Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Lo "Standard della comunità" di Facebook è ok?

Forum in cui potersi conoscere parlando di argomenti non legati all'informatica. Se siete qui per le prima volta e non conoscete ancora nessuno allora presentatevi e facciamo quattro chiacchiere.

Lo "Standard della comunità" di Facebook è ok?

Postdi Flash30005 » 13/11/16 16:42

Apro questo topic che reputo di una certa importanza (per via del tipo di utilizzo e del target che utilizza questo social)
e chiedo a tutti gli utenti di dare una risposta inerente al titolo del topic
Considerando ciò che Facebook considera "standard" accettando di pubblicare immagini, video, post etc ed elimina immagini, video, post e con essi disabilita arbitrariamente gli account (senza né preavviso e senza contattare privatamente e/o tramite possibilità colloquio verbale con l'utente), lo considerate un'azione democratica o "viziata"?
Flash
Win7 + Office 2010 Ita
"Fotografica" al servizio dell'immagine
Avatar utente
Flash30005
Moderatore
 
Post: 8483
Iscritto il: 27/09/07 11:44
Località: Roma +o-

Sponsor
 

Re: Lo "Standard della comunità" di Facebook è ok?

Postdi Flash30005 » 20/11/16 03:17

Altro "Standard della comunità" è considerata la pubblicazione di stralci di chat privata tra due utenti e uno dei due decide di effettuare uno screenshot (immagine dello schermo) della conversazione e pubblicarlo nel social su proprio diario o su pagine/gruppi ai quali fa parte rendendo pubblica, quindi, parte della conversazione all'insaputa del proprio interlocutore.

Ma la legge sulla privacy non regolamenta anche questi messaggi oltre alle immagini, registrazioni vocali e video?
Flash
Win7 + Office 2010 Ita
"Fotografica" al servizio dell'immagine
Avatar utente
Flash30005
Moderatore
 
Post: 8483
Iscritto il: 27/09/07 11:44
Località: Roma +o-

Re: Lo "Standard della comunità" di Facebook è ok?

Postdi il_Bandito » 20/01/17 11:48

Interessante post. Anche perchè, lavorando da 23 anni in agenzia di comunicazione, ho avuto modo di seguire tutti i media...ed i social in particolar modo.

Una cosa mi viene da dire: se io decido di iscrivermi ad un sito, social o altro, quello che devo fare in primis è leggere tutte le policy e l'utilizzo dei copyright. Su questo Facebook è sempre stato palese: "dal momento che decidi di postare qualcosa, mi cedi i diritti di utilizzo ed io posso usare i tuoi contenuti come materiale promo pubblicitario".

Ora. Che uno possa accettare o meno queste condizioni è libero di farlo (in quanto con l'iscrizione le accetti"...quindi il ragionamento va fatto a priori.

Non dimentichiamoci che basta una segnalazione a volte per bloccare/bannare/mettere un fermo ad un account: mobbing, fastidiose richiese, linguaggio volgare...

Come per molte attività, ci si deve riferire non tanto alla legge nel paese di registrazione bensì alla legge in vigore dove l'azienda/sito ha sede legale.

Tant'è che numerose segnalazioni che feci anni fa alla Polizia Postale per siti che proponevano materiale pedo pornografico NON ebbero alcun riscontro:" ci hanno già segnalato in tanti il sito http://www.xxxxxxx.xx ma non possiamo far niente in quanto la nostra giurisdizione arriva fino ad un certo punto".

Altra assurdità (in quanto accoglo e sostengo i dubbi di Flash) made in Italy: se tu azienda vuoi andare in fiera, l'ente organizzatore ti fa sottoscrivere un contratto. Pagamento anticipato e...dulcis in fundo...l'ente potrebbe cambiare senza alcun preavviso al cliente, l'area fieristica o stand che essa ha fermato, prenotato e pagato.

Flash30005 ha scritto:...Ma la legge sulla privacy non regolamenta anche questi messaggi oltre alle immagini, registrazioni vocali e video?


Certamente: io per legge posso fotografare o riprendere chiunque. MA...non posso rendere visibile ad un pubblico, quanto ho realizzato senza l'accettazione per iscritto dei soggetti riconoscibili.

Quindi, se io mi vedessi pubblicato da qualche parte senza avere dato/firmato per iscritto il mio acconsentimento, potrei tranquillamente cominciare una causa. (con i tempi ed i costi all'italiana).

Cosa differente per coloro che invece sono definiti come "personaggi pubblici".

Ma dal momento che io condivida, quoti, riporti un post (anche di questo forum) dando soluzioni...in teoria potrei, in quel momento, violare il copywright di qualcuno tra voi.
il_Bandito
Newbie
 
Post: 4
Iscritto il: 18/01/17 14:27


Torna a Forum off-topic


Topic correlati a "Lo "Standard della comunità" di Facebook è ok?":


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti