Valutazione 4.87/ 5 (100.00%) 5838 voti

Condividi:        

Hard Disk uno con SMART impazzito e uno con temperatura alta

Se il modem non funziona, hai problemi con la scheda video o non sai che processore scegliere entra qui!!

Moderatore: Caffey

Hard Disk uno con SMART impazzito e uno con temperatura alta

Postdi Dylan666 » 01/09/05 20:27

Allora, prima che impazzisco vediamo se riuscite a darmi una mano. Ho comprato da poco un Maxtor da 80 GB che ho montato come primaryslave sotto a un Maxtor da 40 Gb coi 2 sistemi operativi. A un certo punto tocco il nuovo hard disk e lo sento caldo: non mi sono mai posto il problema delle temperature dei dischi, dato che con la utility della AUSUS sapevo che quelle della CPU e del case erano buone.

Il risultato risulta essere questo, usando come programma HDD Health:
Del secondo hard Disk el Extended Info sono:

Start/Stop Count (Power on count) 3 times
Reallocated Sectors Count 0 sectors
Power-On Hours 5004 minuties (hours)
Device Power Cycle Count 34 times
Temperature 46 °C
Reallocation Event Count 0 events
Current Pending Sector Count (Unstable sectors) 0 sectors
Uncorrectable Sector Count 0 sectors
UltraDMA CRC Error Count (total) 0 errors
Write Error Rate (Multi Zone Error Rate) 0


La temperatura è ok, ma lo smart è questo:

C2 Temperature 253 0 253
C9 TA Counter Detected 253 0 252 +1
CA TA Counter Increased 253 0 252 +1
CB (Unknown attribute... 253 180 252 +1
CC (Unknown attribute... 253 0 252 +1
CD (Unknown attribute... 253 0 252 +1
CF (Unknown attribute) 252 0 252
D0 (Unknown attribute) 252 0 252
D1 (Unknown attribute... 06/10/20... 187 0 187 -66
63 (Unknown attribute) 253 0 253


Tutti i valori a 253 (!?!?!) e alcuni Inc con +1

Questo è invece il vecchio hard disk da 40 Gb

Start/Stop Count (Power on count) 2599 times
Reallocated Sectors Count 0 sectors
Power-On Hours 7316 minuties (hours)
Device Power Cycle Count 2237 times

Temperature 62 °C
Reallocation Event Count 0 events
Current Pending Sector Count (Unstable sectors) 0 sectors
Uncorrectable Sector Count 0 sectors
UltraDMA CRC Error Count (total) 1 errors



01 Raw Read Error Rate 100 20 253
03 Spin Up Time 81 20 80 +1
04 Start/Stop Count 97 8 97
05 Reallocated Sector Count 100 20 100
07 Seek Error Rate 100 23 100
09 Power On Hours Count 89 1 89
0A Spin Retry Count 100 0 100
0B Calibration Retry Count 100 20 100
0C Power Cycle Count 97 8 97
0D Soft Read Error Rate 100 23 100
C2 Temperature 76 42 75 -2
C3 Hardware ECC recovered 100 0 100
C4 Reallocation Event Cou... 100 20 253

C5 Current Pending Secto... 100 20 100
C6 Off-line Scan Uncorrec... 100 0 253


Dal calore dovrebbe essere fuso! :eeh: Eppure non ho problemi, lo uso da 3 anni e per HDD Health per entrambi i dischi...

There are no known problems with this hard drive.

Voi che dite? Io nel dubbio ho preso una ventola case...
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Sponsor
 

Postdi GAD » 01/09/05 23:21

Io mi fido poco di sti report, sui miei pc ho visto che le componenti scaldano parecchio appoggiando la manona ma tutti i software di monitoraggio danno valori sballati piu' la temperatura sale(asus probe poi sballa di brutto per la cpu).
Anche i miei hd maxtor danno sempre temperature sui 55° eppure mai avuto un problema pur stando accesi tutto il giorno.
Se metti gli hd con uno slot libero in mezzo e' meglio cosi' c'e' piu' ventilazione, ancora meglio se metti la ventola che dici o un dissipatore per hd....pero' personalmente ho perso molta fiducia nei programmi di monitoraggio. O gli hd sono cosi' elastici e fatti bene che pur lavorando a temperature altissime non si rompono oppure il sensore della temperatura sui maxtor e' posto in un area particolarmente calda ma molto resistente...
Se ad esempio fosse posto vicino ad un chip che lavora a 60° e resiste fino a 70° ti segnalerebbe il problema rilevando appunto 60°....il componente pero' non subirebbe danni (si deteriora a 70°) e probabilmente i reali dischi rimanendo all'interno ben isolati e al di sotto della temperatura che rilevi.
In pratica e' come rilevare la temperatura di una stanza appoggiando il termometro direttamente sul termo.
Quando l'ultimo albero sarà abbattuto,l'ultimo pesce catturato,l'ultimo fiume avvelenato,
soltanto allora gli uomini si accorgeranno chei soldi non possono essere mangiati
GAD
Moderatore
 
Post: 2184
Iscritto il: 22/09/02 14:36
Località: Nebbiosa

Postdi Dylan666 » 01/09/05 23:30

GAD ha scritto:Se metti gli hd con uno slot libero in mezzo e' meglio cosi' c'e' piu' ventilazione, ancora meglio se metti la ventola che dici o un dissipatore per hd....


Ci avevo pensato ma lo spazio di manovra è molto ridotto. Ora vediamo se con la ventola in basso (quella che aspira aria fredda) cambia qualcosa, poi deciderò che fare.

Ma per i dati SMART? Come si leggono? C'è da fidarsi di quelli?
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Postdi GAD » 02/09/05 09:05

Non so come si leggono, pero' cercando su google ho visto che ci sono parecchie pagine in cui il valore 253 0 253 e giu' di li' viene tirato in ballo ma non c'e' nessuna risposta valida.
Tanto per vedere se cambia prova a smontare l'hd dal case e tienilo volante appoggiato sul tavolo all'esterno del case. Stando all'esterno dovrebbe rimanere a temperature piu' basse, almeno riesci a vedere se i valori effettivamente calano.
Mi pare che la maxtor abbia anche fatto utility proprietarie per riflashiare il firmware e per monitorare gli hd, prova a cercare sul loro sito l'util e poi confrontala col report di hddhealth e di everest
Quando l'ultimo albero sarà abbattuto,l'ultimo pesce catturato,l'ultimo fiume avvelenato,
soltanto allora gli uomini si accorgeranno chei soldi non possono essere mangiati
GAD
Moderatore
 
Post: 2184
Iscritto il: 22/09/02 14:36
Località: Nebbiosa

Postdi garet74 » 02/09/05 19:36

sul mio hard disk ci puoi friggere un bell' ovetto :) nn mi preoccuperei troppo..a meno di nn avere un alimentatore sottodimensionato(data l'aggiunta del nuovo hardware)che magari nn alimenta bene..ma se sei a posto anche con quello...i software che controllano le temperature nn lo so se sono affidabili..se sono progettati per misurare le temperature apposta per quel disco allora probabilmente si..in caso contrario nn so...cmq sec me se i valori sono troppo sballati ce' qualcosa che nn quadra nel software..metti ventole che girano piano(fanno un rumore infernale) ;)
garet74
Utente Senior
 
Post: 970
Iscritto il: 28/07/03 20:01

Postdi GAD » 02/09/05 20:27

Ci avevo pensato ma lo spazio di manovra è molto ridotto

Mi e' venuto in mente che avevo il problema pure io. Non so che tipo di case abbia tu ma io ho tisolto comprando una slitta da 3,5" a parte e poi l'ho fissata con dei rivetti nella parte bassa anteriore (verso la faccia del case) in modo che la nuova slitta stia sotto quella dove si trovano normalmente gli hd... dove di solito si mette il beeper\buzzer per intenderci.
Buona soluzione perche' essendo pure piu' bassa puoi montare un ventolone tipo i case aerocool e cmq (aria a parte) la slitta stessa a contatto col pianale del case fa già un po' da dissipatore
Quando l'ultimo albero sarà abbattuto,l'ultimo pesce catturato,l'ultimo fiume avvelenato,
soltanto allora gli uomini si accorgeranno chei soldi non possono essere mangiati
GAD
Moderatore
 
Post: 2184
Iscritto il: 22/09/02 14:36
Località: Nebbiosa

Postdi Dylan666 » 04/09/05 15:10

Nuove temperature dopo aver montato la ventola con dimensioni 90x90x25 mm nella parte bassa del case (posizione standard, l'alloggiamento era vuoto perché avevo solo quella dell'alimentatore, in alto) in modo che soffi l'aria dall'esterno verso l'interno.

Riporto le misurazioni di HHD Health della schermata "Extended Info":

Hard Disk Maxtor ATA primari master da 40 GB: 66°
Hard Disk Maxtor ATA primari master da 80 GB: 51°

Sono entrambe salite di 5° :eeh:
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Postdi Dylan666 » 04/09/05 15:11

Piccola correzione:

Dylan666 ha scritto:Riporto le misurazioni di HHD Health della schermata "Extended Info":

Hard Disk Maxtor ATA primary master da 40 GB: 66°
Hard Disk Maxtor ATA primary slave da 80 GB: 51°

Sono entrambe salite di 5° :eeh:
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Postdi piercing » 04/09/05 15:17

ma da bios gli hai attivato lo smart??? non sempre è attivo di default (a dire il vero quasi mai).
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Postdi Dylan666 » 04/09/05 15:30

Vero, erano disattivati, ma ora che li ho messi ho le stesse identiche schermate. Premettendo che non so HDD prenda le "Extended Info" questo è quello che mi continua a dire con i dato SMART:

Maxtor 40 GB:
D=C2 | Nam =Temperature | T.E.C=(vuoto) | Value= 74 Threshold=42 | Worts=74 | Inc= -4 (scritto in rosso)

Maxtor 80 GB:
ID=C2 | Nam =Temperature | T.E.C=(vuoto) | Value= 253 Threshold=0 | Worts=253 | Inc=(vuoto)

Se vado con Aida32 mi dice che tutti i valori sono nomrmali e sempre riusciti...
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Postdi Dylan666 » 04/09/05 15:41

Dylan666 ha scritto:Se vado con Aida32 mi dice che tutti i valori sono nomrmali e sempre riusciti...

Ecco quello che intendevo:



Codice: Seleziona tutto
--------[ SMART ]-------------------------------------------------------------------------------------------------------

  [ MAXTOR 6L040J2 (362215724342) ]

ID  | Descrizione attributo          | Limite | Valore | Peggiore | Dati | Stato
    01  Raw Read Error Rate                  20   100  253           0  OK: il valore è normale
    03  Spin Up Time                         20   80   80         2527  OK: il valore è normale
    04  Start/Stop Count                     8    97   97         2607  OK: il valore è normale
    05  Reallocated Sector Count             20   100  100           0  OK: il valore è normale
    07  Seek Error Rate                      23   100  100           0  OK: il valore è normale
    09  Power-On Time Count                  1    89   89         7340  OK: il valore è normale
    0A  Spin Retry Count                     0    100  100           0  OK: sempre riuscito
    0B  Calibration Retry Count              20   100  100           0  OK: il valore è normale
    0C  Power Cycle Count                    8    97   97         2245  OK: il valore è normale
    0D  Soft Read Error Rate                 23   100  100           0  OK: il valore è normale
    C2  Temperature                          42   75   74           66  OK: il valore è normale
    C3  Hardware ECC Recovered               0    100  100        7938  OK: sempre riuscito
    C4  Reallocation Event Count             20   100  253           0  OK: il valore è normale
    C5  Current Pending Sector Count         20   100  100           0  OK: il valore è normale
    C6  Off-Line Uncorrectable Sector Count  0    100  253           0  OK: sempre riuscito
    C7  Ultra ATA CRC Error Rate             0    199  199           1  OK: sempre riuscito

  [ Maxtor 6Y080L0 (Y28EZ37C) ]

    03  Spin Up Time                         63   252  252         597  OK: il valore è normale
    04  Start/Stop Count                     0    253  253           5  OK: sempre riuscito
    05  Reallocated Sector Count             63   253  253           0  OK: il valore è normale
    06  Read Channel Margin                  100  253  253           0  OK: il valore è normale
    07  Seek Error Rate                      0    253  252           0  OK: sempre riuscito
    08  Seek Time Performance                187  253  251       50185  OK: il valore è normale
    09  Power-On Time Count                  0    253  253        6488  OK: sempre riuscito
    0A  Spin Retry Count                     157  252  252           0  OK: il valore è normale
    0B  Calibration Retry Count              223  252  252           0  OK: il valore è normale
    0C  Power Cycle Count                    0    253  253          42  OK: sempre riuscito
    C0  Power-Off Retract Count              0    253  253           0  OK: sempre riuscito
    C1  Load/Unload Cycle Count              0    253  253           0  OK: sempre riuscito
    C2  Temperature                          0    253  253          52  OK: sempre riuscito
    C3  Hardware ECC Recovered               0    253  252        2639  OK: sempre riuscito
    C4  Reallocation Event Count             0    253  253           0  OK: sempre riuscito
    C5  Current Pending Sector Count         0    253  253           0  OK: sempre riuscito
    C6  Off-Line Uncorrectable Sector Count  0    253  253           0  OK: sempre riuscito
    C7  Ultra ATA CRC Error Rate             0    253  253           0  OK: sempre riuscito
    C8  Write Error Rate                     0    252  252           0  OK: sempre riuscito
    C9  <specifico del costruttore>          0    253  252           2  OK: sempre riuscito
    CA  <specifico del costruttore>          0    253  252           0  OK: sempre riuscito
    CB  <specifico del costruttore>          180  253  252           0  OK: il valore è normale
    CC  <specifico del costruttore>          0    253  252           0  OK: sempre riuscito
    CD  <specifico del costruttore>          0    253  252           0  OK: sempre riuscito
    CF  <specifico del costruttore>          0    252  252           0  OK: sempre riuscito
    D0  <specifico del costruttore>          0    252  252           0  OK: sempre riuscito
    D1  <specifico del costruttore>          0    187  187           0  OK: sempre riuscito
    63  <specifico del costruttore>          0    253  253           0  OK: sempre riuscito
    64  <specifico del costruttore>          0    253  253           0  OK: sempre riuscito
    65  <specifico del costruttore>          0    253  253           0  OK: sempre riuscito
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Postdi piercing » 04/09/05 15:56

te lo stavo dicendo io infatti di guardare con aida...

come vedi i parametri sono identici...

in hdd health manca la colonna del valore attuale... che compare invece in extended info (da questo punto di vista AIDA è sicuramente migliore)

lo SMART lavora con valori esadecimali (quindi da 0 a 255) che non sono standardizzati tra tutti i produttori... non cercare quindi di capirne "l'essenza"...

sta di fatto che per me 66°C sono un'enormità (e cmq lo senti anche a mano... in teoria non dovresti neanche riuscire a toccarlo)

Leggiti in proposito quest'articoletto...

http://www.serverworldmagazine.com/mont ... mart.shtml


Se volessi capire esattamente cosa vuol dire quel valore... dovresti andare sul sito del produttore dell'hd e vedere cosa indica e come viene letto lo specifico valore esadecimale.
Avatar utente
piercing
Moderatore
 
Post: 7569
Iscritto il: 10/04/02 10:34
Località: Roma

Postdi luna11 » 04/09/05 21:41

GAD ha scritto:Tanto per vedere se cambia prova a smontare l'hd dal case e tienilo volante appoggiato sul tavolo all'esterno del case.

Credo che questa operazione sia da sconsigliare nel modo piu assoluto.
La rotazione dei dischi genera molta energia statica che viene eliminata dalla massa del collegamento dell'hard disk col case.
Poi ci sarebbero le vibrazioni.
Insomma il rimedio rischia di essere peggiore del male.
luna11
Utente Senior
 
Post: 3634
Iscritto il: 10/08/01 01:00

Postdi GAD » 04/09/05 23:04

luna11 ha scritto:
GAD ha scritto:Tanto per vedere se cambia prova a smontare l'hd dal case e tienilo volante appoggiato sul tavolo all'esterno del case.

Credo che questa operazione sia da sconsigliare nel modo piu assoluto.
La rotazione dei dischi genera molta energia statica che viene eliminata dalla massa del collegamento dell'hard disk col case.
Poi ci sarebbero le vibrazioni.
Insomma il rimedio rischia di essere peggiore del male.

Boh,io l'ho sempre fatto e visto fare da altri e non abbiamo mai avuto problemi, forse abbiamo sempre avuto fortuna.
Ma la carica elettrostatica dell'hd non si scarica comunque da altre parti? tipo la massa dell'alimentazione stessa o attraverso un pin specifico del cavo?
Ci sono anche box usb in plastica per trasformare gli hd in portatili ma la massa non la hanno, almeno l'ultimo (una schizezzina costata poco) non l'aveva proprio. Anche i fissaggi erano di alluminio ma erano staffe inserite direttamente nel corpo plastico, niente di collegato a massa.
Quando l'ultimo albero sarà abbattuto,l'ultimo pesce catturato,l'ultimo fiume avvelenato,
soltanto allora gli uomini si accorgeranno chei soldi non possono essere mangiati
GAD
Moderatore
 
Post: 2184
Iscritto il: 22/09/02 14:36
Località: Nebbiosa

Postdi luna11 » 04/09/05 23:45

Questo è il collegamento che porta l'elettricità statica prodotta dalla rotazione dei dischi al corpo dell'hd e scaricabile a massa tramite collegamento al case.
Privare l'hd di questo collegamento non comporta necessariamente dei danni immediati alla periferica ma è pur sempre un rischio da tenere presente.
luna11
Utente Senior
 
Post: 3634
Iscritto il: 10/08/01 01:00

Postdi GAD » 05/09/05 00:16

Ok ma in teoria la massa del corpo metallico dell'hd non e' attaccata alla scheda madre e poi da li' all'alimentatore e da quello alla messa a terra casalinga tramite i soliti cavi? ci deve essere per forza qualcosa, altrimenti i nuovi case tutti in plexiglax o policarbonato accumulerebbero tanta elettricità statica da creare dei lampi all'interno, già basta strofinarli un po' che attirano i fogli di carta, con una fonte costante come motorini di hd e ventole diventerebbero un ambiente impossibbile per apparati elettronici
Quando l'ultimo albero sarà abbattuto,l'ultimo pesce catturato,l'ultimo fiume avvelenato,
soltanto allora gli uomini si accorgeranno chei soldi non possono essere mangiati
GAD
Moderatore
 
Post: 2184
Iscritto il: 22/09/02 14:36
Località: Nebbiosa

Postdi luna11 » 05/09/05 01:21

Per quanto ne sappia io ( pochino in verità) scaricare l'elettricità attraverso i cavi di alimentazione sarebbe possibile negli impianti provvisti di messa a terra ( gli spinotti a tre pin per intenderci) ma il cavo che porta l'alimentazione all'hd ne ha solo 2 ed è privo di messa a terra .
Per quanto riguarda i case ed i box in plastica non saprei cosa dirti visto che la mia segnalazione proviene dai dati forniti dai costruttori di HD.
Posso segnalarti un'altra stranezza , su tutti i computers l'ingresso sull'alimentatore è provvisto della presa di messa a terra ma molti cavi di alimentazione sono con ingresso triplo sullo spinotto da collegare al pc e doppio sul lato da inserire nella presa di corrente.
Come facciano questi apparecchi a scaricare a massa rimane un mistero e rimangono un mistero anche le tante avarie che subiscono i pc.
luna11
Utente Senior
 
Post: 3634
Iscritto il: 10/08/01 01:00

Postdi microguru » 05/09/05 08:21

Divagazione: Sono un "ex" perito elettrotecnico: ecco il mio contributo: i pc sono sprovvisti di una vera e propria "messa a terra", in quanto, per via della natura costruttiva dell'alimentatore, sono virtualmente "isolati" dalla rete a 220V. Il trasformatore infatti è composto da due nuclei con avvolgimenti separati, il che rende il pc elettricamente isolato da terra (il discorso ovviamente non vale per sovratensioni o sovracorrenti indotte). La foto che ha postato Luna mi sembra che mostri il collegamento dell'alimentazione ai circuiti induttivi del motore del disco. In forma teorica, le correnti statiche vengono sia assorbite dal case, sia scaricate su uno dei poli negativi, o cmq un polo dove c'è tensione minore (esistono +-5 Vcc, +-12 Vcc, in acuni casi +-7 Vcc, tutte coppie con cavo negativo). Far funzionare un Hd fuori dal case comporta rischi particolari per le correnti statiche in un numero bassissimo di casi. Più che altro (e l'ho visto accadere), stare attenti che non cadano oggetti sulla circuiteria mentre il disco è sul tavolo - tipo monete o cacciaviti: ho visto fulminare uno scasi da 120 Gb nuovo perchè "è scivolato il cacciavite".
Tornando a noi: Io uso Motherboard Monitor ed ho linkato una lettura di un valore con quella della temperatura dell'hard disk. Ok, devo essere onesto, non mi ricordo come ho fatto a scoprire che quel valore era la temperatura del disco ma ricordo che ho fatto parecchio fatica a scoprirlo: se sbagliavo a linkare il valore, il pc impazziva e andava in autoprotezione e si spegneva. Ho realizzato personalmente un sistema semplicissimo ed efficace per raffreddarlo:
Immagine
A pieno carico, la temperatura non supera mai i 36° C. Ovviamente anche il case dev'essere sempre ben ventilato. Son sicuro che la temperatura sia quella, perchè se spengo la ventola, questa sale immediatamente.

P.S.: Che belli i tempi in cui le temperature non erano un problema... ;)
**** COMMODORE 64 BASIC V2 ****
64K RAM SYSTEM 38911 BASIC BYTES FREE
READY.

Immagine
microguru
Utente Senior
 
Post: 1267
Iscritto il: 12/07/05 14:11
Località: Milano

Postdi Dylan666 » 05/09/05 11:50

Io proverei quella soluzione di cui hai messo pure figura, ma così risolvo il problema si è no di un HD e non di due, oltre al fatto che dovrei fare modifiche alla struttura che ora non ho la possibilità di apportare. Ora che ho più tempo mi dedicherò a varie prove, tipo case aperto e chiuso, ventola accesa o spenta, messa in alto o in basso ecc.

Il problema è che se alla fine la temperatura non varia non so che farci. Cioè, gli alloggiamenti per ora sono quelli che sono, quindi i due dischi li posso mettere solo uno sopra all'altro nei soli due slot che ho nella parte bassa del case. Il resto delle temperature poi sono buone perché la CPU è a 33° e la scheda madre a 37°. Quindi, dato che i Maxtor sono alloggiati dove dovrebbero e in un PC che ha tutte le altre temperature su valori ottimali, che ipotesi possi fare se non "scladano di loro" o "il sensore è in un posto sfigato"?
Avatar utente
Dylan666
Moderatore
 
Post: 38040
Iscritto il: 18/11/03 16:46

Postdi luna11 » 05/09/05 13:04

Ma il computer è provvisto di messa a terra come tutti i dispositivi elettrici aventi un corpo metallico.E questa massa è isolata dal circuito elettrico ( non potrebbe essere altrimenti )
Lo spinotto di ingresso posteriore ha un polo collegato alla massa metallica dell'alimentatore che fa corpo con il case.
Sulla scheda madre , in corrispondenza degli ingressi Mouse/tastiera, porte usb, etc. vi sono delle gabbiette metalliche che provvedono alla messa a terra di questi dispositivi e delle parti metalliche inutilizzate della stessa scheda madre tramite delle piccole alette poste sulla mascherina posteriore del case , i lettori ottici ed il floppy hanno un corpo metallico legato al case.
Il case insomma funziona come un " centro di raccolta" e scarica poi a terra attraverso il polo dell'ingresso posteriore dell'alimentazione.
Naturalmente con un cavo di alimentazione provvisto del filo di messa a terra . Questo porta il pc a funzionare correttamente , almeno dal punto di vista elettrico , e magari gli evita l'insorgere di tutte quelle avarie che non hanno una spiegazione logica apparente e che noi attribuiamo , forse frettolosamente , all'usura oppura alla sfortuna.
Per quello che riguarda gli hard disk ripeto che questi sono privi di sensori per il rilevamento della temperatura e quelle riportate dalle utility tipo HD Health sono simulate ed inducono un eccessivo allarmismo . Molto meglio il metodo della "manona". :lol:
luna11
Utente Senior
 
Post: 3634
Iscritto il: 10/08/01 01:00

Prossimo

Torna a Assistenza Hardware


Topic correlati a "Hard Disk uno con SMART impazzito e uno con temperatura alta":


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti