.it) ma a quelli personali di uomini e donne che, venendo dall'estero e mondo anglosassone, dovevano trovare una veloce soluzione per nondover sfruttare l'intero apparato informatico aziendale a scopi personali (questo aspetto in Italia non è parte integrante dei contratto di lavoro, come invece lo è nei Paesi che per primi hanno beneficiato dell'informatizzazione a larga scala). Ecco perché la scelta di Libero: esulava dai miei "scontri" con i vari Gruppi che vi si sono avvicendati forti dell'esperienza Italica de IOL; permetteva di avere un buon servizio a costi contenuti. Il riscontro negativo si è posto nel modus operandi verso il Cliente. L'ha insultato.
Un tempo me lo sarei aspettato da quella che ora si chiama Telecom, ma incredibilmente, essendo sempre il primo servizio ad assere posto sotto accusa come ex-monopolista del mercato, ha avvisato per un anno intero che la tipologia di servizi sarebbe cambiata. Yahoo.com, Lycos, la "stramaledetta" AOL ed altri "vecchi" della rete hanno fatto la medesima cosa.
Alla fine ho optato di pagare il servizio che mi sembrava migliore e non posso che esserne felice; con la coscienza che provengo da un tempo e da luoghi dove queste problematiche -come end user- erano affrontate quando in Italia un Elaboratore l'avevavo giusto l'IBM Corporation ed alcune grosse Società, non certo l'"uomo della strada".

Quindi..i servizi free sono necessariamente indirizzati a morire in quanto tali: invece di 25 mailboxes ognuno dovrà decidere di usarne 1/2/3/4 a seconda delle proprie esinge pagando un fee: cambierà in positivo l'uso cosciente dei servizi in rete. Nessuno ha mai regalato nulla a nessuno: vige la regola del "do ut des". Ma i "tapini Italiaci" si sono trovati di fronte a soluzioni che altrove erano già state strategicamente pianificate, senza però averne vissuto l'evoluzione.
Io ancora mi stupisco che persone della mia generazione si siano trovate di fronte all'uso dello strumento informatico al momento della tesi di laurea; molti dei miei clienti Italiani sono della PA ed ancora -non parlo di Enti Locali, dove una deficenza (alla latina) e' scusabile- a livello ministeriale si trovano accounts free. L'unione Europea ha posto vincoli alle ammistrazioni italiane che non si erano mai preoccupate di vedere il cittadino se non come una mucca (in Italia si è prima contribuenti, poi cittadini), e porre quindi un dialogo da pari tra PA e Uomini Liberi. Ne è stata improvvisamente costretta lasciando molti basiti poiché priettati da un mondo medio-evale ad uno da terzo millennio, scombinato. La situazione economica contingente non favorisce certo i migliori rapporti tra e verso le istituzioni, che dovrebbero essere primi docenti, e quindi l'utente medio si trova in una situazione che non comprende poichè non ha gli strumenti per leggere tra le righe. Tanto che in italia v'è la nobile arte dell"arrangiarsi" per non essere abbattuti. (V'e stata una lodevole iniziativa, putroppo -per ragioni di costi- solo a livello di WAN, che ha permesso a molti cittadini di Milano e provincia di riuscire a comprendere l'evolversi del mondo ICT, la RCM. Però, appunto, non poteva comprendere un'estenzione territoriale maggiore)
Guardate che tipo sensazioni ha un Italiano nei confronti del proprio Stato (mi aveva molto colpito le prime volte che cominciavo a lavorare con Società Italine ma tutt'ora persiste): se ti arriva una lettera da parte del Ministero delle Finanze già ti accasci perché sei sicuro di aver comesso qualche errore e ti vedi ammanettato: poi apri e scopri che ti ringraziano poichè i versamenti effettuati sono regolari (intanto hai perso 10 anni di vita); sulla guida: le misure preventive (cinture, mobiles senza cuffia, fari accesi, telecamere et similia) sono interpretate putroppo da entrambe le parti come sistemi di punizione; portatele nel settore ICT e vedrete che l'atteggiamento è non è diverso.

Btw, vado a chiudere poiché rischio di andare ben oltre l'OT, sperando di non aver recato offesa ad alcuno ed avendo almeno chiarito quanto da me scritto in precedenza.

un caro saluto
Fubar!
gamptw
Utente Senior
 
Post: 283
Iscritto il: 21/02/02 15:35
Località: Milano

Postdi ivo » 14/11/03 12:08

prevedendo tutte queste porkerie per tempo . . . :mmmh:
mi sono fatto fare da un mio amico la casella di posta: ivo chiocciola intermidia dot org :o
gratuita :lol:
riceve un kasino di mega :eeh:
non so quanti per l'esattezza, ma in una sola mail mi sono già arrivati 30 mb e li ho scaricati comodamente. :D

(indirizzo email editato dal moderatore per proteggerlo dallo spam)
Immagine
Avatar utente
ivo
Utente Senior
 
Post: 1134
Iscritto il: 20/08/01 01:00
Località: Treviso

Postdi Mikizo » 14/11/03 12:53

@ivo:
ora che hai postato l'indirizzo in chiaro, vedrai quanti mega in più ti arriveranno! ;) :aaah
Avatar utente
Mikizo
Download Admin
 
Post: 8517
Iscritto il: 05/01/02 01:00
Località: Outside

Postdi ivo » 14/11/03 16:56

cavoli ! basta così poco per rivere e-mail di spam
non sono un esperto sulla sicurezza.
Immagine
Avatar utente
ivo
Utente Senior
 
Post: 1134
Iscritto il: 20/08/01 01:00
Località: Treviso

PrecedenteProssimo

Torna a Discussioni


Topic correlati a "La mail di libero nn funziona piu":


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti