Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Partizione "Data" riservata a Linux [RISOLTO]

Per tutti i tuoi problemi Linux entra qui e risolvili!

Moderatori: gunter, zendune

Partizione "Data" riservata a Linux [RISOLTO]

Postdi usag » 13/08/10 23:46

Ciao a tutti,
so bene che ho scelto il momento meno opportuno per chiedere aiuto on line ma non c'è problema, tanto non ho particolarmente fretta.
Io ho un pc Amd Athlon 64 con su 2 sistemi operativi: Xp e Ubuntu 10.04; inoltre ho già preparato altre 2 partizioni (già formattate in ext4 ma vuote), una per quando uscirà la prossima versione stable di Debian e l'altra su cui ho intenzione di installarci un'altra distribuzione, entrambe da 5 GB l'una (purtroppo l'hdd è quasi pieno e ho dovuto adattarlo così). Stasera ho voluto provare a "scindere" la partizione relativa ai "Dati" (tutta in Ntfs, da 80 GB, sulla quale condivido materiale di Linux e Windows); la scissione consiste nel dedicare 10 GB di questa partizione a materiale da tenere "nascosto" a chi usa Windows (impedirne l'accesso se non esclusivamente con Linux, siam più di un utente ad accedere alla macchina tuttavia io sono l'unico che usa Linux, gli altri usano Windows).
Allora ho pensato bene di creare questa mini-partizione da 10 GB, formattandola in ext2 come partizione logica in modo da renderla invisibile a Windows; tutto va per il meglio, vien montata e smontata regolarmente, etc. tuttavia è inutilizzabile; ho provato a memorizzarci sopra alcuni file di testo ma me lo impedisce, dicendo che non ha i permessi necessari. Allora ho aperto il file etc/fstab e dopo aver creato la directory col comando mkdir, mi son fermato prima di danneggiare qualcosa (ho un brutto ricordo con Opensuse che mi eliminò in un secondo un'intera partizione senza neanche che me ne accorgessi, perdendo 60 GB di materiale). Mi son bloccato qui perché ho visto che il file fstab è cambiato radicalmente rispetto a poco tempo fa (con Debian era tutto molto più chiaro, aggiungevo e toglievo tutti i filesystem che volevo), ma qui non ci capisco un granché e le guide su Internet son molto generiche e vaghe. Chiedo aiuto a voi perché altrimenti son sicuro che se vado avanti "per tentativi", salta qualche partizione e stavolta sarebbe un disastro sul serio.
Praticamente ciò che vorrei è poter utilizzare questa nuova partizione come "Data" ESCLUSIVAMENTE per Linux.
Grazie in anticipo per le risposte e buon ferragosto ;).
usag
Utente Senior
 
Post: 246
Iscritto il: 15/08/07 16:20

Sponsor
 

Re: Partizione "Data" riservata a Linux

Postdi gunter » 14/08/10 19:03

Mah...i permessi si risolvono mettendo l'opzione "uid=" al numero del tuo user ( per sapere la tua matricola digita id in un terminale), per quanto riguarda il file /etc/fstab non vedendolo non so cosa ti confonde... ;)
Avatar utente
gunter
Moderatore
 
Post: 3629
Iscritto il: 07/06/06 18:28
Località: Rovereto (tn)

Re: Partizione "Data" riservata a Linux

Postdi usag » 18/08/10 21:54

Ciao,

scusa il ritardo nella risposta ma ho avuto dei problemi col pc in questi giorni e ho potuto connettermi solo ora.
Allora, ho risolto in giornata con questa procedura:

dopo aver creato la partizione (10 GB) "prelevandola" dalla partizione "Dati" di Windows, e formattandola quindi in ext3, ho identificato l'UUID del volume da utilizzare (/dev/sda10, nel mio caso):

sudo blkid /dev/sda10

dopodiché ho creato il punto di mount del volume:

sudo mkdir /media/punto_di_mount

e dopo aver editato il file etc/fstab (gedit /etc/fstab), ho aggiunto la riga:

UUID=.... /media/punto_di_mount ext3 rw,suid,exec,noauto,nouser 0 0

dove al posto dei puntini, si deve inserire il numero che restituisce il comando sudo blkid /dev/sda10.

Quest'impostazione è un po' "personalizzata", nel senso che io l'ho voluta così, in modo da esser costretto a montare il volume ESCLUSIVAMENTE da terminale (quindi da root), attraverso il parametro nouser.
Il parametro noauto, invece, impedisce il montaggio in automatico del volume all'avvio del sistema operativo; 2 piccole "accortezze" che aumentano (seppur di pochissimo) il livello di sicurezza, se vogliamo. Modificando poi i permessi, come ho fatto io, possiamo anche andare a rendere praticamente invisibile a tutti, tranne al super utente ovviamente (anche sul desktop), la presenza del volume, quando è montato, e di conseguenza tutte le operazioni ad esso inerenti (lettura, scrittura, etc...) attraverso il classico comando:

chmod 700 -R /media/punto_di_mount

quindi, per operare sul volume, possiam farlo ESCLUSIVAMENTE da root, sicurezza non da poco.

Se invece si vuole operare con la procedura classica, sostituiremo il blocco rw,suid,exec,noauto,nouser inserendo il parametro defaults.

Infine andremo a montare il volume:

sudo mount -a.

Spero che questo post possa aiutare eventuali "malcapitati" che si troveranno nel solito problema ;).
Grazie :!:.
usag
Utente Senior
 
Post: 246
Iscritto il: 15/08/07 16:20

Re: Partizione "Data" riservata a Linux

Postdi gunter » 18/08/10 23:29

Grazie a te! ;)
Avatar utente
gunter
Moderatore
 
Post: 3629
Iscritto il: 07/06/06 18:28
Località: Rovereto (tn)


Torna a Software Linux


Topic correlati a "Partizione "Data" riservata a Linux [RISOLTO]":

audio audacity su linux
Autore: beppino
Forum: Software Linux
Risposte: 2

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti