Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...

Forum in cui potersi conoscere parlando di argomenti non legati all'informatica. Se siete qui per le prima volta e non conoscete ancora nessuno allora presentatevi e facciamo quattro chiacchiere.

Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...

Postdi nippon » 23/11/22 09:35

Buongiorno a tutti. :)

Considerata la natura di questo forum, non so se è il luogo più adatto per un quesito di questo tipo, però ci provo lo stesso... :D

Siccome viviamo in una località che sa essere umida quando vuole, abbiamo comprato alcune lampade di sale, che effettivamente un po' hanno migliorato la qualità, trovandole bagnate quando l'aria è particolarmente umida, e potendole asciugare tramite la loro lampadina una volta accese.

Su internet abbiamo però visto che c'è anche un rimedio casalingo, usando una bottiglia tagliata a metà, con la metà superiore che contiene del sale, e che viene rovesciata in quella inferiore: in questo modo il sale cattura l'umidità, e questa, tramite dei fori nel tappo, scende nella metà sottostante.
Abbiamo iniziato questo esperimento da qualche giorno, solo che il sale è effettivamente umido, ma la metà inferiore della bottiglia resta vuota.
Per chi si intende di leggi della fisica :D come dobbiamo interpretare questa cosa?
In pratica, se il sale la mattina è umido, e lo è anche la mattina successiva, ma sotto non si forma mai l'acqua, vuol dire che il sale non si è "saturato", e quindi non è necessario asciugarlo? (Cosa che alcuni consigliavano di fare periodicamente tramite forno normale o a microonde, per simulare quello che fanno le lampadine nelle lampade di sale...).
Oppure è sempre lo stessa umidità, e quindi il sale non riesce ad asciugarsi? Ma se così fosse, e qualora nell'aria ci fosse ancora umidità, perché questa non verrebbe catturata, facendo cadere la precedente umidità nella metà inferiore della bottiglia?
Oppure ancora l'umidità non è così tanta, e quindi, mentre di notte viene catturata, di giorno viene poi rilasciata, mantenendo l'ambiente al corretto tasso d'umidità?

Non v'ammorbo con altre ipotesi che vado a formulare :D ed attendo i vostri pareri ;)
CIAO A TUTTI E GRAZIE A TUTTI QUELLI CHE MI PRENDERANNO IN CONSIDERAZIONE! :)
Avatar utente
nippon
Utente Senior
 
Post: 812
Iscritto il: 22/04/07 15:19

Sponsor
 

Re: Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...

Postdi Dylan666 » 23/11/22 09:52

Domanda per assoluta curiosità: ma se le lampade di sale le accendi e fai "asciugare" nelle stesse stanze in cui hanno catturato l'umidità, non stai rimettendo in circolo l'acqua?

Detto questo io utilizzo prodotti come questo, sicuramente meno "naturali" ma la vaschetta si riempe puntualmente con l'acqua raccolta trasformata però in un gel blu, che suppongo serva anche a evitarne la ri-evaporazione

https://www.amazon.it/ARIASANA-Assorbiu ... 01DC1O982/
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 39539
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Re: Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...

Postdi nippon » 23/11/22 10:10

Ciao Dylan666. :)

Allora...

Dylan666 ha scritto:Domanda per assoluta curiosità: ma se le lampade di sale le accendi e fai "asciugare" nelle stesse stanze in cui hanno catturato l'umidità, non stai rimettendo in circolo l'acqua?

...E per questo cercavo l'esperto. :D
In realtà mi domando la stessa cosa anch'io... :-?
Facendo un ragionamento da profano dell'argomento, se il sale è umido, e poi col tempo vedi che è asciutto, probabilmente l'ambiente esterno è più secco del sale "umidificato", e quindi l'umidità è stata rilasciata (il che non è detto sia un male, visto che per la salute l'aria non dev'essere proprio secca).
Nel caso delle lampade di sale, invece, interviene il calore della lampadina. In quel caso non ti so dire se il calore semplicemente "spinge" via l'umidità dalla lampada, rimettendolo in circolo, oppure lo asciuga facendolo sparire.

Dylan666 ha scritto:Detto questo io utilizzo prodotti come questo, sicuramente meno "naturali" ma la vaschetta si riempe puntualmente con l'acqua raccolta trasformata però in un gel blu, che suppongo serva anche a evitarne la ri-evaporazione

https://www.amazon.it/ARIASANA-Assorbiu ... 01DC1O982/


Quello l'anno scorso lo utilizzavamo anche noi, ed il liquido blu si formava. :)
L'idea, sia per motivi economici che ambientali, era però un sistema fai da te come quello che avevo descritto.
Il discorso però era praticamente per capire se stavamo facendo la cosa correttamente, oppure se c'è qualcosa che per ignoranza sull'argomento ci sta sfuggendo... ;)
CIAO A TUTTI E GRAZIE A TUTTI QUELLI CHE MI PRENDERANNO IN CONSIDERAZIONE! :)
Avatar utente
nippon
Utente Senior
 
Post: 812
Iscritto il: 22/04/07 15:19

Re: Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...

Postdi Dylan666 » 23/11/22 15:50

nippon ha scritto:Nel caso delle lampade di sale, invece, interviene il calore della lampadina. In quel caso non ti so dire se il calore semplicemente "spinge" via l'umidità dalla lampada, rimettendolo in circolo, oppure lo asciuga facendolo sparire.

Qui sono le leggi della fisica che ci vengono in aiuto :)
L'acqua non può essere "andata via", da qualche parte deve stare.
Il calore la fa semplicemente ri-evaporare, quindi la stai rimettendo in circolo esattamente da dove l'hai presa (a meno che tu non faccia l'operazione in giardino ad esempio, o cambi metodo e ne asciughi la superficie con un panno che strizzi nel lavandino).
Anche "asciugare" qualcosa nel microonde non fa altro che far riuscire l'acqua e farlo attaccare nelle pareti del forno sotto forma di goccioline (e poi vai sempre di panno e lavandino) o farlo uscire sotto forma di vapore quando apri lo sportello o ne tiri fuori il contenuto "fumante".

Ma allora la domanda è: non è che l’efficienza di un de-umidificatore elettrico è maggiore della lampadina della lampada di sale o del microonde per asciugare? Perché a occhio puoi lasciare il sale quanto ti pare ma non assorbirà mai l'acqua tanto velocemente quanto gli altri metodi. Sarà pure ecologico ma secondo me non è "veloce" quanto il riformarsi dell'umidità stessa (calcolando che una casa non è un ambiente "stagno").

Ovviamente è una idea personale, sarebbe da fare una misurazione con un igrometro, che poi non costa nemmeno tanto:
https://www.amazon.it/igrometro/s?k=igrometro
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 39539
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Re: Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...

Postdi m.paolo » 23/11/22 16:57

Se hai umidità in casa, c'è poco da fare. Non sarà ecologico e costerà ma con un deudimificatore elettrico i risultati si hanno, anche con ambienti molto umidi. Diversamente ... ho forti dubbi.
m.paolo
Moderatore
 
Post: 3857
Iscritto il: 11/11/06 22:34

Re: Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...

Postdi nippon » 24/11/22 08:22

Dylan666 ha scritto:Il calore la fa semplicemente ri-evaporare, quindi la stai rimettendo in circolo esattamente da dove l'hai presa (a meno che tu non faccia l'operazione in giardino ad esempio, o cambi metodo e ne asciughi la superficie con un panno che strizzi nel lavandino).

...E infatti, nella mia ignoranza sopracitata :D l'idea che m'ero fatto è che l'unica soluzione scientificamente inoppugnabile, è avere tipo un climatizzatore (che l'acqua te la "urina" :D fuori dell'ambiente), oppure un deumidificatore (che l'acqua la raccoglie in una vaschetta (che poi svuoti e quindi elimini dall'ambiente).

Però, la cosa che non capisco è: il sale che abbiamo nelle bottiglie preparate si sente che è umido a volte di più ed a volte di meno, ma nel contenitore sottostante non ci va. Questo vuol dire che l'umidità dovrebbe essere la stessa nella casa (per quanto in "forme" diverse)? Se così fosse, come scritto all'inizio non dovrebbe essere un grosso problema, in quanto un ambiente non dovrebbe essere totalmente secco per essere salubre. Inoltre, non andandoci mai, vorrebbe dire che l'ambiente è sì umido, ma non eccessivamente?

m.paolo ha scritto:Se hai umidità in casa, c'è poco da fare. Non sarà ecologico e costerà ma con un deudimificatore elettrico i risultati si hanno, anche con ambienti molto umidi. Diversamente ... ho forti dubbi.


...Che è un po' quello che dice Dylan666 alla fine...
In pratica i rimedi casalinghi, in questo caso, sono efficaci, ma per ovvi motivi molto meno di altri che "forzano" la situazione ;)
CIAO A TUTTI E GRAZIE A TUTTI QUELLI CHE MI PRENDERANNO IN CONSIDERAZIONE! :)
Avatar utente
nippon
Utente Senior
 
Post: 812
Iscritto il: 22/04/07 15:19

Re: Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...

Postdi nippon » 24/11/22 08:24

Dylan666 ha scritto:Ovviamente è una idea personale, sarebbe da fare una misurazione con un igrometro, che poi non costa nemmeno tanto:
https://www.amazon.it/igrometro/s?k=igrometro


Ah! M'ero dimenticato infatti di chiedere questa cosa prima (per non fare un post in più...).

Qual è il tasso d'umidità ideale in una casa?
Perché potrei sì prendere un igrometro (effettivamente ci stavo già pensando prima d'aprire il topic), e capire così se è necessario "asciugare" l'ambiente.

Nel caso qualcuno sa dove sarebbe opportuno metterlo (o quanti ne servirebbero eventualmente, considerato che gli ambienti di casa sono diversi tra loro...)? ;)
CIAO A TUTTI E GRAZIE A TUTTI QUELLI CHE MI PRENDERANNO IN CONSIDERAZIONE! :)
Avatar utente
nippon
Utente Senior
 
Post: 812
Iscritto il: 22/04/07 15:19

Re: Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...

Postdi Dylan666 » 24/11/22 12:47

Non so rispondere in maniera tecnica alle due domande.
Per la seconda posso solo dire gli gli igrometri costano così poco che li trovo spesso in confezioni da 3, ed effettivamente non credo che misurare una sola zona come media di case sarebbe utile, meglio prendere in considerazione ogni locale singolarmente (anche perché l’orientamento, l'esposizione al sole e l'uso potrebbero cambiare i valori rilevati di molto).

Sul valore ottimale da "rincorrere" ho cercato documentazione sul web per curiosità, ma trovo solo siti di chi vende appunto sistemi anti-umidità o anti-muffa e i valori riportati mi sembrano veramente assurdi, tipo questo:
https://www.guidaconsumatore.com/casa/r ... _casa.html

L'unico articolo che sottolinea il paradosso delle cifre di questi testi copia-incollati è questo, ma viene sempre da un sito del settore
https://www.muriumidi.info/umidita-idea ... ma-ideale/

Ma non prendere le mie parole come quelle di un esperto... anzi!
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 39539
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Re: Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...

Postdi nippon » 24/11/22 15:26

Dylan666 ha scritto:Non so rispondere in maniera tecnica alle due domande.
Per la seconda posso solo dire gli gli igrometri costano così poco che li trovo spesso in confezioni da 3, ed effettivamente non credo che misurare una sola zona come media di case sarebbe utile, meglio prendere in considerazione ogni locale singolarmente (anche perché l’orientamento, l'esposizione al sole e l'uso potrebbero cambiare i valori rilevati di molto).


Diciamo che anche con uno solo, leggendo nelle specifiche dei vari igrometri che sono sul sito, hanno un ricalcolo d'una decina di secondi. Basterebbe perciò portarselo eventualmente in giro, ed aspettare pochissimo tempo... :D

Sui valori d'umidità, al di là di quello che è scritto in giro, mi pare d'aver capito che tendenzialmente dovrebbe essere all'incirca intorno al 50% più o meno... ;)
CIAO A TUTTI E GRAZIE A TUTTI QUELLI CHE MI PRENDERANNO IN CONSIDERAZIONE! :)
Avatar utente
nippon
Utente Senior
 
Post: 812
Iscritto il: 22/04/07 15:19


Torna a Forum off-topic


Topic correlati a "Consiglio su deumidificatori "fatti in casa"...":


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti